Il cervello ha bisogno di zucchero (?)

Accennavamo, qualche giorno fa, ai tanti luoghi comuni di cui ci infarciscono i media.
A volte si tratta, dicevamo, di notizie “desunte” da ricerche scientifiche e diffuse in maniera distorta a causa di errori logici. Altre volte volte la distorsione viene creata di proposito per ottenere un ritorno commerciale, di immagine o – più in generale – di autorevolezza.

Tuttavia, lo abbiamo detto, bisogna fare attenzione alle semplificazioni. Un qualche consorzio dei distributori italiani dello zucchero anni fa ci diceva da TV e giornali che “il cervello ha bisogno di zucchero. Trattandosi di spot a pagamento, ed essendo i committenti degli spot venditori di saccarosio (il comune zucchero da cucina), appare evidente come i signori in questione cercassero di convincerci che il cervello ha bisogno di saccarosio. Dunque, se non mangiassimo saccarosio il nostro cervello dovrebbe – secondo costoro – andare incontro a malfunzionamenti, o forse smettere di funzionare del tutto.

Mi sento di rassicurare tutti, mamme comprese, sul fatto che, seppure l’intera produzione di saccarosio del pianeta venisse mangiata dalle cavallette, il cervello di tutti continuerebbe a funzionare come prima: cioè male per alcuni, meglio per altri. Anzi, mi sento di compromettere la mia immagine professionale dichiarando in questa pubblica piazza virtuale che senza saccarosio il nostro cervello potrebbe addirittura funzionare meglio. Non siamo dei cesti da merenda vuoti, da riempire di provviste per non restarne privi: l’organismo ha per fortuna la capacità di elaborare sostanze, trasformare le une nelle altre, creare barriere che consentono il dosaggio e la selezione di molecole praticamente a tutti i livelli di assimilazione ed utilizzo.

Dal punto di vista fisiologico, il saccarosio non è una sostanza né necessaria né benefica.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’arte 2.0 sbarca a Genova

Francesco Giombarresi, "pittore-contadino e uomo astroso"

Leggi anche
  • zumba1Zumba 2.0: cos’è, benefici e per chi è indicata

    Zumba 2.0, di cosa si tratta, tutti i benefici di questa disciplina e per chi è indicata

  • dancePole dance: cos’è, benefici e per chi è indicata

    La pole dance è una disciplina che negli ultimi anni è sempre più di tendenza. Ecco di cosa si tratta e chi può praticarla.

  • danza1Danza da adulti: quale tipologia scegliere?

    Se si vuole intraprendere la strada del ballo da adulti, ecco quale scegliere

  • wellness g45bf15646 1920Osteopatia e Attività Sportiva: Perché è Importante

    Gli sportivi professionisti, nella costante ricerca della performance ideale, mettono il proprio fisico sempre più alla prova, specialmente negli ultimi anni, essendo la competizione tra i partecipanti sempre più intensa

Contentsads.com