Notizie.it logo

Cancro al colon-retto: cause, sintomi e prevenzione

tumore

L'articolo è un'analisi approfondita sul cancro del colon-retto. Si parla dei suoi sintomi, della sua diffusione e del suo trattamento.

Il cancro al colon-retto colpisce l’epitelio di rivestimento dell’intestino crasso e il retto.

Il colon, chiamato anche intestino crasso, comincia vicino alla giunzione dell’intestino tenue, si estende fino al retto ed è diviso in cinque parti:

  • Il cieco, che si trova nella parte destra del corpo;
  • Il colon ascendente, che sale leggermente andando da destra verso sinistra;
  • Il colon trasverso, che attraversa l’addome;
  • Il colon discendente, che scende nella parte sinistra del corpo;
  • Il colon sigmoideo, un tratto intestinale ad U che sfocia nel retto.

Che cosa succede al nostro corpo?

Il cancro del colon-retto si forma nell’epitelio di rivestimento, o mucosa, dell’intestino, ma può anche svilupparsi ulteriormente nel tessuto muscolare. Di solito si sviluppa in un lungo periodo di tempo e si verifica dal 40 al 50% delle volte nella parte sinistra del colon discendente.

Come gli altri tumori, il cancro del colon-retto può diffondersi ai linfonodi e formare metastasi in altre parti del corpo.

Quali sono i segni e i sintomi della malattia?

Il tumore del colon-retto può portare alla perdita di sangue all’interno dell’intestino.

I sintomi possono includere:

  • Sanguinamento rettale;
  • Feci nere chiamate melena, causate dalla presenza di sangue nelle feci;
  • Anemia, cioè la riduzione del numero di globuli rossi a causa della carenza di sangue o di ferro;
  • Cambiamenti delle abitudini intestinali, per esempio la frequenza dei movimenti intestinali;
  • Feci più piccole;
  • Secrezioni di muco dal retto;
  • Disturbi intestinali al nervo vago;
  • Aria nello stomaco;
  • Emorroidi, cioè la dilatazione dei vasi sanguigni nell’area rettale.

Il tumore può restringere, bloccare o addirittura perforare l’intestino, causando infezioni o emorragia nella cavità addominale. Quando il cancro del colon-retto si diffonde in altre parti del corpo può causare:

  • Cancro al fegato;
  • Itterizia;
  • Dolore al fegato;
  • Perdita dell’appetito e perdita di peso;
  • Cancro ai polmoni.

Di rado i linfonodi gonfi sono un segno di cancro del colon-retto. Gli stati di salute anomali a volte associati al cancro del colon-retto comprendono:

  • Tromboflebite, cioè l’infiammazione venosa della parte inferiore della gamba;
  • Sindromi insolite che mutano il colorito dell’epidermide;
  • Problemi ai muscoli.

Quali sono le cause e i sintomi della malattia?

Il carcinoma del colon-retto è la terza forma di cancro più comune.

A partire dai quarant’anni il rischio di sviluppare la malattia aumenta notevolmente. Gli over 50 rappresentano il 93% dei casi di cancro del colon-retto.

Gli esperti credono che questo cancro a crescita lenta si formi quando le cellule normali della mucosa diventano iperattive. Tali cellule formano un piccolo tumore benigno chiamato adenoma. I cambiamenti delle cellule anormali continuano fino a trasformarsi in cancro, cioè un tumore maligno. Anche diversi geni svolgono un ruolo importante nella formazione del cancro del colon-retto.

Alcuni fattori di rischio della malattia sono:

  • Piccole escrescenze nel colon chiamate polipi colon-rettali;
  • Le sindromi dei polipi, cioè la formazione frequente di polipi colon-rettali;
  • Una storia familiare di cancro del colon-retto;
  • Colite ulcerosa, cioè l’infiammazione cronica del muco intestinale, o infiammazione del colon che porta alla comparsa di ulcere;
  • Fattori ambientali;
  • Fumo.

Inoltre alcuni alimenti aumentano il rischio di sviluppare il tumore, per esempio:

  • Consumo abbondante di carne;
  • Una dieta carica di grassi e povera di fibre.

Cosa si può fare per prevenire la malattia?

I risultati delle ricerche dimostrano che seguire una dieta carica di fibre e un apporto sufficiente di calcio possono aiutare a prevenire il cancro del colon-retto.

Anche l’assunzione dell’aspirina e della vitamina E possono ridurre i rischi.

La diagnosi precoce è la chiave per prevenire la morte a causa della malattia. A partire dai quarant’anni ci si dovrebbe sottoporre ogni anno agli esami digitali rettali e ai test per la ricerca di sangue occulto nelle feci. Lo screening permette l’individuazione precoce dei polipi colon-rettali: in questo modo, tali lesioni precancerose possono essere rimosse prima che si evolvano in un cancro del colon-retto.

A partire dai cinquant’anni, ci si dovrebbe sottoporre a sigmoidoscopia ogni 3 o 5 anni. La sigmoidoscopia è una procedura che permette all’operatore sanitario di guardare nel retto e nel colon sigmoideo tramite un endoscopio flessibile.

Possono essere necessari ulteriori o precoci screening per coloro che:

  • Hanno una storia familiare di cancro del colon-retto.
  • Hanno sviluppato polipi colorettali. I polipi vengono rimossi durante la sigmoidoscopia per evitare che i polipi diventino cancerogeni o accertare il rischio futuro di un individuo di contrarre il cancro.

Coloro che corrono un rischio elevato di contrarre il cancro del colon-retto dovuto alla polipsosi familiare o alla colite ulcerosa spesso decidono di rimuovere il colon.

Tale procedimento è denominato colectomia.

Come si diagnostica la malattia?

Il cancro del colon-retto può essere diagnosticato in vari modi, tra cui:

  • Colonscopia, una procedura in cui un operatore sanitario può osservare l’intero colon e raccogliere campioni di tessuto tramite endoscopio.
  • Intervento chirurgico al colon.
  • Endoscopia, una procedura in cui viene usato un piccolo tubo per prelevare un campione di tessuto.

Quali sono gli stadi della malattia?

Il cancro del colon-retto si divide in stadi e la probabilità di guarigione dalla malattia dipende dallo stadio della patologia.

Per determinare lo stadio del cancro il chirurgo rimuove il tumore primario e il colon circostante. Anche i linfonodi locali vengono rimossi e l’addome viene esplorato. A quel punto il tessuto viene esaminato al microscopio.

Gli stadi del cancro del colon-retto sono:

  • Stadio A, in cui il cancro è molto limitato e quindi facilmente curabile.
  • Stadi B1 e B2, in cui il cancro è giunto alla parete intestinale ma non si è ancora diffuso ai linfonodi.
  • Stadi C1 e C2, in cui il cancro si è diffuso nella parete intestinale e in alcuni dei linfonodi più prossimi.
  • Stadio D, in cui il cancro si è diffuso in aree lontane come il polmone, il fegato e i linfonodi.

A volte il tumore primario o le zone in cui il cancro si è diffuso non possono essere interamente rimossi.

In questi casi, altri esami possono possono contribuire alla diagnosi, per esempio:

  • L’Antigene Carcino Embrionario (o CEA), un esame del sangue che verifica se le cellule cancerogene si sono diffuse in altre zone.
  • TAC al fegato e all’addome.
  • Raggi X al torace.

Quali sono gli effetti a lungo termine della malattia?

Coloro che sono allo stadio D del cancro in genere non possono essere curati. Possono sopravvivere da diverse settimane fino a pochi anni, a seconda della zona in cui sono presenti le metastasi e del comportamento delle cellule tumorali. L’assistenza sanitaria domestica ed ospedaliera possono essere di aiuto in questi casi.

Il cancro del colon-retto non è contagioso e non costituisce un rischio per gli altri. Tuttavia, tende a essere ereditario.

Quali sono i trattamenti per la malattia?

Diversi operatori sanitari cooperano per aiutare a gestire il cancro del colon-retto. Tra questi figurano il chirurgo generale o il chirurgo che si occupa specificatamente del cancro, il radioterapista, l’oncologo (ovvero lo specialista del cancro) e il medico curante.

Il trattamento principale per il cancro del colon-retto è l’intervento chirurgico. Il chirurgo asporta, se possibile, l’intero tumore. Questo spesso implica l’asportazione di parte del colon. Tale procedimento si chiama emicolectomia. Il colon può essere ricongiunto internamente oppure tramite colostomia. Tale intervento permette alle feci di essere scaricate in una sacca esterna al nostro corpo.

Se il cancro si è diffuso ai linfonodi, il rischio di una ricaduta è più elevato. In questi casi, all’intervento chirurgico vengono di solito associati altri tipi di trattamento, come radiazioni e la chemioterapia. Un individuo con cancro rettale deve sottoporsi alle radiazioni prima, durante e dopo l’intervento, spesso abbinando anche la chemioterapia.

Il cancro che si è diffuso in parte del colon può essere trattato con la chemioterapia. Spesso alcuni farmaci come il fluorouracile (5FU) e il levamisolo vengono somministrati dopo diversi mesi. Essi riducono in modo significativo la probabilità che il cancro si ripresenti dopo diversi anni.

A volte il cancro si diffonde in modo troppo ampio per essere asportato chirurgicamente e anche i farmaci chemioterapici non sono più una soluzione. A questo punto il trattamento ha come obiettivo l’alleviamento di sintomi come il gonfiore e l’itterizia.

Il cancro del colon-retto risponde alla chemioterapia in meno del 50% dei casi. Il trattamento di questo tipo di patologia continua a evolversi. Gli approcci sperimentali in questo senso sono molto importanti.

Quali sono gli effetti collaterali dei trattamenti?

A seconda della zona e della dimensione del tumore, la colostomia può essere un effetto collaterale dell’intervento chirurgico al cancro del colon-retto.

Gli effetti collaterali più comuni dei diversi trattamenti (intervento chirurgico, radiazioni, chemioterapia) possono comprendere:

  • Infiammazione della vescica come risultato delle radiazioni;
  • Prostatite o infiammazione della prostata;
  • Disfunzione erettile;
  • Ustioni nella zona pelvica.

Occasionalmente si verificano altre complicazioni, per esempio:

  • Lenta guarigione della colostomia o di una parte dell’intestino;
  • Lento assorbimento del cibo dopo l’asportazione parziale o totale del colon.

Quando viene effettuata la chemioterapia, di solito il livello di tolleranza è buono. Tuttavia, gli effetti collaterali comprendono:

  • Irritazione della bocca;
  • Diarrea;
  • Numero ridotto di globuli bianchi e rossi;
  • Mani o piedi doloranti, arrossati e gonfi;
  • Perdita dei capelli.

Gli effetti collaterali del trattamento dell’ultimo stadio della patologia variano a seconda dei farmaci impiegati ma possono comprendere quelli nominati sopra. In questi casi è bene considerare che gli inconvenienti possono superare i vantaggi.

A volte i farmaci per la chemioterapia agiscono sull’arteria che porta il sangue al fegato. Ciò può provocare:

  • Infiammazione del pancreas o pancreatite;
  • Coaguli di sangue;
  • Infezioni;
  • Dolore.

Che cosa succede dopo il trattamento della malattia?

Dopo il trattamento, il paziente deve essere tenuto sotto osservazione per assicurarsi che il ricongiungimento dell’intestino o la colostomia stiano funzionando.

Come viene monitorata la malattia?

Il monitoraggio per l’analisi recidiva del cancro del colon-retto può comprendere:

  • Visite mediche;
  • Test per ricerca di sangue occulto nelle feci;
  • Analisi di laboratorio, tra cui l’esame dell’Antigene arcino Embrionario;
  • Colonscopia;
  • Raggi X al torace;
  • TAC all’addome e al bacino.

Di solito il cancro del colon-retto non si sviluppa rapidamente, ma possono esserci ricadute diversi anni dopo. Inoltre, il tumore primario può diffondersi nel resto dell’intestino.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
Reflex Diet Protein 2 kg
57.99 €
Compra ora
Prozis Leggings Power Up - Never Fail
20.99 €
Compra ora
Diadora Tapis Roulant Magnetico Galaxy 500 Rigenerato
99.95 €
240 € -58 %
Compra ora
EOS Thermo Stax 60 cpr, Bruciagrassi naturale
19.2 €
Compra ora