Misteri medici: svelato il segreto della sindrome da morte improvvisa nello Yunnan cinese?

Ogni estate, nel periodo le piogge monsoniche che cominciano a cadere alla fine di giugno, un killer silenzioso miete vittime sugli altipiani della provincia dello Yunnan, nel sud-ovest della Cina.

Da più di 30 anni, in questo periodo, persone di ogni età muoiono a decine per arresto cardiaco improvviso.

La maggioranza dei decessi si verificano proprio durante la stagione delle piogge, da giugno ad agosto. A Yunnan si ignora la causa di questa sindrome da morte improvvisa, ma poiché è noto che in questo periodo colpisce spesso in cluster (tanti casi diversi concentrati in un breve spazio di tempo), la prima vittima in un villaggio infonde il terrore nel resto degli abitanti. Dal 1978, più di 400 morti e diverse decine di casi di arresto cardiaco non fatale sono stati attribuiti alla sindrome.

Ma questa estate, gli abitanti dello Yunnan, possono dormire sonni un po' più tranquilli.

Dopo un'indagine durata 5 anni, un team guidato da Robert Fontaine e i colleghi del Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) cinese ritiene di avere scoperto la causa principale della sindrome. Secondo il CDC e il Yunnan Provincial Health Department il colpevole sarebbe, infatti, un fungo che si sviluppa in questo particolare periodo, dall'aspetto apparentemente innocuo e ritenuto talmente insignificante che nella maggior parte dei villaggi della regione non ha neppure un nome.

I due enti hanno quindi avviato una campagna per mettere in guardia dal mangiare quello che è stato ribattezzato "piccolo fungo bianco" in mancanza di una descrizione migliore che verrà presentata il 13 luglio in conferenza stampa insieme ai dettagli sull'affascinante "medical detective story" che ha portato a individuare nel fungo  il sorprendente colpevole.
Questa estate potrebbe essere insomma la prima volta da decenni, senza una morte dovuta alla sindrome misteriosa.

Il condizionale però è d'obbligo. Alcuni ricercatori ritengono, infatti, che una percentuale consistente di morti dei cluster debba essere attribuita ad altra causa. Il caso, quindi, non è chiuso. Ne parla la rivista Science.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Video intervista a Rossella Bassi, operatrice Shiatsu

Esercizi addominali efficaci da fare a casa

Leggi anche
Contents.media