Notizie.it logo

Bacche di acai

Bacche di acai

Sotto l’aspetto nutrizionale le bacche di acai contengono antiossidanti, merito del pigmento viola tipico di questi frutti, che combattono i radicali liberi i quali, in quantità eccessiva, possono provocare danni alla salute soprattutto a livello del cuore.

Il pigmento viola contiene antociani, fitonutrienti contenuti anche nei frutti di bosco, e che fanno da antiossidanti.

Le bacche di acai pare abbiano lo stesso effetto antinfiammatorio dei farmaci analgesici, soprattutto abbassano il rischio di incorrere in ictus e patologie cardiache.

Sembra che questi frutti aiutino la perdita di peso perchè riducono l’appetito e favoriscono l’aumento di energia. In realtà non esistono prove scientifiche che confermano questa ipotesi. Tuttavia se volete provare a perdere peso consumando bacche di acai aggiungetele a dessert ipocalorici come yogurth o all’impasto dei muffin.

Le bacche possono essere aggiunte ai cereali della prima colazione, al muesli o alla farina d’avena. Oppure si possono usare per aggiungere più gusto alle pietanze sfruttando così i loro effetti benefici.

Le bacche sono disponibili anche in polvere sottoforma di integratore o bevande, formati che rendono più pratico il loro utilizzo. La polvere viene utilizzata aggiunta a yogurth o latte vegetale per fare i frullati. In commercio si trova anche il formato in capsule che è il più economico ed è venduto in erboristeria o nei negozii di alimenti biologici.

Basta assumerne 2 capsule al giorno.

Tuttavia le bacche di acai da sole non aiutano a perdere peso, bisogna sempre e comunque seguire un’alimentazione ipocalorica e praticare della regolare attività fisica per vedere l’ago della bilancia spostarsi verso il basso.

Le bacche di acai sono controindicate per chi sta effettuando trattamenti chemioterapici contro il cancro in quanto gli stessi antiossidanti contenuti nei frutti riducono l’efficacia dei farmaci utilizzati per la chemioterapia.

Questi frutti possono provocare reazioni allergiche, evitarli se si è allergici al cocco o ai datteri. In questo caso si possono avere sintomi come eruzioni cutanee, orticaria e prurito oltre che problemi respiratori.

Le bacche di acai inoltre contengono teobromina, una sostanza eccitante simile alla caffeina, che nelle persone sensibili può provocare ansia, insonnia, tremore e palpitazioni.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.