Come curare l’insonnia da ansia con metodi naturali

Insonnia e ansia, come curarsi? Scopriamo alcuni metodi naturali per riuscire a dormire.

“Insonnia” è un termine largamente utilizzato nel linguaggio comune per esprimere una difficoltà, più o meno importante, ad addormentarsi. Spesso l’assenza di sonno è dovuta ad ansia e stress. Scopriamo alcuni metodi naturali per curare l’insonnia da ansia.

Come curare l’insonnia da ansia con metodi naturali

L’ansia, lo stress e le tensioni quotidiane costituiscono i principali imputati nell’origine dell’insonnia. Oltre alla componente psicologica, anche altri fattori gravano pesantemente sulla qualità del sonno. 

Tra questi, ricordiamo: abuso di sostanze eccitanti, alcolismo, ansia, dolore, malattie del sistema nervoso, rumori esterni, sindrome delle gambe senza riposo, sindrome premestruale, sospensione di farmaci ipnotici. 

Cosa Fare in caso di insonnia da stress e ansia

Rilassarsi. Lo stress e l’ansia incidono negativamente sulla qualità del sonno

Praticare yoga o corsi di rilassamento.

Seguire uno stile di vita corretto.

Andare a dormire circa sempre alla stessa ora.

Bere un bicchiere di latte caldo prima del riposo notturno. Il latte contiene un amminoacido essenziale (triptofano) in grado di esercitare una modesta azione sedativa naturale.

Alzarsi presto alla mattina e andare a dormire entro la mezzanotte.

Allestire a dovere la camera da letto. È stato dimostrato che tingere le pareti di verde e profumare l’ambiente con essenza alla lavanda favorisce il sonno.

Concentrarsi su qualcosa di piacevole, cercando di allontanare le preoccupazioni della giornata.

L’ansia porta con sé una valanga di pensieri e l’ostacolo comune diventa una montagna insormontabile. Quando sopraggiunge poi il terrore di passare una prossima intera giornata all’insegna della distruzione fisica e mentale causata dalla privazione di ore di sonno, ecco che appare chiara la necessità di ricorrere a rimedi naturali. Eccone alcuni.

Alimentazione sedativa

Si intende il cucinare, ovviamente in modo leggero e in giuste dosi, tutti quegli alimenti che contribuiscono a regolare il sistema nervoso centrale; tra questi, un posto di primo piano merita il riso, che, secondo le più recenti scoperte, cucinato in modo leggero a cena, aiuterebbe qualche ora dopo a prendere sonno.

Altri alimenti rilassanti sono: zucchine, fagiolini, pesto (senza aglio se risulta pesante da digerire), patate bollite e condite con olio, sale e prezzemolo, macedonia di frutta accompagnata da pinoli o mandorle, mele e cannella bollite.

Oli essenziali 

Gli oli essenziali impiegati nella cura dell’insonnia, oltre a facilitare il sonno e mantenerlo prolungato, ne migliorano la qualità, svolgendo un’azione armonizzante generale.

Si usano in aromaterapia, sia per diffusione ambientale (1 goccia per mq della stanza da letto), attraverso bagni rilassanti (10 gocce nella vasca da bagno) o applicati mediante massaggi aromaterapici (5-7 gocce in un olio vegetale).Tra i più consigliati occupa un posto di primo piano l’olio essenziale di lavanda, ideale anche per i bambini, l’olio di bergamotto e l’olio di basilico. 

Fiori di Bach

I principali Fiori ideali per combattere ansia e insonnia sono Hornbeam, White Chestnut, Impatients, Walnut, Agrimony e Red Chestnut e vengono associati alle diverse forme di insonnia. 

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

La beauty routine di Federica Panicucci: i suoi segreti di bellezza

Anna Valle rivela tutti i suoi segreti di bellezza: la beauty routine

Leggi anche
  • 1216x832 11 08 32 31 870870555Stile di vita sano: le abitudini per vivere meglio

    L’articolo suggerisce abitudini per migliorare la qualità di vita, tra cui esercizio fisico, dieta equilibrata, idratazione, crescita personale, pensiero positivo, meditazione e gratitudine, da integrare gradualmente nella routine quotidiana.

  • 1216x832 05 08 31 09 819520107Vitamine e minerali: a cosa servono

    Le vitamine e i minerali sono fondamentali per la salute e si trovano in vari alimenti. Una dieta equilibrata, ricca di frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre, garantisce un adeguato apporto di questi micronutrienti essenziali.