Natale 2011: bambini a rischio eccessi di cibo e regali: ecco come evitarli

Stravizi natalizi per tutti, con buona pace delle nostre coscienze che vengono temporaneamente mandate in vacanza altrove. Sotto l’albero di Natale vige, infatti, la regola “più ce n’è meglio è” sia per il cibo che per i regali. Tuttavia, mentre gli eccessi vengono quasi sempre condannati, quelli natalizi appaiono immuni da critiche ed autocritica.

Anche in tempi di crisi la moderazione non sembra intonarsi con il clima natalizio, soprattutto per i più piccoli. Come cercare di arginare questo eccesso che riguarda sia il cibo che i regali? Provano a venirci in aiuto la Dottoressa Marina Picca e la Dottoressa Paola Manzoni Medici Pediatri di Milano che fanno parte della Pet Obesity Task Force di Hill’s pet Nutrition. Ecco dunque i loro preziosi consigli last minute.

IL CIBO: IRRESISTIBILE TENTAZIONE. Cardine delle feste natalizie e prima fonte dei nostri stravizi è senza dubbio il cibo. La tradizione richiede che le feste vengano celebrate con un ricco pasto, da consumare con la famiglia e gli amici più cari, e condividere il piacere è senza dubbio un input educazionale ed emotivo importante. Il “megapasto” tuttavia andrebbe limitato ai giorni della festa e non esteso alle due settimane di vacanza. Se i pasti principali (pranzo e cena) sono ricchi, saltare la merenda o limitarla ad un frutto può aiutare.

Per controbilanciare il surplus calorico diventa indispensabile oltre che piacevole incrementare il consumo di energia, con passeggiate tutti insieme o giochi movimentati all’aperto, e quando non è possibile con i nuovi videogiochi che comportano un movimento corporeo globale (exercise games).

I REGALI: MEGLIO PUNTARE SULLA QUALITÀ. Le scorpacciate natalizie non riguardano, però, solo il cibo. Anche i regali, infatti, sono spesso “così numerosi – spiegano le pediatre – da lasciare il bambino disorientato e incapace di goderseli“.

Ecco dunque qualche piccolo consiglio per i Babbo Natale ritardatari che non voglio deludere i più piccoli, ma nemmeno viziarli alimentando le montagne di regali che stanno già ricevendo con oggetti inutili e costosi.

Nella scelta privilegiamo i materiali di qualità, evitando plastiche morbide e profumate o vernici (ftalati e PVC sono cancerogeni) e la qualità costruttiva (i pezzi non devono staccarsi facilmente). I giochi meno strutturati sono da preferire perché possono essere reinterpretati con creatività e sono adatti al coinvolgimento degli adulti: in fondo per i bambini il regalo più vero è la nostra partecipazione al loro mondo e giocare con mamma e papà. I libri sono un’ottima scelta per ogni età, anche per i più piccoli: legger loro ad alta voce ha una positiva influenza dal punto di vista relazionale e cognitivo (sviluppa la comprensione del linguaggio). Inoltre si consolida nel bambino l’abitudine a leggere, che si protrae nelle età successive. Anche i giochi che stimolano il senso del ritmo musicale hanno risvolti educativi e piacciono molto a tutte le età.

UN REGALO PER DUE. Capisco i dubbi amletici degli adulti quando entrano in un negozio di giocattoli per fare un regalo a un bambino di oggi. Per molti l’alternativa è, infatti, tra fare la cosa più intelligente regalando al pargolo qualcosa che aiuterà il suo sviluppo psico-fisico col rischio però di vederlo insoddisfatto e scegliere quello che chiedono e li farà felici di sicuro ma che sarà quasi certamente molto “di moda” e quasi sempre inutile e costoso. Trovare un compromesso regalando qualcosa che faccia felici sia adulti che bambini non è però così impossibile. “Spesso l’influenza della pubblicità indirizza le richieste dei bambini verso le ultime novità e assecondarli in qualcuna è inevitabile, – spiegano infatti Marina Picca e Paola Manzoni – ma se mostrate loro che la vostra scelta è molto più divertente vi seguiranno nel gioco con piacere.”

Insomma, puntare al gioco intelligente è la cosa migliore, ma dovete dimostrare di crederci davvero anche voi. Come? Giocandoci: il tempo durante le feste non vi mancherà e già solo questo farà felice i vostri ragazzi. Inoltre, sarà il modo migliore per assicurarsi che gradiscano il vostro regalo e continuino ad utilizzarlo anche a feste finite.

NOTA. La Pet Obesity Task Force è un gruppo di esperti che Hill’s Pet Nutrition ha istituito per condividere le reciproche conoscenze tra medici e veterinari al fine di far fronte comune nella lotta all’obesità che oltre all’uomo sta contagiando anche gli animali che vivono con noi. Ne fanno parte esperti in medicina umana e animale, veterinari, nutrizionisti, comportamentisti, associazioni per la tutela e la salute degli animali da compagnia.
Il gruppo italiano della task force opera dal febbraio 2008 ed è composto da cinque medici veterinari e due pediatri che svolgono la loro attività in diversi settori specialistici con l’obiettivo di definire strategie e azioni per far comprendere ai proprietari che l’obesità è una vera e propria malattia; incoraggiarli a riconoscere il problema e a rivolgersi al medico Veterinario; fornire linee guida e indicazioni pratiche ai medici Veterinari per il trattamento e la prevenzione dell’obesità. Una delle prime attività promosse dal team è stata la realizzazione di due importanti indagini che hanno avuto l’obiettivo di raccogliere dati e informazioni sulla situazione in Italia al fine di far conoscere e comprendere appieno il problema. Tutti argomenti molto interessanti di cui parliamo spesso nel blog Gattivity, ma che, come avete visto in questo caso, tornano utili anche nel campo della medicina umana.

Non mi resta quindi che augurarvi Buon shopping!

FONTE: Hill’s Pet Nutrition

LINK UTILI:

Calamità di Natale in formato baby 1_I dubbi su Babbo Natale

Calamità di Natale in formato baby 2_I regali

Calamità di Natale in formato baby 3_Alimentazione e vacanze

Regali di Natale: due non è sempre meglio di uno. Psico-trucco per non deludere

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Carolina Kostner, imitarla può far male alla salute. Ecco perché

La dieta Atkins: come funziona e il menù settimanale tipo

Leggi anche
  • Localizzatore GPS senza fili: il migliore del momentoLocalizzatore GPS senza fili: il migliore del momento

    Un localizzatore GPS senza fili è fondamentale per ritrovare gli oggetti smarriti. Scopriamo insieme qual è il migliore del momento.

  • Localizzatore GPS senza fili: il migliore del momentoLocalizzatore GPS senza fili: il migliore del momento

    Il localizzatore GPS senza fili semplifica situazioni impossibili. Scopriamo insieme, nei paragrafi che seguono, di cosa si parla.

  • pexels pixabay 279009Giochi che aiutano a mantenere il cervello allenato

    I giochi di carte sono un’ottima soluzione per trascorrere del tempo in compagnia in tantissime occasioni. Ma sono anche un sistema eccellente per allenare la mente e trovare il giusto equilibrio psicofisico.

  • pexels pixabay 209977Che cos’è l’handicap nelle scommesse sportive

    Se vuoi eccellere nelle scommesse sportive, e in particolare nel calcio, devi imparare alcuni termini seguendo questa nicchia.

Contentsads.com