S’impenna il prezzo dell’anguria. Che sia l’effetto Viagra?

Ormai che i prezzi degli alimentari siano andati alle stelle tanto da decidere la dieta degli italiani non è una novità. C´è chi dà la colpa al maltempo, chi accusa la grande distribuzione e, anche chi se la prende col consumatore che pretende prodotti fuori stagione.

Il borsino economico degli ultimi giorni sembra però scagionare almeno quest'ultimo, perché pretendere l'anguria a luglio non è mica come  volere le fragole a Natale! L'impennata del prezzo del tipico frutto estivo lascia in effetti un po' perplessi. In fondo è solo acqua (tanta) e zucchero, molte vitamine e minerali, ma pochissime calorie: l'ideale per buttare via i chili accumulati in inverno e indossare il bikini all'ultima moda senza far sogghignare la vicina d'ombrellone.

Questo è quello che ci hanno detto finora per convincerci ad acquistarlo senza limiti. E adesso?!

Adesso invece si gioca al raddoppio. A Milano, per esempio, gli ultimi dati parlano di costi medi passati dagli  0,47 euro al chilo del 2007 agli  0,91 di oggi con variazioni notevoli a seconda del luogo d'acquisto. E così si scopre che dove al contadino produrne un chilo costa 10 centesimi che vende a 20, all'ingrosso il prezzo arriva a una media di 45 centesimi, al fruttivendolo tocca l'1 euro e mezzo, mentre al chiosco in piazza arriva a 2 euro al chilo o, se preferite, 3 euro e 50 centesimi per una fetta da un chilo e mezzo consumata sul posto.

Caspita neanche pretendessimo i cocomeri quadrati (foto a fianco). Un po' cari per essere solo acqua e zucchero! Ma forse il problema è proprio questo. Credevamo noi, nella nostra ingenuità, di ricevere solo acqua e zucchero, così come credevano di rifilarci un semplice "placebo" spacciato per panacea i produttori. Tuttavia nei giorni scorsi un gruppo di ricercatori texani ha reso pubblici i risultati di un loro studio da cui emerge che nel cocomero si nasconde il sostituto naturale del Viagra.

In pratica ha gli stessi effetti dei farmaci utilizzati per combattere le disfunzioni erettili, perché agisce sui vasi sanguigni, dilatandoli. "Tanto più studiamo questo frutto, tanto più ci convinciamo delle proprietà stupefacenti che possiede", spiega Bhimu Patil, direttore della ricerca. Alla base di tutto c'è la citrullina, una sostanza naturale che agisce direttamente sui capillari: "Eleva la concentrazione di ossido di azoto, che a suo volta fa rilassare i vasi sanguigni – spiega Patil – e così cura la disfunzione erettile. Forse ha addirittura la capacità di prevenirla senza avere gli effetti collaterali del Viagra".

Sarà vero? Intanto ha fatto impennare due cose: il consumo dell'anguria che negli Stati Uniti è incrementato del 10% in poche settimane, e i prezzi in Italia che sono andati alle stelle. D'altra parte i nostri contadini devono aver pensato che vendere acqua e zucchero è un conto, ma vendere uno dei farmaci economicamente più redditizi dell'ultimo decennio (la pillola blu ha festeggiato proprio quest'anno  il suo decimo "compleanno") è un altro, tanto più ora che lo si usa anche per migliorare le prestazioni sportive!

Battute a parte, tutta la frutta estiva ha il prezzo delle primizie a Natale. Con i meloni va peggio che con le angurie e infatti si è passati da 0,99 euro al chilo di ieri ai 2,20 di oggi. I fruttivendoli se la prendono con il maltempo: "I prezzi sono lievitati per colpa delle variazioni climatiche di quest´anno – spiega Antonio Fiore, espositore all´Ortomercato – le albicocche sono poche e siamo costretti a venderle a due euro, mentre l´anno scorso le vendevamo al massimo a uno". Stesso discorso per i pochi meloni (75-80 centesimi il prezzo al produttore-contadino) in circolazione: "Ci sono stati problemi legati all´impollinazione: tra fiore e frutto non hanno legato bene".

Insomma poca frutta che costa molto, ma senza dimenticare l'immancabile prezzo del carburante per il trasporto delle merci che deve aver preso una bella dose di Viagra pure lui visto l'andamento.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allarme obesità infantile: l'esempio virtuoso del gruppo Ethos

Bagni e bagnetti all'avena contro disidratazione e malattie cutanee

Leggi anche
Contents.media