I benefici delle spezie nell'alimentazione sana

Insaporire gli alimenti che portiamo in tavola con le spezie al posto del sale apporta notevoli benefici alla salute, sempre che questa buona abitudine sia inserita all’interno di un’alimentazione sana.

Ogni spezia ha una sua particolarità e proprietà, sapete ad esempio che il peperoncino grazie alla capsaicina contenuta stimola il metabolismo attraverso l’effetto termogenico? Un motivo in più per condire i vostri piatti con questa spezia piccante, soprattutto se avete da perdere qualche chilo!

Il peperoncino allevia inoltre i sintomi del mal di gola e dell’influenza, riduce il gonfiore dovuto alla presenza di aria nell’intestino ed è ottimo mescolato ad un alimento dolce, come la cioccolata in tazza ad esempio, in quanto crea un contrasto molto piacevole per il palato.

Ma ci sono diverse spezie che proteggono l’organismo da patologie molto serie come quelle tumorali, le patologie cardiovascolari e il diabete.

Questo accade perchè alcune hanno il potere di frenare l’infiammazione che è alla base di queste malattie.

Ad esempio la cannella è la spezia con un potere antiossidante molto alto, riduce il livello degli zuccheri nel sangue e per questo protegge dal diabete, protegge dall’ulcera ed è un ottimo antinfiammatorio. Aggiungetela al vostro caffè o alla farina d’avena e vi garantirete la salute delle arterie e la riduzione del colesterolo.

Timo e origano vantano virtù antisettiche e antibatteriche. Il primo ha dimostrato di riuscire a sconfiggere le infezioni resistenti agli antibiotici e di stimolare il sistema immunitario, mentre il secondo è ricco di antiossidanti e contiene timolo e carvacol, due potenti agenti antibatterici. L’origano inoltre, è ottimo per alleviare i sintomi delle malattie respiratorie e sciogliere il muco.

E come non aggiungere alla carrellata di spezie benefiche il mio amato zenzero!

Di questa spezia dalle origini asiatiche vi ho parlato qui.

Il nome “Zanzibar”, l’isola delle spezie per eccellenza, pare tragga origine proprio dalle piantagioni di zenzero che predominano nell’isola.

Lo zenzero è un ottimo antinausea, antiemicranico e antinfiammatorio e vanta virtù di stimolatore del metabolismo, un po’ come “i suoi simili”, peperoncino e cannella.

Può essere assunto sottoforma di infuso, facendo bollire fettine di zenzero fresco e poi filtrando, oppure in capsule, formulazione questa, adatta a chi ha problemi di stomaco.

Lo zenzero si può spolverare o grattuggiare sulle pietanze e si abbina molto bene con i dolci.

La curcuma dal colore giallo paglierino dato dal suo componente, il curry, trova le sue origini in India e vanta interessanti proprietà antitumorali. Viene utilizzata per problemi cutanei, per curare le ferite e come antinfiammatorio e per problemi digestivi. Si usa mescolata ai condimenti con olio e aceto, o come spezia per il cous cous.

Il cardamomo infine, facilita la digestione, elimina i gas intestinali ed è molto efficace contro asma e tosse. Provate a macinare un po’ di baccello di cardamomo e aggiungete la polvere ad una bella macedonia di frutta.

LINK UTILI:

Sicurezza alimentare: il 7% delle spezie importate negli USA contaminate da salmonella

Spezie ed erbe aromatiche: il cardamomo

Zuppa di carote e zenzero: un primo piatto light e profumato

 

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tumore al polmone, fondamentale la prevenzione: le iniziative di Walce

Dieta ; Mantenimento

Leggi anche
Contents.media