I tuoi selfie non sono belli come pensi

I social network spingono sempre più spesso le persone a fare selfie, nel tentativo di risultare più attraenti. Ma è davvero così?

A partire da Hot or Not fino alle app per appuntamenti più moderne come Tinder e Scruff, le nuove tecnologie sembrano rendere sempre più semplice giudicare ed essere giudicati solo in base all’apparenza fisica. Molte persone ne sono felici. Dopotutto, quegli irritanti selfie stick esistono proprio perché le persone non sono timide davanti all’obiettivo.

I nostri selfie

Che si tratti di una notte in giro per la città o di una domenica a letto, poco cambia. Alcuni utilizzatori di smartphone credono sia sempre il momento giusto per farsi una foto veloce. L’obiettivo? Immortalare un bel momento, certo. Ma non solo. In fondo, lo scopo è sempre quello di far vedere agli altri quanto è bella e interessante la nostra vita. La verità è che molte meno persone di quanto pensi sono interessate a questi scatti.

Un nuovo studio dell’Università di Toronto pubblicato nel journal of Social Psychological and Personality Science ha scoperto che le persone che si fanno foto da sole vengono giudicate come meno attraenti, meno desiderabili e più narcisiste di quelle che non le fanno. Ciò accade nonostante il fatto che coloro che scattano i selfie si vedono più attraenti in questi ultimi che non in foto scattate da altri.

Lo studio

I ricercatori hanno chiesto a circa 200 studenti del college – la metà dei quali fa spesso selfie mentre l’altra metà no – di scattarsi delle foto e poi di farsi fotografare da qualcun altro.

Gli è stato chiesto poi di stimare quanto gli altri troveranno attraente ciascuna foto. Poi è stato intervistato un ulteriore gruppo di partecipanti. A loro è stato chiesto di giudicare le foto per attrattiva, desiderabilità e narcisismo.

In generale, le foto che non erano selfie hanno avuto punteggi migliori. Sebbene entrambi i gruppi si erano autovalutati più attraenti nei selfie, il divario è significativamente più ampio per coloro che scattano selfie con regolarità. Sono stati anche valutati più narcisisti.

Coloro che si scattano foto da soli sviluppano tecniche e strategie per fare selfie attraenti e perdono di vista come sono giudicati dagli altri. Non è un mistero che quello che vediamo nelle foto non corrisponde alla realtà. È facile dirlo quando commentiamo le foto degli altri, ma diventa difficile essere obiettivi quando si tratta dei nostri selfie.

Quindi è ufficiale: la statua del selfie a Sugar Land, Texas, di cui parlano tutti è veramente brutta come pensiamo. E anche narcisista.

Il selfie perfetto

Come fare allora per scattare l’autoscatto perfetto e davvero attraente? Ecco alcuni semplici consigli:

  • Scegli il tuo lato migliore
  • Per le donne, truccati e sistemati i capelli per essere “al meglio”
  • Scegli lo sfondo più adatto
  • Presta attenzione alla luce: meglio quella naturale e calda
  • Applica il filtro migliore.

Ricordiamo che su Amazon sono disponibili numerosi prodotti per i selfie. Vi indichiamo le migliori promozioni

Scritto da Giusy Criscuolo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Trapianti: quando possono provocare nuove allergie

Influenza: come verificare se sei affetto dai sintomi

Leggi anche
  • capire se piaci a un ragazzoCome capire se piaci ad un ragazzo: la guida

    Come capire se piaci ad un ragazzo? Se il dilemma ti tormenta, ecco la guida che fa per te per capire i segnali lanciati da un ragazzo.

  • Sindrome di Rebecca: cos'è e perché si chiama così?Sindrome di Rebecca: cos’è e perché si chiama così?

    La sindrome di Rebecca, ecco di cosa si tratta e perché ha questo soprannome. Scopriamolo in questo articolo.

  • Sindrome di Wendy: cos'è, sintomi e come uscirneSindrome di Wendy: cos’è, sintomi e come uscirne

    Cosa è la Sindrome di Wendy? Ecco in questo articolo spieghiamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi da riconoscere e come fare per superarla.

  • Sindrome di Parigi: cos'è, come riconoscerla e chi colpisceSindrome di Parigi: cos’è, come riconoscerla e chi colpisce

    Cos’è la sindrome di Parigi? Ecco di cosa si tratta, chi viene colpito maggiormente da questo disturbo e come fare per riconoscerla.

Contentsads.com