Autismo: dieta senza glutine e latte per alleviare i sintomi

La dieta SGSC (senza glutine e senza caseina) ha prodotto diversi risultati positivi in bambini autistici, sebbene non sia provata scientificamente.

L’autismo è un mistero medico molto controverso. Questo disordine debilitante fa spesso notizia sui giornali, e non molto tempo fa, stava ottenendo popolarità nei talk-show grazie all’attrice Jenny McCarthy. McCarthy ha attirato l’attenzione verso il disturbo quando ha affermato che gli ingredienti contenuti in alcuni vaccini per l’infanzia possono scatenare lo sviluppo di disturbi dello spettro autistico (abbreviato semplicemente come “autismo” da qui in poi).

Terapia tradizionale

Gli specialisti non sono d’accordo su come trattare il disturbo. La maggior parte dei bambini con autismo riceve un certo tipo di terapia comportamentale, ma potrebbe anche assumere farmaci o ricevere terapie complementari. McCarthy e altri sostenitori di una dieta speciale per bambini autistici sostengono che cambiando ciò che mangia un bambino, può migliorare il suo comportamento, le sue capacità comunicative o entrambi.

L’autismo è un disturbo neurologico e per questo potrebbe sembrare insolito che possa essere influenzato da problemi gastrointestinali.

Tuttavia, sempre più ricercatori stanno esplorando l’idea che alcuni problemi fisici comuni nei bambini con autismo possono essere correlati ai sintomi che manifestano.

Secondo la dottoressa Martha Herbert, una neurologa pediatrica di Harvard, “così tanti bambini autistici hanno una storia di allergie alimentari e aeree […] o eczemi o diarrea” .

Che cosa succederebbe se il trattamento di questi problemi fisici potesse migliorare i sintomi comportamentali dell’autismo? Quest’idea è alla base della dieta per autistici.

Dieta contro autismo

Come molti altri trattamenti, la dieta per autistici non è scientificamente provata per il miglioramento dei sintomi. Non è nemmeno provato che aiuti i bambini a riprendersi dall’autismo. Finora, ci sono solo prove aneddotiche da parte di genitori di bambini autistici, il che non è sufficiente per stabilire se la dieta funzioni davvero. Di solito la dieta richiede l’esclusione del glutine (una proteina presente nel grano) o della caseina (una proteina presente nel latte).

Cominciamo col cercare perché queste sostanze – trovate in così tanti cibi e altri prodotti – potrebbero esacerbare i sintomi dell’autismo.

Ci sono diverse teorie sul motivo per cui i bambini con autismo possono beneficiare di una dieta priva di glutine e caseina. Si disegna una connessione tra allergie alimentari e problemi comportamentali. Un’allergia è essenzialmente una risposta infiammatoria estrema da parte del sistema immunitario a una sostanza che vede come un invasore. Le allergie possono manifestarsi in un’ampia varietà di sintomi fisici, tra cui diarrea, vomito, orticaria, respiro sibilante ed eruzioni cutanee.

I bambini con autismo spesso hanno difficoltà a comunicare, quindi potrebbero non essere in grado di dire ai loro genitori che stanno vivendo sintomi dolorosi come reflusso acido e crampi allo stomaco. Invece, urlano, agiscono in modo aggressivo e hanno episodi di scoppi d’ira. Il disagio, il dolore e altre reazioni fisiche dalla risposta allergica potrebbero innescare comportamenti autistici.

Intestino permeabile

Un’altra teoria afferma che molti bambini con autismo hanno un “intestino permeabile”, noto anche come aumento della permeabilità intestinale. Questa teoria suggerisce che i bambini autistici hanno buchi nelle pareti intestinali, probabilmente a causa di danni da tossine, sensibilità agli antibiotici o infezioni (come una crescita eccessiva del lievito Candida albicans). Inoltre, questi bambini possono perdere i batteri digestivi sani e danneggiare le cellule che producono gli enzimi necessari per assorbire correttamente determinate proteine (come il glutine).

Questi piccoli buchi, insieme ai problemi con l’assorbimento di specifiche proteine, secondo la teoria, possono causare l’ingresso nel flusso sanguigno di contenuti intestinali. Questo non solo include tossine e batteri cattivi, ma anche molecole proteiche che non sono state completamente digerite. Quest’ultime possono effettivamente portare a allergie alimentari perché il sistema immunitario tratta le molecole come materiale estraneo. Può anche portare a quello che alcuni ricercatori dell’autismo chiamano “effetto oppioide”.

Effetto oppioide

I sostenitori della teoria dell’intestino permeabile ritengono che le molecole proteiche parzialmente digerite di glutine e caseina, note anche come peptidi, possano raggiungere il cervello attraverso il flusso sanguigno. I peptidi hanno una struttura molecolare simile a quella degli oppioidi naturali del cervello (endorfine), quindi sono attratti dai recettori oppioidi del cervello. Questo porta a problemi con il comportamento, la parola e le abilità sociali. Proprio come i farmaci oppioidi come l’eroina creano dipendenza, così i cibi ad alto contenuto di glutine e caseina creano dipendenza ai bambini con l’intestino permeabile.

Alcuni ricercatori sull’autismo hanno testato l’urina dei bambini autistici e hanno trovato alti livelli di questi peptidi, che sembrano supportare la teoria della sindrome dell’intestino permeabile.

Dieta SGSC

Molti medici non credono che esista una sindrome gastrointestinale. Alcuni bambini con autismo hanno allergie alimentari quando vengono esaminati, ma non tutti. Alcuni genitori però non badano al fatto che non ci siano prove scientifiche per sostenere la dieta dell’autismo. Ciò che importa è che ha funzionato per il loro bambino. Vedremo esattamente cosa comporta una dieta priva di glutine / caseina (SGSC- Senza Glutine e Senza Caseina), nonché priva di salicilati e altri alimenti.

Un sondaggio condotto nel 2008 dall’Istituto di ricerca sull’autismo ha dimostrato che dei 2.500 casi in cui una dieta priva di glutine e caseina (SGSC) è stata utilizzata nel trattamento dell’autismo, il 66% dei bambini ha mostrato miglioramenti. Anche il 52% degli oltre 6.300 casi in cui i genitori hanno appena eliminato la caseina è migliorato. Tuttavia, non tutti i bambini con autismo beneficiano di diete speciali.

Evitare la caseina

È piuttosto difficile evitare del tutto il glutine e la caseina, ed è importante discutere di eventuali cambiamenti dietetici con un medico. La maggior parte dei genitori inizia con la rimozione della caseina, che è più facile da evitare. Continuare la dieta SGSC è generalmente un processo lento che comporta l’eliminazione di un alimento alla volta. La maggior parte delle persone crede che il bambino dovrebbe evitare caseina per circa un mese per vedere se ci sono miglioramenti. Una volta rimosso il glutine, il periodo di prova dovrebbe durare almeno quattro mesi.

Rimuovere la caseina e il glutine dalla dieta di un bambino significa prestare molta attenzione alle liste degli ingredienti. Gli alimenti ovvi contenenti caseina includono latte, tutti i tipi di formaggio, yogurt, gelato e burro. Tuttavia, può anche essere trovato in biscotti, hot dog, vitamine, zuppe, creme e condimenti per l’insalata. Se la lista degli ingredienti comprende caseina, caseinato, caseinato di sodio, lattosio o siero di latte, non è consentito assumere l’alimento in questione.

Evitare il glutine

Il glutine è ancora più diffuso. Oltre ad essere in qualsiasi cosa fatta con grano (pane, cracker, prodotti da forno, pasta), può anche essere trovato in altri cereali, come segale, orzo e avena. La salsa di soia contiene glutine, e il glutine può essere trovato in prodotti come hot dog, carne in scatola, condimenti e spezie, liquirizia, tè (se le bustine di tè sono sigillate con pasta di grano) e una miriade di altri cibi preconfezionati.

Il glutine è anche usato in articoli non alimentari come dentifricio, balsamo per labbra e lozione, quindi i genitori devono leggere anche ogni etichetta. Coloro che hanno ottenuto risultati positivi dalla dieta sottolineano l’importanza dell’eliminazione sia della caseina che del glutine e sostengono che gli “sgarri” abbiano portato a un ritorno dei comportamenti autistici.

Quindi cosa mangiano i bambini con diete SGSC? Ci sono molti alimenti privi di glutine disponibili nei negozi di alimentari e nei negozi di alimenti naturali a causa del numero elevato di persone celiache. La celiachia è una malattia autoimmune che colpisce l’intestino tenue e deriva da una reazione a un tipo specifico di glutine. La maggior parte dei bambini con queste diete mangia molte proteine magre, frutta e verdura.

Evitare il lievito

Sebbene la dieta GFCF sia la più comune dieta autistica, alcuni genitori fanno un ulteriore passo avanti e rimuovono anche altri alimenti. Coloro che credono che la crescita eccessiva del lievito possa causare un comportamento autistico limitano l’assunzione di zucchero perché lo zucchero è cibo per il lievito e ne incoraggia la crescita. La dieta priva di lievito proibisce tutti gli alimenti fermentati (come l’aceto) e tutti gli alimenti che possono contenere muffe, come i funghi.

Altri alimenti evitati

Altre diete possono rimuovere coloranti, aromi e conservanti artificiali perché possono contenere salicilati, un composto vegetale presente anche in alcuni frutti. La connessione tra coloranti artificiali, aromi e conservanti e disturbi del comportamento non è nuova; una dieta simile è stata usata per curare i bambini con ADHD dal 1979 (nonostante diverse controversie).

Scritto da Elisa Secci
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Depressione stagionale: cos’è e come riconoscerla

Olio di argan: usi e benefici in tutto il corpo

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.