Come arredare la camera da letto per un sonno da favola

Come arredare la camera da letto per dormire al meglio? Scopriamo in questo articolo alcune regole per un sonno da favola.

Il sonno ha un enorme impatto sul nostro organismo, e permette di mantenere la salute del corpo e dell’anima. Mentre dormiamo il nostro cervello si rigenera e piccoli danni vengono riparati. Un riposo adeguato ci consente di lavorare con più efficacia, di concentrarsi e memorizzare le cose più facilmente e di mantenere una buona forma fisica. Ecco come arredare al meglio la propria camera da letto per un sonno da favola.

Come arredare la camera da letto per un sonno da favola

Ecco alcune regole e consigli per arredare la camera da letto in modo giusto e adeguato per favorire un sonno da favola. L’arredamento della camera da letto, infatti, può influenzare sostanzialmente il nostro riposo. Per questo motivo consigliamo come organizzare la stanza per ottenere un sonno rigenerante.

Posizione del letto

La scelta del letto è di cruciale importanza per quanto concerne il riposo. Secondo il Feng Shui è meglio sceglire il telaio in legno ed evitare quello in metallo. La collocazione ottimale dovrebbe essere quella con la testata accostata alla parete per avere un facile accesso al letto. 

Il Feng Shui ci insegna un’alta regola: bisogna evitare di posizionare il letto con i piedi verso la porta o vicino alla finestra. I flussi di energia provenienti dall’esterno disturbano il sonno. Scegliendo il letto prendi in considerazione anche le giuste dimensioni. L’ideale è dormire su una superficie larga 90 cm e dalla lunghezza ai 30 cm più grande della nostra altezza.

Il tessuto delle lenzuola

La qualità del tuo sonno dipende anche dalle lenzuola! Prima di tutto ti consigliamo di acquistare trapunta e cuscini imbottiti con fibre sintetiche. Tale materiale è spesso antiallergico e lascia passare l’aria grazie a ciò la trapunta si adatta alle temperature. 

Durante le notti fredde ci fa stare al caldo, mentre nelle notti calde ci aiuta a mantenere il corpo fresco. Per quanto riguarda le fodere, scegli quelle in materiali naturali, come cotone o lino, che permettono alla pelle di respirare e sono resistenti all’umidità.

Al buio

La camera da letto dovrebbe trovarsi in uno spazio separato per garantire intimità e relax per dormire bene.

Per questa ragione ambiente tipo open space non è una buona idea. Scegliendo la porta interna rinuncia a quella in vetro per assicurare migliore isolamento della stanza dalla luce e dai rumori provenienti dalle altre stanze.

Le migliori stanze sono quelle con le finestre che danno sull’est. In questo modo il ritmo del giorno è sincronizzato con l’orologio biologico dell’uomo. Le tapparelle o persiane ti permetteranno di avere un buio totale nella stanza ciò favorisce il sonno. Rinuncia alle veneziane che sono fragili, attirano polvere e soprattutto non oscurano completamente la camera.

Umidità dell’aria

Bisogna fare molta attenzione anche al sistema di ventilazione nella camera da letto – una soluzione economica sono ventilatori da finestra che permettono di rinfrescare l’ambiente senza perdere il calore.

Prima di andare a letto bisogna arieggiare la stanza e cercare di non superare la temperatura di 20° C durante la notte. Ricordiamo anche di mantenere un adeguato livello di umidità. Se non vuoi svegliarsi la mattina con il naso secco, usa umidificatori dell’aria.

Ordine nella stanza

Per riposare meglio bisogna mantenere l’ordine nella stanza. Per questa ragione eliminiamo dalla camera da letto tutti gli oggetti che potrebbero creare caos. La camera da letto è il nostro rifugio, spazio dedicato al relax e quindi dovrebbe essere separata dal posto di lavoro, se non è possibile almeno dividere le due zone. 

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

Diastasi addominale: cos’è, sintomi, come si cura

La dieta di Francesco Facchinetti: cosa mangia il cantante?

Leggi anche
Contentsads.com