Curcuma, alleata nelle diete dimagranti. Come usarla

dddd

La curcuma è una spezia che può essere nostra alleata nelle diete dimagranti, in quanto favorisce la depurazione dell’organismo e aiuta anche a bruciare i grassi. Come usarla per trarne beneficio?

Proprietà dimagranti della curcuma

La curcuma, pianta della famiglia delle Zingiberaceae, ha molte proprietà, tra cui anche dimagranti, ma non solo. E’ senza dubbio antiossidante, antitumorale e depurativa. I suoi benefici si traggono anche a livelle di cistifellea e fegato, diventando così un’ottima alleata per la digestione. La curcuma è una pianta erbacea perenne, che si caratterizza per il suo intenso colore giallo ocra. Proviene dall’Asia Meridionale e, principalmente, la troviamo in India ed Indonesia. Proprio per la sua colorazione gialla, spesso viene anche chiamata con il nome di zafferano delle Indie. In queste zone è molto conosciuta, specialmente nella cucina indiana e di tutto il Medio Oriente in generale. Queste popolazioni usano addirittura mangiare le foglie di curcuma, molto versatili. La radice di curcuma viene impiegata da ben oltre 5000 anni nella medicina ayurvedica: ha, quindi, origini millenarie.

Nella dieta è molto utilizzata in ricette particolari, proprio per le sue proprietà dimagranti e brucia grassi. Dobbiamo considerare, inoltre, che è davvero ricca di vitamine, in special modo del gruppo C, B, K ed E. Al suo interno contiene anche molti sali minerali, proteine, glucosio e fruttosio. La componente principale di tale spezia è la curcumina, che in alcuni casi viene assunta anche tramite integratore alimentare. Le sue proprietà sono molteplici, compresa quella riferita al dimagrimento. La curcuma stimola il nostro organismo a rilasciare l’adinopectina: questa è un’importante molecola che permette l’utilizzo dei grassi accumulati per riserva e, inoltre, aiuta anche il nostro fegato nella metabolizzazione dei grassi assunti durante i nostri pasti. La curcumina, inoltre, riduce l’infiammazione cronica e, facendo ciò, permette di evitare alcune cause di obesità e di patologie come il diabete di tipo 2, la depressione, il cancro. Abbiamo visto come la curcuma aiuti anche a depurare tutto l’organismo, eliminando lo stress ossidativo dai cibi che sono più dannosi. Riesce, inoltre, a garantire protezione sulla mucosa intestinale e su quella gastrica, anche se in caso di particolari malattie in tali zone, spesso è sconsigliato il suo utilizzo. Sempre meglio chiedere al vostro medico, in questo caso particolare. Facendo sentire meno la sensazione di fame e stimolando, così, la buona funzionaità della leptina, riesce a regolare il senso di sazietà. Ciò va a vantaggio anche delle persone obese, che hanno una resistenza alla leptina che non permette di lanciare il segnale di sazietà al cervello, inducendo così queste persone a introdurre sempre maggiori quantità di cibo nel proprio corpo. Infine, la spezia riesce efficacemente a combattere anche l’odiatissima buccia d’arancia, grazie alla sua capacità di smuovere il sistema linfatico e circolatorio, che è responsabile della cellulite. Oltre a consumare la curcuma, infatti, in molte creme anticellulite tale spezia è presente.

La curcumina è anche un’alleata per combattere il diabete, aiutando l’organismo a metabolizzare correttamente gli zuccheri nel nostro corpo. Gli effetti della curcuma sul nostro corpo sono dimostrati, attraverso numerosi studi condotti dall’Università La Sapienza di Roma, che hanno affermato le benefiche proprietà di questa conosciutissima spezia. Più in generale, i ricercatori sono stati colpiti dal fatto che, le zone dell’India e dell’Indonesia hanno una bassissima concentrazione di tumori. Si sono chiesti, quindi, cosa utilizzassero per prevenire queste gravi malattie. Il massiccio uso di curcuma potrebbe essere la risposta a ciò. La curcuma sembra, infatti, una perfetta alleata per prevenire il cancro al seno, ma non solo: numerosi studi hanno dimostrato la sua protezione riguardo alcune malattie dell’apparato digerente, in particolare dello stomaco, del fegato, dell’intestino e del colon. Aiuta, infatti, a far addirittura regredire le cellule tumorali: per questo motivo, è consigliata come integratore anche da tutti coloro che ormai sono già colpiti da un cancro, per cercare di ridurre la diffusione di tale grave malattia e di limitarne i danni anche nel tempo. Utilizzarla, quindi, crea assolutamente dei vantaggi e, tranne casi particolari, non ci sono specifiche controindicazioni: la potete utilizzare in tutta tranquillità.

Ricette dimagranti con curcuma

Su Internet è possibile trovare molte ricette dimagranti con la curcuma. Basta fare un giro sul web per soddisfare la nostra curiosità. E’ possibile utilizzarla sulla pasta, sulla carne, sul pesce e anche per preparare gustosi contorni. Un secondo proteico, ad esempio, della tradizione orientale è rappresentato dai ceci con la curcuma. Realizzare tale ricetta è davvero molto semplice: abbiamo solo bisogno di ceci secchi, uno spicchio d’aglio, qualche cucchiaino di curcuma in polvere, erbe aromatiche a piacere, peperoncino, sale e pepe. Lasciamo i ceci in acqua per una notte per farli ammorbidire (se volete potete anche aggiungere all’acqua un cucchiaino di bicarbonato di sodio, per farli rimanere morbidi), poi li sciacquiamo e li lessiamo in acqua salata per circa 90 minuti. Facciamo rosolare delicatamente l’aglio in padella assieme all’olio, alle erbe aromatiche, alla curcuma e al peperoncino. Uniamo poi i ceci cotti e scolati, mescoliamo in padella qualche minuto e andiamo a servire. Con la curcuma è possibile realizzare anche sfiziosi primi piatti: ecco, ad esempio, un ottimo risotto alla curcuma. Abbiamo bisogno di riso per risotti, qualche cucchiaio di parmigiano, 20 g di pinoli, sedano, carota, scalogno, 2 cucchiai di formaggio cremoso, olio d’oliva, 2 cucchiaini di curcuma, pepe e sale. Andiamo a tritare tutte le verdure già menzionate, cuociamo il riso il 3 cucchiai d’olio assieme alle verdure e versiamo, poco alla volta, acqua bollente salata o, se preferite, un po’ di brodo vegetale. Riduciamo in scaglie metà parmigiano e poi grattugiamo il resto. Quello grattugiato lo andremo a mescolre con la curcuma e con il formaggio cremoso; nel frattempo, dobbiamo rosolare i pinoli in una padellina, assieme a poco olio. A fine cottura, mettiamo il riso nei piatti, uniamo una cucchiaiata di formaggio alla curcuma, aggiungiamo il parmigiano grattugiato, i pinoli tostati e andiamo a servire.

Piperina e curcuma

L’associazione della curcuma con la piperina è molto frequente negli integratori. Come mai avviene questo? Anche la piperina, così come la curcuma, è un’ottima alleata bruciagrassi. L’associazione di queste due sostanze non può, quindi, che aumentare l’effetto che già ognuna ha in sé. Che cos’è la piperina? Non è altro che una sostanza che è presente nel pepe nero. Le sue proprietà sono note per il benessere dell’organismo. Gli integratori a base di piperina, meglio ancora se vengono associati alla curcuma, ci aiutano a perdere peso e a dimagrire. E’ proprio la piperina che conferisce il gusto piccante al pepe nero e, in genere, ne contiene in una quantità che va dal 5% all’8% in ogni chicco di pepe. Possiamo, quindi, assumerla utilizzando il pepe nella nostra cucina, ma anche tramite alcuni integratori che si possono trovare in commercio. Oltre a bloccare la formazione di grasso, la piperina è utile per ridurre il livello di lipidi nel sangue. Inoltre, aumenta anche la secrezione dei succhi digestivi, permettendo una migliore digestione dei cibi e accelerando anche il metabolismo. E’ un ottimo antiossidante e, quindi, permette di ridurre i danni provenienti dai radicali liberi. I suoi benefici non si fermano qui: la piperina aumenta la pigmentazione della nostra pelle,qualora venga esposta ai raggi UVB solari o artificiali. Per questo motivo, può essere anche un’ottima alleata della nostra abbronzatura in estate, cosa da non sottovalutare. Tali integratori si possono trovare in commercio in farmaci, in erboristeria, oppure online. In questo ultimo caso dobbiamo fare, però, particolarmente attenzione, perché le frodi online sono sempre all’ordine del giorno e, per questo, occorre accortezza negli acquisti. Negli integratori, assieme alla curcuma e alla piperina, è possibile trovare il pepe di Cayenna, il guaranà oppure la capsaicina, elemento essenziale contenuto nel peperoncino rosso e responsabile del sapore piccante di quest’ultimo. Il peperoncino e il guaranà vantano, anch’essi, proprietà dimagranti.

Piperina e curcuma plus

La piperina e la curcuma possono essere associate anche in quantità maggiori: è così che nascono integratori come Piperina e curcuma plus. La loro attività viene molto potenziata. La composizione di tali tipi di integratori è al 100% d’origine naturale. Oltre alla piperina e alla curcuma, tali integratori contengono spesso i Ribolife, che sono un gruppo di nucleotidi che permettono di potenziare gli effetti delle sostanze già presenti. Generalmente, si assumono due volte al giorno, con due capsule da ingerire con abbondante acqua, preferibilmente a pranzo e a cena.

Tali prodotti sono, però, sconsigliati a chi è in gravidanza, a chi soffre di emorroidi, a chi ha ipertensione e a chi ha problemi a livello gastrico, ad esempio sofferente di reflusso gastroesofageo. Stimolando i succhi digestivi, infatti, la curcuma e la piperina potrebbero causarvi bruciori di stomaco che, in ogni caso, andrebbero a diminuire dopo l’interruzione della loro assunzione. Da evitare il consumo anche per chi soffre di patologie renali. Se avete necessità di perdere qualche chiletto e volete, inoltre, anche depurarvi dalle scorie e dai radicali liberi, la curcuma è sicuramente la spezia che fa per voi. Abbiamo, inoltre, visto come questa radice possa aiutarvi nel combattere la cellulite, cruccio per eccellenza delle donne mediterranee, potendola trovare in creme e oli essenziali. Ricordiamo, infine, che l’uso di tale integratore, per avere i massimi benefici, deve essere sempre associato ad una dieta varia, ricca e controllata, assieme ad un buon livello di attività fisica: in questo modo, i benefici si vedranno prima e saranno anche più duraturi.

Leggi anche

11 settembre 2017 0

Carenza o mancanza di vitamina d: sintomi e conseguenze

La vitamina D è una vitamina importantissima che viene sintetizzata dal nostro organismo, grazie ai raggi [...]