Stress lavoro-correlato e covid: come affrontarlo nel modo giusto

Lo stress lavoro-correlato colpisce gli operatori sanitari, maggiormente esposti al covid. Esistono però delle soluzioni efficaci

La comparsa del covid ha comportato dei cambiamenti repentini nelle strutture sanitarie, causando stress lavoro-correlato. La riorganizzazione delle attività, delle procedure, insieme ad una rimodulazione dei luoghi di lavoro hanno causato un aumento importante dei livelli di stress con conseguenze sul loro benessere fisico ed emotivo.

Covid e stress lavoro-correlato: come affrontarlo nel modo giusto

Lo stress lavoro-correlato in conseguenza del covid ha causato stress, sovraccarico emotivo e lavorativo, e ha influenzato anche l’attenzione e la capacità decisionale, con delle conseguenze importanti nella vita quotidiana. Ad esserne colpiti sono soprattutto gli operatori sanitari; per questo risulta fondamentale preservarne il benessere psico-fisico.

Fattori di stress

Gli elementi che causano più stress negli operatori sanitari sono l’esposizione al rischio biologico, la gestione di pazienti complessi, l’assenza di cure con un’efficacia dimostrata, carico di lavoro eccessivo e mancanza di riposi.

A questi si aggiungono il senso di vulnerabilità e perdita di controllo, la preoccupazione per la propria salute e la paura di diffondere il contagio ai propri familiari, l’elevata responsabilità, la mancanza di contatto con le famiglie e la difficoltà a condividere con i famigliari le emozioni connesse al lavoro.

In più, per far fronte all’emergenza covid, è stato necessario cooptare operatori sanitari provenienti da altre unità operative, che si sono trovati a lavorare in ambiti clinici molto diversi dai propri.

Come intervenire

Lo stress lavoro-correlato, alla lunga, compromette l’efficacia delle prestazioni lavorative, per questo è necessario intervenire con delle azioni mirate.

Comunicare in maniera adeguata la riorganizzazione delle attività e delle strategie adottate e il loro coordinamento aiuta a migliorare il lavoro delle singole unità operative e dei vertici aziendali.

Organizzare spazi e tempi di lavoro, assegnando ruoli e mansioni in base alle capacità professionali e alle condizioni personali e di salute degli operatori è il secondo passo per ridurre lo stress lavoro-correlato causato dal covid.

È importante evitare sovraccarichi di lavoro prolungati e garantire delle pause e momenti di riposo, importanti per il benessere fisico e mentale.

Favorire il lavoro di squadra aumenta la coesione tra gli operatori e favorisce un clima di accoglienza e supporto reciproco. Infine, valorizzare gli operatori riconoscendo il contributo personale e professionale negli sforzi compiuti.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Colazione light ed energetica: proposte e consigli

Recuperare l’olfatto dopo il Covid-19: come fare

Leggi anche
Contents.media