Come accrescere l’autostima: i consigli per tornare a credere in sè stessi

Tornare a credere in sè stessi e lavorare sulla propria autostima è fondamentale per vivere felici.

A chi non è mai capitato di attraversare un periodo in cui si è sentito perso, senza fiducia in se stesso e con l’autostima a pezzi; magari in seguito ad un fallimento o a una brutta notizia. Si tratta di eventi spiacevoli che, nel bene e nel male, caratterizzano la vita di tutti; l’importante è imparare a rialzarsi e ad affrontare anche le situazioni più brutte per aumentare, passo dopo passo, la stima che si ha di se stessi.

Difatti, al variare dell’autostima, può cambiare totalmente il modo di percepire la vita, il modo in cui si reagisce a ciò che succede e alle brutte notizie e, soprattutto, muta totalmente sulla base di come una persona si rapporta con il mondo che lo circonda.

Perché è importante accrescere l’autostima

Chi ha grande stima di sé è solito vedere ciò che accade intorno a lui con maggiore ottimismo; ed è proprio per questo che riesce ad affrontare in modo migliore eventuali fallimenti.

Una persona che, contrariamente, non è in pace con se stessa, e che non ha un’alta autostima, è portata a considerare un suo fallimento come un evento irreparabile. Si sofferma sulla convinzione di non avere le giuste doti per rimediare, e che non potrà fare nulla al riguardo, se non piangersi addosso. Avere una bassa autostima vuol dire anche convivere costantemente con la paura di essere giudicati e derisi dagli altri. Tuttavia, dal momento che l’autostima è una dote che può essere coltivata e costruita con il tempo, passo dopo passo, è possibile per chiunque aumentare la sicurezza in se stessi.

Il punto di partenza è, innanzitutto, comprendere che non sta agli altri stabilire quanto una persona vale e quali sono i suoi limiti; anche se a volte può essere facile credere alle parole degli altri, pur di non affrontare le proprie paure e dimostrare a questi ultimi che si stanno sbagliando. Eppure, solo noi sappiamo quanto valiamo e a cosa possiamo puntare.

Auto-fissarsi degli obiettivi da raggiungere

Il primo passo per mettere fine alla scarsa considerazione che si ha di se consiste nell’iniziare a programmare gli obiettivi che si intende realizzare nel futuro più prossimo.

Affinché si riacquisti la fiducia, è importante che tali obiettivi siano comunque realizzabili, in base alla condizione in cui ci si trova. Dopodiché, lo sforzo e il successo, legati al raggiungimento del risultato, non potranno non scatenare una botta di ottimismo, utilissima per continuare a credere in se stessi.

Prendersi cura del proprio aspetto

Si sa che la considerazione che si ha del proprio fisico può notevolmente influenzare la propria autostima. Sebbene possa sembrare una banalità, anche vestirsi bene, ed indossare un outfit che ci faccia sentire a proprio agio, può aiutare a sentirsi più forti e in grado di affrontare qualsiasi sfida si presenti davanti. Quindi, l’altro step per accrescere la propria sicurezza è quello di prendersi cura del proprio aspetto fisico, per sentirsi più a proprio agio con il proprio corpo e in pace con se stessi. A tal proposito, potrebbe essere una buona iniziativa incominciare a praticare un attività sportiva; quest’ultima aiuterà di certo a scaricare la tensione e il pessimismo accumulati durante le giornate “no”.

Imparare a rispettare se stessi

Per concludere, è importantissimo iniziare a rispettarsi in prima persona, prima di pretendere che siano gli altri a farlo. Può decisamente fare la differenza prendere le proprie decisioni in maniera autonoma, senza farsi condizionare da chi sta intorno, per sentirsi pienamente soddisfatti della propria vita. Occorre esternare, perciò, i propri bisogni e le proprie aspirazioni, ed evitare che siano gli altri a farlo per noi, in modo tale da non sentirsi costantemente sotto pressione, e spaventati di deludere le aspettative degli altri. L’autostima inizierà senza dubbi a crescere, se si comincerà a non sopprimere più le proprie idee e i propri pensieri, per paura che questi possano non essere apprezzati da terze persone; ciò che conta è che siate voi a farlo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Infezioni della pelle: quali sono e come si manifestano

Denti non lavati: quali sono i rischi per la salute?

Leggi anche
  • capire se piaci a un ragazzoCome capire se piaci ad un ragazzo: la guida

    Come capire se piaci ad un ragazzo? Se il dilemma ti tormenta, ecco la guida che fa per te per capire i segnali lanciati da un ragazzo.

  • Sindrome di Rebecca: cos'è e perché si chiama così?Sindrome di Rebecca: cos’è e perché si chiama così?

    La sindrome di Rebecca, ecco di cosa si tratta e perché ha questo soprannome. Scopriamolo in questo articolo.

  • Sindrome di Wendy: cos'è, sintomi e come uscirneSindrome di Wendy: cos’è, sintomi e come uscirne

    Cosa è la Sindrome di Wendy? Ecco in questo articolo spieghiamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi da riconoscere e come fare per superarla.

  • Sindrome di Parigi: cos'è, come riconoscerla e chi colpisceSindrome di Parigi: cos’è, come riconoscerla e chi colpisce

    Cos’è la sindrome di Parigi? Ecco di cosa si tratta, chi viene colpito maggiormente da questo disturbo e come fare per riconoscerla.

Contentsads.com