Come assumere correttamente i cibi: i consigli

L'importanza di assumere correttamente i cibi, quali scartare e quali prediligere, come cuocerli.

Un’alimentazione sana ed equilibrata è la prerogativa principale di uno stile alimentare utile al mantenimento di una buon stato di salute. Inserire nella dieta quotidiana alimenti sani è prezioso per sentirsi al meglio e prevenire al contempo molte patologie: l’importanza di assumere correttamente i cibi.

L’importanza di assumere correttamente i cibi

Le diete fai da te, per esempio, non sono affatto salutari poiché possono causare carenze di sostanze fondamentali per il corretto funzionamento del nostro organismo. Per esempio i grassi che per rapporto al nostro peso corporeo dovrebbero essere presenti tra il 12 e il 18 per cento negli uomini e tra il 19 e il 26 per cento nelle donne. Un dato che permette subito di comprendere che i grassi non devono essere del tutto tagliati fuori da una sana alimentazione.

Advertisements

I grassi infatti sono determinanti per l’equilibrio ormonale, per lubrificare le articolazioni e donare tonicità alla cute.

Stiamo parlando dei grassi buoni, differenti dai grassi cattivi, ovvero quelli i grassi polinsaturi come gli Omega 3, ovvero i grassi contenuti nel pesce azzurro per esempio. Senza un corretto stile alimentare il rischio è di non fornire all’organismo i sali minerali e le vitamine che assicurano uno stato di buona salute.

Sostanze che dobbiamo assimilare dagli alimenti poiché il nostro organismo non le produce.

Come fare

Seguendo i principi base di una corretta alimentazione è possibile assumere correttamente gli alimenti e giovare alle proprie condizioni di salute, ecco quali:

– Consumare 5 porzioni di frutta e verdura ogni giorno al fine di fornire al nostro organismo Vitamina A,B,C,D,E,K e di ferro, rame, fluoro,selenio, zinco, iodio, cromo e cobalto.

Teniamo bene a mente che la frutta e la verdura affinché non perdano le proprietà organolettiche devono essere conservate adeguatamente, per esempio non conservarle mai senza la buccia o esporle direttamente alla luce.

– Prediligere porzioni di verdura cruda.

– Limitare il consumo della carne a 3 pasti la settimana.

– Inserire non meno di 4 porzioni di pesce nella dieta settimanale.

– Mangiare almeno 3 porzioni di legumi alla settimana, tra cui, in particolare, ceci, lenticchie, piselli e fagioli.

– Consumare alimenti a base di farina integrale.

– Dedicare la giusta importanza alla colazione, il pasto più importante per il nostro organismo.

– Limitare l’uso di alimenti fritti, soffritti e unti.

– Preparare i pasti preferendo modi di cottura salutari come la cottura al vapore, alla griglia, al piatto. È importante mantenere bassa la temperatura in fase di cottura degli alimenti al fine di mantenere i principi nutrivi.

– Ridurre all’essenziale i condimenti e il sale a favore di spezie o del succo di limone.

– Bere moltissima acqua durante il giorno ma lontano dai pasti.

– Inserire nella dieta anche tisane, infusi e decotti.

– Evitare uno stile di vita sedentario cercando di cogliere le piccole occasioni per fare del movimento, per esempio evitando di utilizzare la macchina o l’ascensore laddove possibile.

Scritto da Chiara Cichero
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Proprietà e controindicazioni della verbena

Allenamento hiit: gli spuntini consigliati

Leggi anche
Contents.media