I consigli degli esperti per la dieta a zona e quanto si dimagrisce

I sostenitori della dieta Zona, in primis il suo ideatore Barry Sears,  affermano che rimanere “in zona” contribuisca a far perdere peso in modo duraturo, ma non solo, i benefici infatti vanno da una maggiore concentrazione al ritardo dei segni dell’invecchiamento.

La teroia su cui si basa la Zona consiste nel fatto che controllare l’insulina serva a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue e questo si tradurrebbe in perdita di peso proprio perchè si evitano in tal modo impennate della glicemia.

Questo meccanismo si ottiene mantenendo, sempre secondo i principi della zona, un corretto equilibrio tra i macronutrienti, quindi carboidrati, proteine e grassi in un rapporto di 40:30:30.

Quindi 40% di carboidrati, 30% di proteine, 30% di grassi in ogni pasto, proprozione che si ottiene attraverso il calcolo dei blocchi, leggi qui.

E’ indubbio che il corretto equlibrio tra macronutrienti, base di ogni regime dietetico sano possa tradursi in benefici a livello di salute, tanto più che l’assunzione di acidi grassi omega 3 e omega 6, frutta e verdura migliora il sistema cardiovascolare e le funzioni fondamentali dell’organismo.

La perdita di peso per chi rimane in zona si attesta intorno ai 2 kg la prima settimana e circa 1 kg e 200 la seconda.

Tuttavia i maggiori nutrizionisti nutrono seri dubbi sul fatto che la perdita di peso sia dovuta al controllo dell’insulina, sostengono infatti che a far dimagrire non è altro che il ridotto apporto calorico dovuto all’eliminazione di amidi e zuccheri, risultato ottenibile semplicemente riducendo le porzioni nella normale alimentazione quotidiana e assumendo alimenti sani.

Gli esperti inoltre sostengono che l’eliminazione alimenti ricchi di vitamine e fibre come i cereali integrali e di formaggi contenenti calcio e zinco, non sia corretta, come pure il calcolo dei blocchi troppo complicato che spingerebbe ad acquistare gli alimenti zona già confezionati in base al rapporto 40:30:30, e che tra l’altro non sono proprio a buon mercato.

Gli esperti quindi affermano che gli stessi risultati che si ottengono con la dieta zona in termini di peso, possano essere ottenuti seguendo una dieta ipocalorica da 1000-1300 calorie semplicemente riducendo le porzioni, gli zuccheri e dando la preferenza ai grassi buoni eliminando quelli saturi e riducendo drasticamente i fritti e gli intingoli.

LINK UTILI:

Dieta a Zona, il compilatore gratuito e automatico

La dieta a Zona vegetariana

Esempio di dieta a Zona settimanale per dimagrire facilmente

 

© Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosmesi naturale, olio anticellulite: il nostro video tutorial

L'Italia a Vancouver 2010: i risultati della prima giornata

Leggi anche
  • parmigiano reggianoParmigiano Reggiano: gli abbinamenti migliori per ogni stagionatura

    Il parmigiano reggiano è uno degli ingredienti più amati della cucina italiana, vediamo alcuni nuovi abbinamenti da usare durare i pasti.

  • Dieta delle Zone Blu: cos'è, quando farla e controindicazioniDieta delle Zone Blu: cos’è, quando farla e controindicazioni

    La dieta delle Zone blu, delle diverse regioni del mondo record della longevità, è una delle diete più seguite. Ecco di cosa si tratta e quando seguirla.

  • Quali sono le controindicazioni delle bacche di Maqui?Quali sono le controindicazioni delle bacche di Maqui?

    Le bacche di Maqui, tipiche della Patagonia, hanno anche degli effetti collaterali. Ecco di cosa si tratta.

  • Tisana asparago: benefici e proprietàTisana asparago: benefici e proprietà

    Tisana asparago, tutti i benefici e le proprietà che contiene questo alimento, utile in cucina ma non solo. Ha effetti benefici sull’organismo, sulla pelle.

Contentsads.com