La bufala dell'indice glicemico

di Gianfranco Di Mare

Performance Engineer
 

L’indice glicemico è una nozione che oggi va molto di moda. Molte diete commerciali, anzi, si basano proprio su questo parametro. Anche questa volta, ci troviamo di fronte ad uno di quei casi in cui il commercio ed il sentito dire hanno distorto quasi completamente la – elementare – verità scientifica delle cose.

Cerchiamo di fare chiarezza…

Quando si mangiano sostanze che contengono amidi, carboidrati, zuccheri, complessi o semplici che siano, il livello di glucosio nel sangue, com’è giusto, aumenta: tutti i carboidrati assunti con l’alimentazione vengono trasformati in glucosio ed immessi nel sangue perché raggiungano i tessuti. A questo punto entra nel sangue anche un’apposita sostanza, l’insulina, che porta il gucosio nelle cellule (soprattutto nel fegato e nei muscoli).

Una produzione eccessiva di insulina è problematica per l’organismo, soprattutto se si mangiano troppi carboidrati: troppa insulina abbassa drasticamente la glicemia (il livello di glucosio nel sangue), facendoci venir fame rapidamente e facendoci sentire deboli. Inoltre, una volta che i depositi di glucosio in fegato e muscoli siano pieni, il glucosio in eccesso viene trasformato in grassi.

La quantità di insulina immessa nel circolo sanguigno dipende, per una persona sana, da due elementi: quanto velocemente sale la glicemia ed a che valore arriva.

E questo dipende da che tipo di carboidrati abbiamo mangiato nel pasto, e dalla loro quantità.
Ci sono cibi che fanno aumentare molto velocemente la glicemia, altri che la fanno aumentare lentamente. Questa caratteristica si misura tramite un numero, l’indice glicemico dell’alimento. Più il suo valore è basso, più lentamente una quantità prestabilita di questo alimento fa salire la glicemia.

Fin qui teoria, e scienza. Nel prossimo post ci occuperemo, invece, di speculazioni e mitologie.

Restate in campana ;-D

Image courtesy sporttraining.net

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La dieta contro la cellulite, quali alimenti evitare per dimagrire

Yoga ; Posizioni ; Mal di schiena

Leggi anche
  • combattere ansia allenamentoCome combattere l’ansia con l’allenamento

    E’ possibile combattere l’ansia allenandosi in maniera regolare e praticando trekking, corsa o yoga

  • eserciziI migliori esercizi per contrastare la cellulite su gambe e glutei

    Per contrastare la cellulite su gambe e glutei è possibile praticare frequentemente alcuni esercizi: scopriamo quali sono i migliori.

  • yogaYoga e mindfulness: quali sono i benefici di queste pratiche

    Praticare yoga e mindfulness è un ottimo modo per ritrovare il benessere sia fisico che mentale. Scopriamo i benefici che si ottengono.

  • attività fisica longevità sanaAttività fisica: l’allenamento per una longevità sana

    Per godere di una sana longevità occorre praticare attività fisica regolarmente e in maniera moderata

Contents.media