Tutte le cose a cui non credere sul cloruro di magnesio

Verità e falsità sul cloruro di magnesio: Rimedio contro tutti i mali o pericolo altamente cancerogeno per l'organismo?

Il cloruro di magnesio da sempre è considerato un elemento dalla duplice veste di super-alimento e/o nemico della salute. C’è chi considera questo elemento, come la panacea di ogni possibile e chi lo considera altamente tossico per l’organismo.

I latini dicevano: “In medio stat virtus” e questo vale anche per il cloruro di magnesio, sul quale non mancano e non sono mancate le divagazioni scientifiche più disparate e tra esse circolano molte notizie non attendibili.

Le proprietà del cloruro, furono scoperte dal medico e anatomista francese Pierre Delbert, il quale lo sperimentò durante prima guerra mondiale, per disinfettare e igienizzare le ferite dei militari senza provocare danni ai tessuti lesionati.

Advertisements

Allo stesso modo è scientificamente provato che la carenza di magnesio può aggravare o provocare alcune sintomatologie cliniche, fra cui: crampi muscolari, ipertensione arteriosa, aritmie cardiache, tremori, variabilità dell’umore, confusione mentale e sindrome premestruale, nelle donne.

L’incrocio tra realtà e fantasia avviene quando a tale prodotto vengono attribuite proprietà ben superiori a quelle dimostrate, incentivandone il consumo frequente. In tal senso viene omesso il pericolo che, dosi eccessive di cloruro di magnesio possono provocare.

E’ stato infatti dimostrato che l’assunzione eccessiva, può generare sintomi comuni come nausea, diarrea e mal di stomaco, ma anche l’ipermagnesemia, ossia l’alterazione della respirazione, lo sviluppo di stati ipotensivi, di aritmie e di problemi cardiaci anche gravi.

Cloruro di magnesio cos’è

Il cloruro di magnesio è un composto di cloro e magnesio; due elementi considerati benefici per la salute e la bellezza del corpo. L’azione di ringiovanimento cellulare, ha favorito il suo utilizzo sia per scopi industriali, che in ambito medico e farmaceutico.

Il cloruro di magnesio funge da integratore alimentare e aiuta a mantenere il corpo giovane e pieno di energie, rafforzando il sistema immunitario, ma è utile per tante funzioni:

  • Purifica il sangue ed aiuta ad equilibrarne il pH.
  • Elimina l’acido che si accumula nei reni, favorendone il corretto funzionamento.
  • Stimola le funzioni cerebrali e la trasmissione degli impulsi nervosi.
  • Ideale per chi fa sport, poiché aiuta a prevenire e a combattere le lesioni muscolari, i crampi, l’affaticamento e la stanchezza muscolare.
  • Stimola il corretto funzionamento del sistema cardiovascolare, diminuendo i livelli di colesterolo cattivo.
  • È un potente rimedio antistress che aiuta anche a combattere la depressione, la nausea e la stanchezza.
  • Regola la temperatura corporea.
  • Migliora la salute intestinale ed è utile in caso di colite, emorroidi e stitichezza.
  • Previene e combatte i problemi alla prostata.
  • Le ricerche dimostrano che il cloruro di magnesio aiuta a prevenire e combattere alcuni tipi di tumori.

Cosa sapere

Aldilà della funzione d’integratore alimentare, il magnesio si trova anche in molti farmaci contro gastriti e stitichezza, ma altre ricerche annoverano l’E511 (cloruro di magnesio), tra gli additivi cancerogeni e utilizzato nell’industria alimentare per regolare l’acidità, esaltare la sapidità, in qualità di agente rassodante e anti-agglomerante.

Per avere un consumo corretto di magnesio è, innanzitutto regolare le ricette fai-da-te sull’assunzione, poiché il giusto apporto giornaliero varia in base al sesso, all’età, allo stile di vita e alla stagione. L’integrazione di cloruro di magnesio più consigliata nei mesi estivi e adatto a chi pratiche discipline sportive di lunga durata: di norma bastano infatti pochissimi grammi al giorno, per superare i limiti massimi di assunzione quotidiana.

Scritto da Fausto Bisantis
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Carie: scoperto un nuovo batterio che potrebbe combatterle

L’MDMA potrebbe diventare legale per curare il DPTS

Leggi anche
Contents.media