Collagene: cos’è, che benefici ha, quando assumere integratori

Da dove proviene il collagene, come ci si accorge di sue carenze, come si può riparare a queste ultime? Proviamo a rispondere a queste e altre domande.

È una delle proteine fondamentali per l’organismo umano, dal momento che ha il compito di tenere insieme – proprio come se fosse un collante – le cellule. Da dove proviene il collagene, però, come ci si accorge di sue eventuali carenze e, soprattutto, come si può riparare alle ultime? Proviamo a rispondere a queste e altre domande simili in una guida essenziale a tutto quello che c’è da sapere sul collagene.

Collagene: le cose più importanti da sapere

La prima cosa a cui è spontaneo pensare quando si parla di collagene è la pelle: è qui che in effetti questa proteina è contenuta in quantità maggiori, gli studi stimano il 75% del totale. Anche capelli e unghie contengono collagene che, comunque, è presente in quantità minori in quasi tutti gli organi del corpo, inclusi gli occhi e le articolazioni per esempio. Il compito fondamentale del collagene è, del resto, contribuire alla riparazione e alla rigenerazione dei tessuti: tutti, nessuno escluso. Non a caso alcune ricerche recenti si sono focalizzate per esempio su come la glicina, una delle principali componenti del collagene, possa aiutare nella regolazione del sonno e dei cicli circadiani.

Sebbene sia necessario insomma a tutto l’organismo e indispensabile per assicurarsene il buon funzionamento, è ancora dalla pelle che in genere si comincia a notare la carenza di collagene. Quando la pelle, del viso soprattutto, comincia a farsi meno elastica e meno tonica e a mostrare segni di invecchiamento come le rughe è un chiaro indice che le riserve di collagene del corpo cominciano a scarseggiare. Negli individui giovani e in salute, infatti, il collagene viene sintetizzato automaticamente dall’organismo; dopo i trent’anni non solo la produzione di collagene rallenta ma anche le riserve di collagene che il corpo ha già a disposizione cominciano a degradarsi più velocemente e i sintomi della carenza di collagene a farsi più evidenti. Piccole attenzioni come avere uno stile di vita sano, fare movimento, seguire una dieta equilibrata ed evitare di esporsi al sole in modo scorretto e senza protezione possono rallentare questo processo.

Inevitabilmente, però, per tutti arriva un momento in cui sarà necessario integrare collagene. Lo si può provare a fare partendo dalla dieta e preferendo, cioè, alimenti come pollo, tacchino o merluzzo ricchi di proteine nobili ma anche semi e frutta secca e tutto ciò che contiene alte dosi di vitamina C e può stimolare la produzione di collagene. Per la complessità della molecola – che è, semplificando molto, a tre eliche – l’integrazione di collagene per via alimentare non basta. Nel tempo sono stati sperimentati, così, diversi tipi di integratori di collagene – un tempo soprattutto animale, oggi anche marino per esempio – fino ad arrivare alla conclusione che per essere assorbito al meglio dall’organismo si deve scomporre il collagene in strutture semplificate e meglio assimilabili dai tessuti. I migliori integratori di collagene sono a oggi, insomma, integratori di collagene idrolizzato o di collagene ricombinante. Un po’ di attenzione, soprattutto se se ne fa un uso cosmetico, andrebbe posta anche alla formulazione dell’integratore: se liquido, una volta applicato sulla pelle, raggiungerà più facilmente i distretti target stimolando qui la produzione di collagene. Per massimizzarne l’effetto, ancora una volta soprattutto quando si tratta di combattere pelle svuotata o rughe, meglio scegliere ancora formule in cui il collagene sia associato ad acido ialuronico per esempio o a vitamina A o retinolo.

Ci sono inoltre alcuni trattamenti di medicina estetica con cui è possibile aumentare la produzione di collagene. Chiaramente in questo caso è assolutamente necessario rivolgersi a professionisti qualificati che sapranno consigliare il giusto percorso attraverso trattamenti come biostimolazione, microneedling e PRP e molti altri. Non si tratta di trattamenti adatti a tutte le situazioni e per questo è obbligatorio rivolgersi solo ad esperti del settore. Sono spesso procedure poco invasive e che risultano avere benefici, chiaramente a seconda dei casi, ma apprezzabili in poche settimane.

Scritto da Alice Sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Meghan Markle dieta: com’è dimagrita 12 chili

Le medicazioni in tessuto non tessuto per la cura delle ferite essudanti

Leggi anche
  • Punture di medusa: i migliori rimedi naturaliPunture di medusa: i migliori rimedi naturali

    Le punture di medusa sono dolorose e possono provocare gravi reazioni allergiche. Scopriamo come curare i sintomi e prevenire l’attacco.

  • Smettere di fumare con la sigaretta elettronicaSmettere di fumare con la sigaretta elettronica: è davvero una buona idea?

    Le e-cig sono considerate sempre più spesso uno strumento eccezionale nella lotta contro il fumo. Ecco perché.

  • Prodotti a base di cbd: scegliere quelli più sicuriProdotti a base di cbd: la scelta giusta, per ottenere quelli più sicuri

    Prima di acquistare prodotti a base di cbd occorre accertarsi che siano altamente sicuri: quali sono gli aspetti da considerare per una scelta adeguata.

  • Cura delle ferite essudanti: medicazioni in tessuto non tessutoLe medicazioni in tessuto non tessuto per la cura delle ferite essudanti

    Per favorire un ambiente ottimale alla guarigione delle ferite fortemente essudanti, Mölnlycke ha studiato la gamma Exufiber®.

Contents.media