Notizie.it logo

Tena: sondaggio SWG sulla relazione tra sport e incontinenza femminile

Tena: sondaggio SWG sulla relazione tra sport e incontinenza femminile

La voglia di fare sport aumenta con l’estate sia tra le giovanissime sia tra le over 50. La differenza sta nel tipo di attività fisica praticata.

Le prime si dedicano infatti ad attività generalmente più dinamiche, mentre le donne più adulte prediligono attività più soft come la ginnastica dolce o le passeggiate a piedi.

Un sondaggio SWG per Tena ha rilevato il livello di conoscenza del problema dell’incontinenza femminile legato allo sport. Dall’indagine è emerso che esattamente metà delle intervistate non ha mai sentito parlare della possibilità di perdite involontarie durante lo sport, mentre l’altra metà ne è a conoscenza.

Il 43%  ha sofferto di perdite urinarie durante lo sport, indipendentemente dall’intensità dell’attività, dell’età e della predisposizione patologica. Emerge dal sondaggio come questo problema sia vissuto come un disagio dal 31,3% delle intervistate, mentre il 33,4% prova imbarazzo nei rapporti interpersonali.

Evidente anche la reticenza a parlare di questo problema e il modo di affrontarlo. Solo il 19% di chi soffre di perdite urinarie legate allo sport ne parlerebbe con il medico, il 17,9% con una persona di famiglia e il 25,4% con un’amica. Inoltre 3 donne su 10 non adottano alcun rimedio.

Solo una parte delle intervistate, il 40,3% è a conoscenza del fatto che il problema si può prevenire rafforzando i muscoli del pavimento pelvico con esercizi specifici.

Gli stessi esercizi sono fondamentali per ottenere un miglioramento nel 70% delle donne colpite da incontinenza da sforzo: rafforzando i muscoli che sostengono la vescica, gli esercizi per il pavimento pelvico contribuiscono anche a tonificare l’addome.

Per imparare gli esercizi potete collegarvi al sito “Tena”

 

creditimage@goodnews.ws

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.