Diastasi addominale: cos’è, sintomi, come si cura

Cos’è la diastasi addominale? Scopriamo in questo articolo tutti i sintomi e la cura.

La diastasi addominale è la separazione eccessiva della parte destra dalla parte sinistra del muscolo retto addominale. Gli episodi di diastasi addominale riguardando generalmente donne e neonati. Nelle donne, sono conseguenza della gravidanza; nei neonati, sono da imputarsi a un ritardo nello sviluppo della parete addominale. Ecco i sintomi e come si cura.

Diastasi addominale: cos’è e i sintomi

Il segno caratteristico della diastasi addominale è una protuberanza a livello della linea alba. Di solito, per una diagnosi corretta di diastasi addominale, è sufficiente l’esame obiettivo.

Nella maggior parte dei casi, la diastasi addominale si risolve spontaneamente, senza alcun trattamento; tuttavia, in alcuni casi può risultare indispensabile l’intervento del chirurgo.

La diastasi addominale, conosciuta anche come diastasi dei retti addominali, è la separazione del muscolo retto addominale di destra dal muscolo retto addominale di sinistra.

Nelle donne, la diastasi addominale insorge tipicamente per effetto dei cambiamenti fisici innescati dalla gravidanza: l’espansione dell’utero dovuta allo sviluppo del feto induce lo stiramento del muscolo retto addominale; con l’avanzare della gestazione, la pressione dall’interno a livello della linea alba cresce progressivamente, al punto da riuscire a separare la componente destra del retto addominale da quella di sinistra.

Nella donna

Nelle donne, la protuberanza è poco evidente all’inizio della gravidanza, mentre è particolarmente visibile verso la fine e nel post-parto.

Nei primi mesi di gestazione, appare soltanto come un eccesso di pelle e tessuti molli; al termine della gestazione, invece, si manifesta come una vera e propria sporgenza insolita: ciò è dovuto all’utero che, spingendo sul muscolo retto addominale dall’interno, ha trovato il modo di fuoriuscire da un’apertura lungo la linea alba.

Talvolta, dove fuoriesce la porzione di utero, è possibile intravedere il feto.

Nel neonato

Nei neonati, la protuberanza è facilmente riconoscibile, soprattutto quando il paziente tenta di mettersi in posizione seduta.

Il rilassamento dell’addome da parte dei bambini con diastasi addominale fa sì sia possibile tastare i bordi del muscolo retto addominale.

Diastasi addominale: la cura

Come anticipato, nella donna la diastasi addominale tende a risolversi spontaneamente, senza particolari cure. Chiaramente, è opportuno evitare movimenti e attività che potrebbero peggiorare la condizione e compromettere la naturale riunione del muscolo retto addominale.

Nei casi gravi o se il disturbo persiste, potrebbe sussistere la necessità di ricorrere alla chirurgia: l’intervento previsto prende il nome di addominoplastica.

Anche nel neonato, la guarigione avviene in modo spontaneo, grazie alla crescita e al rinforzo naturale dei muscoli addominali.

Similmente alle donne, se il problema si aggrava con la comparsa di complicanze, occorre intervenire chirurgicamente; in alcuni frangenti, l’operazione è urgente.

Molto utile è la fisioterapia. Specifici esercizi di fisioterapia possono aiutare molto la donna con diastasi addominale; si tratta di un programma riabilitativo sicuro, che rinforza la muscolatura addominale e favorisce la riunione dei tessuti, senza indurre peggioramenti.

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

Come superare una giornata ‘no’? Consigli di sopravvivenza

Come arredare la camera da letto per un sonno da favola

Leggi anche
  • 1216x832 11 08 32 31 870870555Stile di vita sano: le abitudini per vivere meglio

    L’articolo suggerisce abitudini per migliorare la qualità di vita, tra cui esercizio fisico, dieta equilibrata, idratazione, crescita personale, pensiero positivo, meditazione e gratitudine, da integrare gradualmente nella routine quotidiana.

  • 1216x832 05 08 31 09 819520107Vitamine e minerali: a cosa servono

    Le vitamine e i minerali sono fondamentali per la salute e si trovano in vari alimenti. Una dieta equilibrata, ricca di frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre, garantisce un adeguato apporto di questi micronutrienti essenziali.