La spesa per dimagrire

Per perdere peso abbiamo bisogno di sapere qual è il tetto calorico giornaliero da non sforare. Sulle etichette di quasi tutti i prodotti ormai, sono elencate le calorie per 100 gr di alimento e per porzione.

In questo modo potremo sapere quante calorie stiamo ingerendo in quel momento e regolarci di conseguenza.

In diverse occasioni vi ho spiegato quanto sia importante una dieta bilanciata che non elimini i carboidrati. Questa categoria di macronutrienti infatti è essenziale per fornirci il carburante, l’energia per tutto il giorno.

Quando fate la spesa assicuratevi di acquistare pane integrale al 100%. Molti produttori infatti per migliorarne il sapore e favorire la lavorazione dell’impasto aggiungono alla farina integrale quella bianca, spacciando il pane per integrale, quando in realtà non lo è.

Il pane integrale è scuro, quello semi integrale tende al chiaro.

Se mi seguite sapete bene che i carboidrati raffinati e quindi farina bianca e zuccheri ad esempio hanno un alto indice glicemico e quindi provocano forti impennate della glicemia seguite da un rapido crollo degli zuccheri. Questo processo favorisce alla lunga l’obesità e le patologie correlate e soprattutto lascia senza energie.

Se invece pane e pasta sono integrali al 100% avrete un rilascio degli zuccheri più lento, a lungo termine dato il basso indice glicemico di questi alimenti e in più farete il pieno di fibre che stimolano il senso di sazietà e aiutano la perdita di peso perchè fanno da spazzine dell’organismo aiutandolo ad eliminare più facilmente scorie e tossine agevolando il lavoro dell’intestino.

Valide alternative che ormai non costituiscono più monopolio dei negozio di alimenti naturali e che quindi trovate anche al super sono i cereali alternativi, avena, kamut, orzo, farro sempre in versione integrale e i cosidetti pseudocereali, quinoa, grano saraceno e amaranto.

Questi alimenti hanno un basso indice glicemico e saziano molto. La quinoa in particolare è anche molto proteica e le proteine agevolano il rilascio di energia dei carboidrati regolarizzandolo.

Nel reparto zuccheri eliminate tutto lo zucchero bianco e di canna che di calorie vuote ne ha uguali al primo.

Scegliete per dolcificare la stevia che ha 0 calorie e lo sciroppo d’agave in piccole dosi che non solo darà un gusto aromatico al vostro caffè, ma fornisce anche diversi nutrienti.

Largo dalle salse e dagli intingoli vari. No alle brioche e al pancarrè ricco di zuccheri. Orientatevi possibilmente su prodotti non trasformati e non confezionati. Quindi no ai wurstel, agli insaccati che contenendo molto sale favoriscono la ritenzione idrica e sì invece alle verdure e alla frutta non zuccherina.

Evitate accuratamente il reparto delle bibite zuccherate e delle merendine e biscotti. Quei grossi biscottoni che ci spacciano per light spesso sono una miniera di grassi e calorie inutili e deleteri per la salute e per la linea.

Per la colazione mattutina avete mai pensato ad un paio di crepes con uova e farina integrale e farcite con marmellata senza zucchero?

Cercate di evitare il latte di mucca e scegliete quello vegetale molto più sano. Purtroppo non tutti sanno che l’organismo umano non è fatto per tollerare il latte di mucca, ma solo quello materno. Ecco perchè molti bimbi con lo svezzamento soffrono di dermatiti e allergie.

Fate attenzione anche ai latticini, sono molto grassi. Per questo motivo preferite la ricotta che è uno dei formaggi più magri in assoluto e qualche volta formaggio primo sale o mozzarella. I formaggi stagionati invece sono quelli più calorici anche se più nutrienti ed energetici. Quindi se siete a dieta no a grana e simili.

Se riuscirete a riempire il carrello di frutta e verdura in primis e alimenti sani come vi ho consigliato, vedrete che ci guadagnerà non solo il vostro girovita, ma soprattutto la vostra salute.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Zenzero proprieta

Influenza intestinale: cause, sintomi e rimedi naturali

Leggi anche
Contents.media