Foam Roller: cos’è e quali benefici può portare

Il Foam Roller va sempre più di modo per esercitarsi e mantenersi in forma. Vediamo cos'è e quali esercizi consenta di praticare.

Foam roller: con questo termine – che in inglese significa cilindro di schiuma – si indica un ausilio didattico utile per compiere movimenti semplici e più complessi, fino a veri e propri esercizi.

Le applicazioni di questo supporto sono numerose e articolate.

Lo si utilizza in vari ambiti: benessere, estetica, sport ma anche per prevenzione e in riabilitazione. Numerosi personal trainer strutturano vere e proprie schede dimagranti con esso, o anche protocolli specifici mirati, ad esempio, alla riduzione della cellulite. Non tutti gli esperti, però, ritengono il foam roller capace di essere davvero utile anche in quest’ultima mansione.

Per prenderti cura di te, leggi anche quali esercizi di ginnastica dolce puoi fare in casa.

Foam roller: che cos’è e a cosa serve

Il foam roller è di forma cilindrica, pieno o cavo internamente, è composto di materiale sintetico – la schiuma appunto – per uno o due strati, di diverse caratteristiche fisiche. All’interno è liscio mentre fuori presenta delle protuberanze, i bottoni propriocettivi. Ogni foam roller lavora in maniera differente in base alla sua tipologia di superficie, durezza, diametro, lunghezza, materiale, design, gamma e, dunque, prezzo. È bene scegliere quello più adatto alle proprie necessità.

Sono numerose le finalità per cui si può utilizzare un foam roller. In riabilitazione e in terapia; per prevenire infortuni; come complemento sportivo o di fitness, in esercizi focalizzati sulla mobilità; come riattivante circolatorio e rilassante muscolare; nel wellness e nella lotta alla cellulite. Dobbiamo però considerare che la sua utilità non è comprovata in ognuno di questi aspetti. Come spesso accade, molti di questi benefici sono frutto di ottime strategie di marketing.

A parte questo, comunque, l’utilizzo del foam roller all’interno di un accurato planning motorio può portare grandi benefici.

Come allenarsi e quali benefici ricercare

Obiettivi e finalità di ogni seduta con il foam roller possono essere diversi tra loro. Lo strumento, come si è scritto, possiede numerose destinazioni d’uso e molto differenti sono anche le condizioni iniziali del suo utilizzatore. Per cominciare, è sempre consigliabile limitare ogni seduta a una manciata di minuti; anche soltanto cinque possono andare bene, purché l’esercizio sia quotidiano.

Utilizzando un approccio cautelativo con il dispositivo, manteniamo la velocità di esecuzione sempre bassa e ripetiamo ogni esercizio tra le 10 e le 20 volte.

La pressione del peso corporeo sul foam roller e, dunque, il conseguente automassaggio derivante da essa – a questo servono i bottoni propriocettivi – devono essere localizzati sul punto che ci interessa e le sue zone limitrofe. L’instabilità del cilindro recluta un maggior numero di muscoli, stabilizzatori compresi, allenando l’equilibrio e accompagnando il movimento dell’accosciata.

È possibile utilizzare il foam roller posizionandolo sotto moltissime parti del corpo, non solo a contatto con il suolo ma anche con una parete. Per esercizi di stretching e mobilità articolare esso si può utilizzare come punto di appoggio o tutore del movimento.

Il foam roller ben utilizzato è ottimo in fase di riabilitazione in seguito ad infortunio muscolare, tendineo, legamentoso o articolare. Qualora lo specialista voglia utilizzarlo, naturalmente. Lo strumento migliora il nostro equilibrio, supporta la flessibilità articolare e ottimizza le funzionalità dell’apparato locomotore. Un impiego continuato del foam roller può migliorare, e di parecchio, la qualità del movimento quotidiano, anche per gli anziani, tendenzialmente più sedentari. Questo dispositivo è un grande supporto durante il riscaldamento e può aiutarci a diminuire il ricorso a massaggiatori e fisioterapisti.

Attenzione però a non pensare che il cilindro faccia dimagrire. Il foam roller non ha questa capacità. Si possono ottenere buoni risultati implementando ad una corretta e sana alimentazione l’impiego del dispositivo ma ciò vale anche per qualsiasi altra attività fisica.

Per tenerti in forma, leggi anche come puoi sfruttare al meglio i piegamenti sulle braccia.

Scritto da Mattia Mezzetti
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Radicali liberi: perché sono importanti per il nostro cervello?

Sistemi di supporto cardiaco VAD, cosa sono e quando si usano

Leggi anche
Contents.media