5 consigli per gestire l’ansia nella maniera corretta

Come gestire l'ansia nella maniera corretta? I 5 consigli che permetteranno di tornare tranquillo e spensierato.

Seppur non sia possibile rimuovere totalmente l’ansia in un soggetto che ne sia affetto, vi sono 5 consigli utili che si possono offrire a chi soffra d’ansia, e che possono aiutare nella gestione di quest’ultima. Recenti studi evidenziano che uno dei segreti per gestire l’ansia è rappresentato dal riuscire a controllare la respirazione.

5 consigli per gestire l’ansia

Respirare con le tecniche yoga

Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso molteplici attività, tra le quali vi sono anche le tecniche meditative yoga. In particolare, tra tali tecniche si ricorda la tecnica Sky, la quale consiste nello svolgimento di molteplici esercizi di respirazione profonda, i quali sono finalizzati ad indurre nell’individuo che soffre di ansia uno stato di relax e quiete.

Numerosi studi sia nazionali che internazionali hanno evidenziato il successo di tali pratiche nei soggetti affetti da ansia.

Ebbene, tale tecnica ha dimostrato di poter ridurre considerevolmente l’ansia.

Questi risultati sono possibili, in ragione del fatto che tali tecniche operano direttamente sul sistema nervoso simpatico, riuscendo a riequilibrare il sistema delle risposte organiche, tra le quali, ad esempio, possono ricordarsi il batticuore o la sudorazione. Apprendere correttamente come controllare il respiro può aiutare inoltre a regolare il battito cardiaco, riducendo così possibili rischi cardiovascolari.

Scacciare i pensieri negativi

Ebbene, oltre alle tecniche di apprendimento sul corretto modo di respirare, si possono ricordare le tecniche moderne di meditazione trascendentale. Queste tecniche consentono al soggetto affetto da ansia di focalizzare la propria attenzione sul presente. Questo permetterà al soggetto di poter abbandonare possibili pensieri negativi, immergendosi in uno stato di calma e quiete.

Si tratta di tecniche di meditazione, la cui efficacia è stata più volte certificata da studiosi di calibro internazionale.

È possibile infatti in una situazione problematica recuperare e ritrovare la calma scacciando i pensieri negativi, e ripetendo a se stessi che è possibile affrontare quella situazione problematica con calma e tranquillità.

Controllare il proprio ritmo cardiaco

Il cuore riveste, così come la respirazione, un ruolo centrale nella gestione dell’ansia, ciò in ragione del fatto che il battito del cuore può influenzare le azioni del soggetto affetto d’ansia. Il ritmo cardiaco infatti, può influenzare non solo la capacità percettiva dell’individuo ma anche la sua capacità di reazione a ciò che accade intorno a lui.

La finalità che si vuole raggiungere imparando a controllare il proprio battito cardiaco è quella di far si che la frequenza cardiaca del soggetto affetto da asma resti stabile, anche in situazioni di particolare complessità. Tra i consigli offerti da studiosi affermati se si soffra d’ansia, vi è quello di utilizzare particolari strumenti tecnologici, i quali attraverso degli appositi sensori registrano le pulsazioni inviando dei segnali acustici differenti a seconda della loro frequenza.

Questi consentiranno di avvisare il soggetto delle frequenze instabili, consentendo allo stesso di svolgere tutti gli esercizi necessari per ritrovare lo stato di calma.

Farmaci per la gestione dell’ansia

Tali farmaci devono essere necessariamente prescritti. Nella prescrizione viene indicato il dosaggio e sino a quando i farmaci debbano essere assunti.

Seppur questi farmaci possano aiutare a gestire gli stati d’ansia, è opportuno che vengano adottati solo in situazioni di emergenza tra le quali, ad esempio, la perdita di un familiare. Ebbene, se questi vengono adottati incautamente possono generare notevoli danni al soggetto rendendo lo stesso più fragile e instabile.


Stile di vita sano

Infine, si consiglia per gestire l’ansia di adottare uno stile di vita sano.
Vi sono numerosi consigli tra i quali:

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Obesità: le cause e i rimedi al problema

Onicomicosi: cos’è e rimedi naturali

Leggi anche
  • capire se piaci a un ragazzoCome capire se piaci ad un ragazzo: la guida

    Come capire se piaci ad un ragazzo? Se il dilemma ti tormenta, ecco la guida che fa per te per capire i segnali lanciati da un ragazzo.

  • Sindrome di Rebecca: cos'è e perché si chiama così?Sindrome di Rebecca: cos’è e perché si chiama così?

    La sindrome di Rebecca, ecco di cosa si tratta e perché ha questo soprannome. Scopriamolo in questo articolo.

  • Sindrome di Wendy: cos'è, sintomi e come uscirneSindrome di Wendy: cos’è, sintomi e come uscirne

    Cosa è la Sindrome di Wendy? Ecco in questo articolo spieghiamo di cosa si tratta, quali sono i sintomi da riconoscere e come fare per superarla.

  • Sindrome di Parigi: cos'è, come riconoscerla e chi colpisceSindrome di Parigi: cos’è, come riconoscerla e chi colpisce

    Cos’è la sindrome di Parigi? Ecco di cosa si tratta, chi viene colpito maggiormente da questo disturbo e come fare per riconoscerla.

Contentsads.com