Dolcificanti naturali

Lo zucchero bianco è molto demonizzato, e spesso a giusta ragione, in quanto si tratta di un alimento a calorie vuote, calorie che derivano da carboidrati, ma senza alcun valore nutrizionale quindi.

Inoltre lo zucchero bianco, come abbiamo visto più volte, causa forti impennate della glicemia e quindi una temporanea sferzata di energia seguita da un rapido crollo.

Per questo motivo l’energia apportata dal consumo di zucchero è momentanea, dopo infatti ci ci sente più stanchi di prima.

Ovviamente queste impennate glicemiche predispongono alla lunga a patologie come l’obesità ad esempio.

Ecco perchè spesso è indispensabile evitare l’uso dell zucchero e, se proprio non si può fare a meno di dolcificare, servirsi di alternative naturali.

Ecco 5 dolcificanti naturali utili soprattutto se si è a dieta
Stevia – si tratta del dolcificante di ultima generazione, senza calorie e senza particolari controindicazioni.

Deriva dalla pianta di stevia originaria del Sud America utilizzata per secoli come pianta medicinale.
Dalle foglie di stevia vengono estratti 2 composti, Stevioside e Rebaudioside A, dolci cento volte in più dello zucchero. La stevia è composta come dolcificante per il 10 % da stevioside.

Può essere utilizzata in polvere e liquida per dolcificare bevande o nella preparazione di dolci, anche se se ne apprezza di più il sapore dolce nelle bevande fredde.

Eritritolo – si tratta di un alcol di zucchero presente in alcuni frutti, ma che in commercio si trova sotto forma di polvere creata attraverso un processo industriale.
E’ un dolcificante che non provoca alcun effetto collaterale, se non problemi digestivi a dosi elevate, apporta 0,24 calorie per grammo, ma non ha alcun effetto su colesterolo e trigliceridi e non causa alcuna sensibilità all’insulina. Per questo rappresenta una valida alternativa naturale allo zucchero bianco.

Mannitolo – ecco un altro alcol di zucchero che si trova in natura nelle fragole, nelle cipolle, nel sedano, nei funghi e nella zucca. In commercio si trova sotto forma di fruttosio derivante dall’amido di mais.
Apporta circa 1,6 calorie per grammo, si trova anche in gelatine e marmellate ed è un’ottima alternativa allo zucchero bianco soprattutto per i diabetici.
Xilitolo – alcol di zucchero presente nella frutta e nella verdura di tipo fibroso. Viene estratto per uso commerciale dalla corteccia della betulla. Apporta tra 1,9 e 2,4 calorie per grammo e dolcifica 60 volte in più dello zucchero. Viene normalmente utilizzato per dolcificare tè, caffè e lievito. Sorbitolo – deriva dal glucosio in amido di mais e apporta circa 2,6 calorie per grammo. Viene utilizzato in gelatine, marmellate, prodotti da forno e dolci.
Il sorbitolo dolcifica 60 volte in più rispetto allo zucchero bianco e può avere effetti lassativi se consumato in dosi eccessive.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’Inter dei miracoli e basta

Prandelli, un’architetto nel pallone

Leggi anche
  • Come non ingrassare prima delle feste: i cibi detoxCome non ingrassare prima delle feste: i cibi detox

    Come non ingrassare prima delle feste è prerogativa di molti. Scopriamo insieme come farlo con i cibi detox.

  • limoniLimoni, gli agrumi che rinforzano il sistema immunitario

    I limoni contengono sali minerali e vitamina C, sostanze che favoriscono la digestione e depurano l’organismo

  • carenza ferroCarenza di ferro: quali cibi bisogna mangiare?

    In caso di carenza di ferro, si raccomanda di mangiare carne rossa e bianca, pesce azzurro, uova e verdure a foglia verde scuro

  • Alimenti e integratori di vitamina AVitamina A: dove si trova e integratori naturali

    Una carenza di vitamina A può creare diversi scompensi al nostro organismo. Vediamo insieme dove si trova, quali alimenti mangiare per farne scorta

Contents.media