Notizie.it logo

Motivi e cause dell’infertilità nell’uomo

infertilità

L'infertilità è l'incapacità di generare un figlio in maniera naturale nonostante rapporti non protetti prolungati anche per anni.

L’infertilità è definita come l’incapacità di una coppia di concepire un bambino dopo un anno di rapporti sessuali regolari senza l’uso di contraccettivi. In circa il 40% di tutti i casi di infertilità, il problema sta nell’uomo. Nel 60% dei casi ricade nella donna o in entrambi i partner. Vediamo in cosa consiste e quali son le cause.

Infertilità è diversa dalla sterilità

L’infertilità non è sterilità. Il termine infertilità implica che la condizione può essere trattata e invertita – che potrebbe essere un problema temporaneo. Il termine sterilità si applica a un’incapacità permanente e irreversibile di avere figli.

Recenti studi hanno dimostrato che la fertilità di una donna diminuisce significativamente tra i 31 e i 35 anni e continua a diminuire successivamente fino alla menopausa, quando cessa del tutto.

La fertilità di un uomo diminuisce anche dopo i 40 anni, anche se gli uomini possono rimanere fertili fino alla vecchiaia. In questo articolo, esamineremo le cause dell’infertilità maschile e femminile, così come la diagnosi e la cura per l’infertilità.

Cause di infertilità maschile

Bassa conta spermatica

Una delle principali cause di infertilità maschile è una bassa conta spermatica. E’ misurata dal numero di spermatozoi attivi presenti in un millilitro di seme. Un numero medio di spermatozoi è di 90 milioni o più di spermatozoi per millilitro. Si ritiene che la conta di almeno 40-60 milioni sia necessaria per la fecondazione. Quando la conta è inferiore a 20 milioni, è improbabile che l’uomo possa generare un figlio (anche se, poiché è necessario solo uno spermatozoo per fertilizzare un ovulo, è ancora possibile che accada).

Una bassa conta spermatica può essere causata da bassi livelli di testosterone (l’ormone sessuale maschile); dall’esposizione a prodotti chimici, pesticidi o radiazioni; dall’avere rapporti sessuali troppo frequenti, che riducono troppo rapidamente la riserva di sperma; e dal calore (che rallenta la produzione di sperma) generato indossando biancheria intima stretta o pantaloni, rimanendo seduti per lunghi periodi in auto o camion caldi, o lavorando vicino a forni e fornaci.

L’infertilità può anche verificarsi se lo sperma non riesce a muoversi attraverso il tratto riproduttivo femminile per raggiungere l’ovulo, o se gli spermatozoi hanno una forma irregolare (solo uno spermatozoo con la testa di forma ovale può fecondare un ovulo).

Ostruzione dei condotti

Oltre ai problemi con lo sperma, l’infertilità maschile può essere causata da qualsiasi ostruzione nei tubi che convoglia lo sperma dai testicoli al pene.

L’infertilità può anche essere causata da vene varicose nello scroto, forse perché l’aumento del flusso sanguigno in queste vene gonfie apporta calore extra nella zona, o da un’infezione locale o lesioni. Il problema dell’infertilità probabilmente si risolverà quando la condizione verrà curata.

Inoltre, la rimozione chirurgica di una parte della ghiandola prostatica, così come l’uso di alcuni farmaci per l’ipertensione, può portare all’eiaculazione retrograda (un disturbo in che lo sperma passa dietro nella vescica, ed esce con l’urina, piuttosto che attraverso il pene).

Cause di infertilità femminile

Una donna può essere sterile a causa di una varietà di condizioni. Può darsi che non stia ovulando. Questo avviene in circa il 25% di tutti i casi di infertilità femminile.

Le tube di Falloppio possono essere ostruite, spesso a causa della malattia infiammatoria pelvica (PID), che irrita le tube e causa la formazione di tessuto cicatriziale. La PID può svilupparsi come reazione a un STD (malattie sessualmente trasmesse) o un’infezione del tratto riproduttivo inferiore.

L’endometriosi (lo spostamento del tessuto dal rivestimento uterino a un’altra parte del corpo) può anche causare la formazione di tessuto cicatriziale che blocca le tube di Falloppio. Uno squilibrio degli ormoni femminili estrogeni e progesterone o di altri ormoni secreti dalle ghiandole pituitarie o tiroidee può interferire con il ciclo riproduttivo. Una cervice che crea un ambiente che in qualche modo impedisce allo sperma di sopravvivere, può anche essere la causa dell’infertilità.

Consideriamo ora la diagnosi e la cura per l’infertilità nella prossima sezione.

Questa informazione è solo a scopo informativo.

NON È DESTINATA A FORNIRE UN CONSIGLIO MEDICO. Né gli editori né l’autore si assumono la responsabilità di eventuali conseguenze derivanti da cure, procedure, esercizi, modifiche dietetiche, azioni o applicazioni di farmaci derivanti dalla lettura o dalla successiva informazione contenuta in questo articolo. La pubblicazione di queste informazioni non costituisce la pratica medica, e non sostituisce il parere del proprio medico o altro fornitore di assistenza sanitaria. Prima di intraprendere qualsiasi cura, il lettore deve chiedere il parere del proprio medico o di un altro fornitore di assistenza sanitaria.

Infertilità diagnosi e cura

La diagnosi di un problema di infertilità di solito inizia con esami fisici e storia completa medica e sessuale di entrambi i partner.

Un nuovo campione dello sperma dell’uomo verrà esaminato al microscopio per determinare la quantità e la qualità di esso.

I risultati dell’esame forniranno una conta degli spermatozoi e indicheranno anche se lo sperma è adeguatamente mobile e se le teste dello sperma siano ovali, entrambe caratteristiche necessarie per il concepimento.

Per determinare se l’ovulazione nella donna è in atto, la temperatura basale del corpo sarà presa ogni mattina per diversi mesi. Se la temperatura sale da 0.6 gradi Fahrenheit a 1.0 gradi Fahrenheit per alcuni giorni nel bel mezzo del ciclo mestruale, probabilmente si starà verificando l’ovulazione. Una biopsia endometriale, in cui viene ottenuto un campione del rivestimento dell’utero per l’esame, può anche indicare se l’ovulazione si sta verificando e se la secrezione ormonale è normale.


Successivi test per l’infertilità

L’ostruzione delle tube di Falloppio può essere diagnosticata iniettando un colorante nel tratto riproduttivo e quindi sottoponendosi a un esame radiologico. Un altro test consiste nell’iniettare il gas di anidride carbonica nelle tube di Falloppio e aspettare che il paziente senta dolore nella parte superiore del corpo, indicando che il gas sta attraversando le tube di Falloppio e che non ci sono ostruzioni.

Una cervice che crea un ambiente che impedisce agli spermatozoi di sopravvivere può essere identificata mediante un esame microscopico del muco nella cervice (l’esame viene eseguito poco dopo il rapporto sessuale per determinare il tasso di sopravvivenza degli spermatozoi). L’endometriosi viene diagnosticata inserendo nell’addome un laparoscopio (uno strumento piccolo e che presenta una luce), attraverso il quale il medico può vedere l’utero, le tube di Falloppio, le ovaie e qualsiasi tessuto endometriale che potrebbe causare l’infertilità.

Gli squilibri ormonali in uomini e donne possono essere diagnosticati con esami del sangue.

Cure possibili per l’infertilità

Terapia ormonale

La cura per una bassa conta spermatica causata da una carenza di testosterone è solitamente la terapia ormonale per aumentarne i livelli. Se la bassa conta spermatica è dovuta a sostanze chimiche, radiazioni o calore eccessivo, l’esposizione a questi fattori deve essere corretta o evitata. Se la conta spermatica è bassa per qualche motivo sconosciuto, spesso è possibile fare poco di più per aumentarla.

Fecondazione artificiale

La gravidanza è ancora possibile, tuttavia. Le tecniche utilizzate implicano la fecondazione artificiale di un ovulo dalla donna con lo sperma del partner o di un altro uomo. La fecondazione può avvenire all’interno del corpo della donna o all’esterno del corpo, nel qual caso l’ovulo fecondato viene poi trasferito nell’utero della donna. In provetta, o in vitro, la fecondazione è una tecnica in cui l’ovulo viene rimosso dall’ovaio della donna e poi inserito in una provetta o in uno speciale piatto sterile contenente lo sperma dell’uomo. Una volta che l’ovulo è stato fecondato, viene inserito nell’utero della donna, dove continuerà a crescere. Questa tecnica è utilizzata principalmente nelle donne le cui tube di Falloppio bloccate non possono essere aperte chirurgicamente.

Se l’infertilità maschile è causata da vene varicose, può essere necessario un intervento chirurgico per risolvere il problema. Se esiste un’ostruzione da qualche parte nei tubi che portano al pene e attraverso esso, può essere utilizzata la microchirurgia per aprire il blocco e correggere il problema.

Trattamento con il clomifene

Il fallimento dell’ovulazione è spesso trattato con un farmaco per la fertilità chiamato clomifene, che stimola la produzione dell’ormone che regola l’ovulazione. Circa il 60% dei pazienti che ricevono il clomifene rimane incinta. Le probabilità di nascite multiple sono molto basse. Un farmaco più forte, che è una combinazione di alcuni ormoni della ghiandola pituitaria, può anche essere prescritto, ma porta con sé una maggiore probabilità di nascite multiple.

Microchirurgia

Le tube di Falloppio ostruite possono richiedere la microchirurgia per aprire il blocco o una procedura in cui l’ovulo viene rimosso e sostituito oltre il punto dell’ostruzione, dove può essere fecondato normalmente. Una cervice che vuole la sopravvivenza degli spermatozoi può essere trattata con l’ormone estrogeno femminile, che stimola l’aumento della produzione di muco necessario per trasportare lo sperma. A volte lo sperma può essere inserito direttamente nell’utero, bypassando completamente la cervice. L’endometriosi può essere trattata mediante la rimozione chirurgica del tessuto spostato e del tessuto cicatriziale che si è formato attorno ad esso. Gli squilibri ormonali possono essere corretti con la terapia ormonale.

Trasferimento intratubarico dei gameti

Un’altra nuova tecnica utilizzata per trattare l’infertilità è denominata trasferimento intratubarico dei gameti (GIFT). In questa procedura, il clomifene o un altro farmaco per la fertilità viene somministrato alla donna per stimolare l’ovulazione. Quando un ovulo viene prodotto dall’ovaio, viene rimosso tramite laparoscopia e immediatamente miscelato con lo sperma dall’uomo. Questa mistura viene quindi trasferita mediante laparoscopia in una tuba di Falloppio, dove la fertilizzazione può quindi avvenire normalmente. La fecondazione avviene nel corpo della donna e non in una provetta. Il GIFT è una procedura complicata e costosa che dovrebbe essere utilizzata solo da coppie che non sono state in grado di concepire utilizzando trattamenti standard per l’infertilità.

Sebbene i recenti progressi nel trattamento dell’infertilità abbiano portato a un successo sempre maggiore, circa il 15% di tutti i problemi di infertilità femminile e circa il 10% di tutti i problemi maschili rimangono non diagnosticati e quindi non trattabili.

L’inseminazione artificiale

L’inseminazione artificiale è l’introduzione di seme nella vagina o nell’utero di una donna con mezzi diversi dai rapporti sessuali prima o al momento dell’ovulazione, nella speranza di ottenere la fecondazione. Lo sperma può provenire dal partner della donna o da un donatore.

L’inseminazione artificiale che utilizza lo sperma del partner viene talvolta eseguita quando lui ha una bassa conta spermatica, cioè quando non ci sono abbastanza spermatozoi per unità di fluido da poter fertilizzare un ovulo. Per ottenere un numero sufficiente di sperma, possono essere fatte diverse raccolte in un periodo di giorni o settimane. Lo sperma ottenuto viene congelato, raggruppato e utilizzato in un unico inserimento. L’inseminazione artificiale può anche essere usata quando uno o l’altro partner non può eseguire l’atto di un rapporto sessuale, a causa di una condizione fisica o di un problema emotivo.

L’inseminazione artificiale che utilizza lo sperma di un donatore può essere un’alternativa all’adozione quando l’uomo non può generare un figlio, che sia a causa di una bassa conta spermatica, dell’assenza di sperma, della scarsa qualità dello sperma, della mancanza di movimento da parte degli spermatozoi o dell’incapacità di eseguire rapporti sessuali. Può anche essere preso in considerazione quando l’uomo è portatore di un difetto genetico che non vuole trasmettere al bambino.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche