Pancreatite, ecco la dieta per non affaticare il pancreas

La pancreatite è un’infiammazione del pancreas dovuta al fatto che quest’organo non adempie correttamente alle proprie funzioni. Il pancreas infatti produce enzimi che digeriscono i macronutrienti, ma questi dovrebbero attivarsi nell’intestino tenue. alcune volte però gli enzimi si attivano già nel pancreas stesso e questo provoca l’infiammazione.

Si ha in pratica una cattiva digestione del cibo dovuta alla ridotta attività degli enzimi. La pancreatite si manifesta con nausea, vomito, perdita di peso e feci grasse.

Il pancreas produce insulina per regolare il livello degli zuccheri nel sangue e alcune volte non ne produce abbastanza per cui il livello degli zuccheri rimane alto.

Ma cosa deve mangiare chi è affetto da pancreatite?

Ridurre drasticamente i  grassi, fino a 50 gr al giorno, e preferire gli acidi grassi buoni come gli omega 3, (leggi qui), contenuti nel salmone, nello sgombro, nelle aringhe e nella frutta secca ad esempio.

L’assunzione di omega 3 aiuta a ridurre l’infiammazione e il gonfiore.

I grassi permessi in quantità limitata dovrebbero essere distribuiti durante i vari pasti che devono essere frequenti e frugali, 4-6 al giorno. Aggiungere proteine ad ogni pasto e preferire latte e yogurth scremati invece di quelli interi.

La pancreatite spesso porta a disidratazione per cui bisogna bere molti liquidi sottoforma di tisane, centrifugati di frutta e verdura e acqua.

Consumate arance, frutta, broccoli, peperoni. Ortaggi e frutta infatti contengono vitamine E, C, fibre e antiossidanti molto utili contro le infezioni e soprattutto per prevenire questa patologia che predispone ad un alto rischio si sviluppare tumori.

I cereali integrali dovrebbero essere inseriti all’interno dell’alimentazione in quanto aiutano a ripristinare le funzioni del pancreas grazie alle fibre, alla vitamina B, ed ai minerali come magnesio, potassio e selenio. Ad esempio la farina d’avena, il miglio, il grano saraceno, l’orzo.

Preferite cotture alla griglia o al forno abolendo i fritti ed eliminare le bevande alcoliche.

Fare prevenzione attraverso uno stile di vita corretto che comprenda esercizio fisico regolare e costante e sane abitudini di vita, significa tenersi alla larga da questo tipo di patologia che, come ho detto prima, predispone purtroppo ad altre ancora più gravi come il cancro.

LINK UTILI:

Pancreatite: i sintomi iniziali, la diagnosi e la cura

I disturbi del pancreas più comuni e le cure migliori

L’endoscopia al pancreas cos’è e quando fare questo esame

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Zucchero di canna e zucchero bianco

I musicisti si curano alle terme

Leggi anche
  • defibrillatoreDispositivi salvavita: l’importanza del defibrillatore dae
  • donnaVulvodinia: i rimedi naturali migliori

    Per combattere la vulvodinia è possibile sfruttare i grandi benefici offerti da alcuni rimedi naturali: scopriamo insieme quali sono i migliori.

  • alimentazioneVulvodinia: quali cibi evitare

    Le donne che soffrono di vulvodinia devono prestare grande attenzione alla propria alimentazione: scopriamo quali cibi evitare.

  • Tutto ciò che c'é da sapere sulla vulvodiniaCos’è la Vulvodinia: cause, sintomi e come si cura

    Scopriamo nel dettaglio le possibili cause, tutti i sintomi e la cura per la Vulvodinia, una patologia ginecologica invalidante sotto più aspetti

Contents.media