L’ultimo film di Almodóvar è frutto di un’emicrania

"È nato nel buio della stanza in cui per mesi ho vissuto come un prigioniero a causa di un tremendo mal di testa." Lo ha rivelato Pedro Almodovar al mensile Ciak, spiegando come gli è venuta l'idea per la sua ultima fatica cinematografica.

Quella che potrebbe sembrare una battuta in realtà fa riferimento ha un vero problema di salute che affligge il regista spagnolo da parecchio tempo, ma che recentemente si è manifestato in modo più acuto e grave del solito, tanto da costringerlo a un isolamento forzato in cerca di un po' di sollievo dal dolore. Forte quindi, ma a quanto pare non abbastanza da abbatterne lo spirito creativo che infatti sembra essere riuscito a trarre il meglio anche da un'esperienza di malattia.

"Nella mia vita ho sempre sofferto di cefalee ed emicranie anche molto violente, ma dopo l'uscita di Volver è iniziato un periodo di crisi più forte degli altri associato a una grave forma di fotofobia. Non potevo accendere la luce, né vedere dvd o scrivere al computer. Un vero paradosso per un regista che ama i colori accesi e vive in mezzo ai riflettori. È stato così invalidante che per mesi ho dovuto vivere al buio di una stanza.

Potevo solo fantasticare ed è così che ho concepito Los abrazos rotos" ha detto il regista. My movies lo ha definito "un noir anni '50 con i consueti toni da commedia colorata alla Almodóvar" il che è tutto dire visto come è nato. Comunque non aspettatevi un racconto autobiografico in senso stretto, lo stesso Almodóvar ha rassicurato su questo dicendo che non si parla né di mal di testa né delle intense terapie neurologiche a cui è stato sottoposto.

Tuttavia il suo vissuto di malato sembra essere riuscito a trovare comunque un modo per esprimersi. Nella parole di Almodóvar Los abrazos rotos "è un romanzesco film d'amore e dolorosi tradimenti in cui però l'oscurità e il buio avranno un ruolo determinante per la protagonista interpretata da Penelope Cruz che nella finzione vive una doppia vita: in una è la donna del dolore, bruna, con frangetta alla Audrey Hepburn, nell'altra è invece bionda, spiritosa e molto pop."

Forti contrasti luci e ombre, colori vivaci e nero intenso, anime divise in due dal dolore… Non vi ricordano i quadri degli artisti emicranici di cui abbiamo appena parlato?

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ci sarà mai un punto di incontro fra medicina classica e non convenzionale?

Bosone di Higgs cos'è: la spiegazione per i comuni mortali

Leggi anche
  • buoni propositiBuoni propositi di settembre? Come metterli in pratica

    Mettere in pratica i buoni propositi di settembre non è semplice, ma con un po’ di buona volontà e seguendo alcuni consigli sarà possibile.

  • September bluesSeptember blues: come affrontare il rientro dalle vacanze

    Il September blues è un problema per tantissime persone che stanno facendo i conti con il rientro dalle vacanze: ecco come affrontarlo.

  • propositi settembrePropositi di settembre: come sceglierli e quali ha senso mantenere

    Scegliere i buoni propositi da mantenere a settembre è tutt’altro che semplice, ma di certo lo è ancora di più mantenerli: ecco come fare.

  • sconfiggere l'ansia da lavoroAnsia da esami? 3 consigli per superare al meglio la sessione d’esame

    La sensazione di ansia che si prova prima di sostenere qualsiasi esame è più che fisiologica e non deve destare troppi pensieri.

Contents.media