Additivi alimentari: conservare e migliorare il cibo

Le principali categorie di additivi alimentari. Dove sono? A cosa servono?

Gli additivi alimentari sono stati usati per secoli per migliorare e preservare il gusto, la consistenza, la nutrizione e l’aspetto del cibo. Gli additivi e i conservanti alimentari sono utilizzati nella fornitura alimentare odierna per prevenire le malattie di origine alimentare, consentire il trasporto di alimenti in aree che altrimenti non sarebbero possibili e per una fabbricazione efficiente dei prodotti soddisfare costantemente gli standard di qualità stabiliti da lotto a lotto.

La FDA e alcune categorie di additivi alimentari

La Food and Drug Administration americana valuta la sicurezza degli additivi alimentari e determina come possono essere utilizzati nell’approvvigionamento alimentare. Se un additivo viene approvato, la FDA emana normative che possono includere i tipi di alimenti in cui può essere utilizzato, gli importi massimi da utilizzare e come dovrebbero essere identificati sulle etichette degli alimenti.

La FDA mantiene un database di quasi 4.000 ingredienti, intitolato “Sostanze aggiunte agli alimenti”.

Ecco una sbirciatina in alcune categorie e ingredienti comunemente usati nella fornitura di cibo e cosa fanno.

Agenti di controllo del pH

Gli ingredienti che mantengono o controllano l’acidità o l’alcalinità degli alimenti sono noti come agenti di controllo del pH. Questi possono essere aggiunti per alterare la consistenza, il gusto o la sicurezza di un alimento. Lacido citrico, l’acido acetico e il citrato di sodio sono agenti ampiamente usati e spesso si trovano in gelatine, marmellate, gelati e caramelle.

L’acido lattico è un regolatore di acidità utilizzato nella produzione del formaggio e l’acido adipico si trova nelle bevande aromatizzate alla frutta in bottiglia.

Agenti antiagglomeranti

Gli agenti antiagglomeranti vengono aggiunti agli ingredienti in polvere o granulati – come latte in polvere, miscele di uova, prodotti a base di zucchero, farine e miscele da forno – per evitare che si formino grumi, impaccamenti o attaccamenti. Ci sono molti agenti tra cui scegliere, tra cui fosfati di calcio, biossido di silicio, silicati (calcio, alluminio e tricalcio) e acido stearico.

Emulsionanti

Gli emulsionanti vengono aggiunti alle miscele a base di olio e acqua per mantenerli uniti. Esempi di emulsioni negli alimenti di tutti i giorni includono condimenti con vinaigrette, latte e maionese. La lecitina del tuorlo d’uovo e della soia sono comunemente emulsionanti nell’approvvigionamento alimentare. Altri includono estere di acido diacetil tartarico di monogliceridi (DATEM) e sodio stearil lacilato. Questi sono spesso usati in impasti per pane commerciali, creme montate artificiali e albumi secchi, liquidi o congelati.

Umettanti

Gli umettanti mantengono gli alimenti umidi. Esempi comuni includono glicerina, miele, polioli di zucchero (glicerolo, sorbitolo, xilitolo, maltitolo) e glicole propilenico, e spesso si trovano in caramelle, cocco grattugiato e marshmallow. È importante notare che i polioli sono anche usati negli alimenti come un’opzione dolcificante a basso contenuto calorico, in particolare per gomme da masticare senza zucchero, caramelle e altri alimenti a basso contenuto calorico.

Stabilizzanti, addensanti e gelificanti

Questi sono ampiamente utilizzati in molte categorie di prodotti alimentari per migliorare la stabilità e creare una consistenza uniforme prevenendo la separazione delle emulsioni, la formazione di cristalli di ghiaccio e la sedimentazione degli ingredienti. La categoria di addensanti a base di amido comprende arrowroot, mais, patate e tapioca. Le gomme vegetali includono guar, carrube e gomma xantana. I comuni addensanti a base di proteine ​​includono collagene, albumi e gelatina. L’acido alginico, gli alginati (sodio, potassio, calcio), l’agar-agar e la carragenina sono polisaccaridi derivati ​​da alghe e alghe, mentre la pectina è un polisaccaride originato da mele e agrumi.

Agenti lievitanti

Gli agenti lievitanti sono incorporati in impasti e pastelle per aumentare il volume, la forma e la consistenza dei prodotti da forno. Agenti lievitanti comuni includono lievito in polvere, birra, latticello, lievito, concentrato di proteine ​​del siero di latte e yogurt. Utilizzati in un’ampia varietà di prodotti dolci e salati, questi agenti lievitanti si trovano in torte, biscotti, pane, biscotti, focaccine, muffin e pane alla soda.

Scrivi un commento

1000

Nausea dopo mangiato: consigli utili

Tic nervosi: cause e trattamenti

Leggi anche
  • benefici e proprietà del caffè decaffeinatoCaffè decaffeinato o normale? Tutte le differenze e le proprietà

    Il caffè decaffeinato si contraddistingue per una percentuale di caffeina molto bassa e per un numero elevato di benefici.

  • acido citrico: proprietà e beneficiCos’è l’acido citrico e a cosa serve

    L’acido citrico è un elemento molto utilizzato in diversi campi: dall’alimentazione, alla cosmesi, ai processi industriali.

  • Dieta iposodica: la conosci davvero?Dieta iposodica: cos’è e come funziona

    La dieta iposodica punta a limitare le quantità di sale ingerite quotidianamente.

  • Cosa mangiare durante il ciclo? Ecco i cibi miglioriAlimentazione e ciclo mestruale: cosa mangiare e cosa evitare

    Nausea, mal di schiena, emicrania e sbalzi d’umore sono alcuni dei sintomi del ciclo mestruale: come calmarli con l’alimentazione.

  • 
    Loading...
  • Frullato ananas e sedano: perdi peso con gustoFrullato ananas e sedano: come sciogliere il grasso in maniera naturale

    Il frullato di ananas e sedano è un mix vincente in grado di sciogliere il grasso grazie alle proprietà dei due ingredienti.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.