Notizie.it logo

Branko Čušin e l'arte di fare arte con le api

Branko Čušin e l'arte di fare arte con le api

L’arte è piena di api. Ma soprattutto di artisti che hanno unito alla passione per l’arte quella per l’apicoltura. Branko Čušin da Jesenice, vicino al lago di Bled, in Slovenia, è uno di questi. La sua rivisitazione in chiave apistica di San Giuseppe non è, infatti, un caso isolato nella sua produzione artistica.

Pur non essendo mai stato un allevatore di api, l’artista scomparso nel 2009 era un grande appassionato di apicoltura e in molte sue opere si ritrovano riferimenti apistici: dalle api agli apiari, agli apicoltori.

Il suo interesse, tuttavia, si è spinto anche oltre i contenuti, condizionandone perfino la tecnica pittorica. Accanto alla tecniche tradizionali di pittura, egli ne utilizza, infatti, un’altra abbastanza particolare che consiste nel dipingere tavole di legno col propoli. I suoi lavori eseguiti con questa tecnica e riuniti sotto il titolo di “Art propoli” sono stati esposti in occasione del Congresso di Apimondia, tenutosi nel 2003 a Ljubljana (Slovenia), dove ha vinto una medaglia di bronzo. Tra questi si ricorda il “Sant’Ambrogio, protettore degli apicoltori italiani e sloveni” dipinto con il propoli su legno d’acero (foto a lato, tratto da Le api nell’iconografia dei Santi, per gentile concessione dell’Autore, Renzo Barbattini).

Branko Čušin ha tenuto numerose mostre in Slovenia e in Austria e a conferma del forte legame che unisce apicoltori italiani e sloveni, circa quindici anni fa fu invitato dall’Associazione Apicoltori dell’Alto Adige a dipingere alcuni vecchi apiari di quella regione.

È un vero peccato, però, che tale sodalizio culturale non abbia ancora prodotto per questo artista materiale divulgativo disponibile online e in una lingua a noi comprensibile. Dalle mie ricerche, risultano, infatti, pochi documenti isolati e quasi esclusivamente in sloveno. Confido che a oltre un anno dalla scomparsa, gli amici della Slovenia vogliano far qualcosa per valorizzare questo artista a suo modo geniale, aiutando noi italiani a conoscerlo e con lui a conoscere ancora meglio il mondo dell’ “arte apistica”.

Nell’attesa, consoliamoci con una ricetta leggera leggera a base di miele.

Le immagini dell’artista al lavoro di questo post sono tratte da SIVIC F., 2003 – Ziveti s cebelami (Vivere con le api). Ministrsvo za kmestijstvo, gozdarstvo in prehrano (Republike Slovenije): 100 pp. Se volete approfondire che cosa è il (o la) propoli potete leggere l’introduzione dell’articolo: La propoli. Metodi per la produrla.

Notiziario ERSA, 2006; 19(2):60-64 (BARBATTINI R. in coll. con GREATTI M.).

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.