Notizie.it logo

Come lavare i capelli con aceto di mele – Segreti di bellezza

aceto

L'aceto di mele è un prodotto utile non solo in cucina, ma anche come rimedio naturale per il benessere dei propri capelli. Si può usare da solo oppure combinato con altri ingredienti

Spesso i nostri capelli sono danneggiati e soffrono di diversi problemi come secchezza, eccesso di sebo, forfora e caduta. In alcuni casi, intervenire con prodotti chimici per risolvere questi problemi può essere controproducente, perché, essendo molto aggressivi, potrebbero peggiorare la situazione. Ci sono invece diversi rimedi naturali molto efficaci che non aggrediscono né il capello né il cuoio capelluto. Uno di questi, è l’aceto di mele. Vediamo come usarlo sui capelli danneggiati per ottenere una chioma luminosa e sana.

Aceto di mele: capelli

Questo alimento è un eccellente trattamento naturale per la cura della chioma. E’, infatti, ricco di proprietà benefiche per i nostri capelli:

  • Proprietà detergenti. Eliminano i residui e le cellule morte dai nostri capelli. Regola il pH della chioma e favorisce la chiusura delle cuticole capillari. Il nostro capello, di conseguenza, risulta più brillante e setoso.
  • Proprietà umettanti. Aiutano a far sì che i capelli si mantengano sani e idratati e, in questo modo, si previene anche l’apparizione di doppie punte.
  • Proprietà antibatteriche e antifungine. Eliminano microbi e batteri che causano forfora, secchezza e prurito al cuoio capelluto.
  • Proprietà benefiche: Stimolano i follicoli piliferi e, in questo modo, favoriscono la crescita di capelli sani e forti.

    Si previene anche l’invecchiamento e la perdita di capelli.

Aceto di mele: uso

Applicarlo sui capelli è molto semplice: è sufficiente mischiarne mezzo bicchiere con altrettanta quantità di acqua imbottigliata e mescolare bene. Si procede, quindi, lavando i capelli seguendo la propria routine con shampoo e balsamo. L’ideale è usare acqua tiepida o fredda: il calore apre i pori dei capelli, favorendo quindi la comparsa del crespo e rendendoli opachi.

Una volta lavati i capelli, bisogna versare lentamente il rimedio preparato in precedenza sul cuoio capelluto, massaggiarlo e stenderlo fino alle punte. Lasciare riposare 10 minuti e procedere con l’asciugatura, senza risciacquare. Non preoccupatevi dell’odore: scomparirà quando i capelli saranno asciutti del tutto. Questo rimedio naturale può essere utilizzato 1 o 2 volte alla settimana: usato di più rischia di seccare il capello.

Aceto e limone: capelli grassi

Un altro modo per utilizzare questo condimento alimentare sui capelli è mescolarlo con il succo di limone: questo rimedio è utile per combattere l’eccesso di sebo.

Il limone ha proprietà pulenti e antibatteriche, che eliminano i microrganismi responsabili dell’elevata quantità di sebo. Inoltre lascia i capelli liberi dai residui e dalle cellule morte.

E’ sufficiente mescolare il succo di un limone intero con mezzo bicchiere di aceto. Quando avete lavato i capelli normalmente, dovete applicare la maschera sui capelli ancora umidi. Vi consigliamo di concentrarvi soprattutto sul cuoio capelluto e lasciare agire per circa 20 minuti. Una volta trascorso il tempo di posa, dovrete sciacquare la testa con acqua tiepida fino a eliminare tutti i residui della maschera.

Aceto di mele e Aloe vera

Questo prodotto può essere utilizzato anche per riparare chiome danneggiate e crespe, soprattutto combinato con l’Aloe vera. In particolare, questa pianta ha potenti proprietà rigeneratrici e idratanti fondamentali per il benessere della chioma. E’ sufficiente mescolare 2 cucchiai di questi due ingredienti in mezzo bicchiere d’acqua imbottigliata.

Una volta mescolato il tutto, dovrete lavare il cuoio capelluto con lo shampoo che usate regolarmente.

In seguito applicare questo risciacquo naturale su tutta la chioma, massaggiando con movimenti circolari affinché penetri meglio nelle fibre capillari. Una volta fatto il risciacquo, lasciate agire per circa 20 minuti e poi eliminate il prodotto con abbondante acqua tiepida.

© Riproduzione riservata
Leggi anche