Bacche di goji: benefici, proprietà e controindicazioni

bacche di goji

Le bacche di goji, sono rosse e crescono spontaneamente nelle valli himalayane, in Mongolia, Tibet e Cina. Sono uno dei rimedi naturali più utilizzati nell’epoca moderna ed i suoi benefici sono numerosi.

Cosa sono le bacche di goji

Le bacche di goji nascono grazie all’arbusto dal nome Lycium Barbarum, che è una pianta originaria della Cina settentrionale, che fa parte delle Solanacee.

Nel dettaglio, esistono diverse specie di Lycium e i loro frutti vengono commercializzati e distribuiti con il nome di bacche di goji.

Le piante coltivate in Cina meridionale, ad esempio, sono simili alle Barbarum, anche se si differenziano nelle foglie, che sono più corte e larghe e le bacche prodotte. Le bacche sono decisamente più amare. Nessuna differenza per quanto riguarda la parte più importante, ovvero che tutte le proprietà benefiche attribuite alle bacche di goji, sono le stesse dei frutti di Barbarum.
Come sono fatti questi frutti? Si presentano di forma ovale, sono di piccole dimensioni (1 massimo 2 cm) e quando sono mature passano dal colore verde al colore rosso acceso.

Il loro sapore è molto dolce, con un retrogusto simile a quello del mirtillo.

Nella cucina orientale vengono utilizzati normalmente, date le sue virtù nutrizionali, come, per esempio, integratore alimentare naturale.

Nel campo erboristico e nutrizionale, questo alimento, nell’ultimo periodo, ha preso sempre più piede. Ad oggi è uno dei prodotti tra i più consumati e desiderati. Le bacche di goji non vengono utilizzate solo in campo alimentare, bensì anche nel mondo della cosmetica, come ingrediente per creme idratanti o altri detergenti per il corpo, per esempio.

Come mangiare le bacche di goji

Come accennato le bacche possono essere consumate in vari modi: fresche, secche, reidratate, in polvere nelle capsule o da sciogliere nell’acqua.

Non sono facilissime da trovare, ma in erboristeria e nei supermercati angolo “cibi naturali” è possibile farne una scorta per la propria dispensa.

Il frutto fresco è quasi praticamente impossibile da trovare: l’unico modo per averlo è di ordinarlo tramite internet. Nei supermercati si trovano, infatti, nei sacchetti preconfezionate ed essiccate.

I tè, succhi freschi o capsule di estratto sono, invece, facilmente reperibili e consentono di ottenere lo stesso fattore nutrizionale e gli stessi benefici.

La dose giornaliera indicata è circa di 30 bacche, da consumare a colazione, metà mattina o metà pomeriggio.

E’ un blocca fame e non contiene grassi, anzi spesso vengono inserite in diete per ridurre il peso.

In inverno, quando fa molto freddo, questo frutto può essere assunto tramite tisane o infusi.

Benefici e proprietà

Queste bacche hanno delle proprietà nutrizionali incredibili. Sono ricche di antiossidanti, aminoacidi, vitamine, sali minerali. Ogni bacca contiene soltanto 48 kilocalorie.

Ulteriori proprietà nutrizionali contenute sono:

  • Flavonoidi
  • 18 aminoacidi di cui 8 essenziali
  • Acido linoleico
  • Acidi grassi essenziali
  • Polisaccaridi biottaivi
  • Vitamina E
  • Carotenoidi
  • Vitamine del gruppo B
  • Vitamina C in grandi quantità
  • Magnesio
  • Potassio
  • Zinco
  • Germanio
  • Silicio

Queste bacche non sono formidabili soltanto per i suo benefici nutrizionali, ma anche per le qualità curative. Le bacche di goji, infatti, sono da sempre utilizzate nella medicina tibetana e cinese.

Quali sono i benefici che si possono avere da questi frutti? Eccone alcuni:

  • Sono antiossidanti;
  • migliorano il proprio sistema immunitario;
  • azione rigenerativa del tessuti;
  • afrodisiaci naturali;
  • prevengono alcuni tumori;
  • tonificano e ringiovaniscono la pelle, idratandola e rendendola più elastica;
  • hanno un potere energizzante e rinvigorente;
  • antinfiammatori naturali;
  • stimolano l’intestino;
  • aiutano a prevenire le nausee gravidiche;
  • danno un senso di sazietà ed aiutano a dimagrire.

Controindicazioni per la salute

Possono esserci effetti collaterali qualora le bacche di goji vengano assunte contemporaneamente ad altri farmaci finalizzati alla cura di patologie particolari.

In questo caso è sempre meglio chiedere al proprio medico di fiducia che può consigliare come agire in tali situazioni.

Si potrebbero verificare, inoltre, problemi qualora si assumesse una quantità eccessiva di bacche di goji. Se così fosse si potrebbe soffrire di nausea e problemi legati a stomaco ed intestino.

Potrebbero verificarsi, inoltre, delle reazioni allergiche, soprattutto se esistono già dei casi di intolleranza alla famiglia delle solinacee, a cui vi appartengono patate, melanzane, peperoni e pomodori).

Attenzione, infine, ad assumere le bacche di goji in caso di diabete e conseguente cura. In tal caso, prima di assumere il frutto, è sempre bene rivolgersi al proprio medico curante, per non incorrere in problematiche gravi.

© Riproduzione riservata
Leggi anche