Notizie.it logo

Esiste un legame tra commozione cerebrale e demenza

Commozione cerebrale

Vi sono numerose evidenze che sostengono che vi sia un legame tra commozione cerebrale e sviluppo di malattie come la demenza.

Da tempo gli scienziati stanno cercando una correlazione tra la demenza, tipica malattie delle persona anziane, e la commozione cerebrale. Gli studi sembrerebbero provare che chi pratica sport nei quali la testa è spesso afflitta da colpi potrebbe perdere capacità intellettiva. Il perché è da ricercare nel movimento del cervello che avviene quando si prende una botta alla testa.



Caso di Chris Benoit

Nel giugno 2007, Chris Benoit, un wrestler professionista di 40 anni, ha ucciso suo figlio, sua moglie e poi sé stesso. È facile rimanere sconcertati da una simile tragedia, ma nel caso di Benoit, il suo cervello conteneva indizi su cosa potesse spingere una persona verso un comportamento così violento. I medici dello Sports Legacy Institute, che si dedicano allo studio delle lesioni cerebrali negli atleti, hanno esaminato il cervello di Benoit. I loro test hanno dimostrato che era pieno di grumi, grovigli e cellule morte caratteristiche del morbo di Alzheimer.

Chris Benoit non è un caso unico. Il dottor Julian Bailes, che ha esaminato il cervello di Benoit, ha descritto l’osservazione del comportamento in altri ex atleti che, dopo il ritiro dallo sport, hanno avuto gravi problemi personali e di lavoro, seguiti infine da depressione e suicidio.

Come mai un uomo di 40 anni ha un cervello paragonabile a quello di un uomo di 85 anni con grave Alzheimer?

Cos’è la commozione cerebrale

Una commozione cerebrale è come un ematoma al cervello.

Quando una persona subisce un colpo alla testa o la testa si sposta troppo improvvisamente, il cervello si muove attraverso il fluido cerebrale e colpisce l’interno del cranio. Una commozione cerebrale può far perdere conoscenza a una persona e causare perdita di memoria, confusione, mal di testa, vertigini e ronzio nelle orecchie. Può anche compromettere la capacità di pensare e parlare in modo chiaro.

Gradi di commozione

Una commozione cerebrale di Grado 1 provoca disorientamento temporaneo senza perdita di coscienza e i sintomi scompaiono entro 15 minuti. Per quanto riguarda quelle di Grado 2 è come un Grado 1 tranne per il fatto che i sintomi durano almeno 15 minuti o più. Una commozione cerebrale di Grado 3, a volte denominata commozione cerebrale classica, è la più grave, caratterizzata dalla perdita di coscienza, non importa quanto essa sia breve.

A seguito di ogni commozione cerebrale, il cervello di una persona è estremamente vulnerabile per almeno diversi giorni.

Qualsiasi ulteriore trauma o cosiddetta “piccola commozione cerebrale” durante questo periodo può aggravare in modo significativo il danno già inflitto. Un’altra commozione cerebrale potrebbe essere fatale, il che a volte accade con la sindrome da secondo impatto, quando il cervello e le sue arterie si gonfiano pericolosamente.

Sintomi

I sintomi che persistono dopo una commozione cerebrale sono spesso indicati come sindrome post-commozione cerebrale. Questi includono ansia, mal di testa, nausea, vuoti di memoria, vertigini e difficoltà a dormire e concentrarsi. Numerosi atleti professionisti hanno dovuto ritirarsi a causa dei sintomi persistenti della sindrome post-commozione cerebrale. A rendere le cose più difficili è il fatto che gli effetti della sindrome post-commozione cerebrale potrebbero non apparire in una risonanza magnetica o in una TAC.

Oltre a tutti gli evidenti pericoli delle commozioni cerebrali, sempre più elementi dimostrano che quelle ripetute, in particolare negli atleti, possono portare a demenza precoce e disturbi simili.

Con almeno tre commozioni cerebrali, il rischio di insorgenza precoce della malattia di Alzheimer aumenta di cinque volte.

Diamo un’occhiata a come le commozioni cerebrali possono essere devastanti anche per le persone fisicamente più prestanti tra noi.

Atleti e commozioni cerebrali

Anche lievi commozioni cerebrali, soprattutto se prolungate in un breve periodo di tempo, possono portare a effetti a lungo termine o disabilità, come perdita di memoria, diminuzione dei sensi o sbalzi d’umore. Mentre i sintomi di una commozione cerebrale di Grado 1 scompaiono entro 15 minuti, il cervello potrebbe non riprendersi completamente per una settimana o più. Uno studio della Mayo Clinic ha rilevato che il rischio di sviluppare il morbo di Parkinson aumenta di un coefficiente di quattro volte dopo una lesione moderata alla testa.

Il rischio aumenta notevolmente con ferite alla testa più gravi, suggerendo che il trauma cranico è un fattore che contribuisce per alcune persone che sviluppano il Parkinson.

I pugili sono noti per soffrire di molti degli effetti a lungo termine dati dalle commozioni cerebrali, in particolare perché il rischio di commozione cerebrale aumenta notevolmente dopo che una persona ne ha già avuta una. Alcuni di questi effetti sono stati osservati, se non diagnosticati o trattati, per 80 anni. Molti ex pugili soffrono di blackout, disturbi del linguaggio, confusione e sbalzi d’umore.

Gli atleti spesso non raccontano agli altri le commozioni cerebrali che hanno avuto. Spesso temono di essere etichettati come privi di cuore o di perdere un buon posto in una squadra. Il problema con la segnalazione di commozioni cerebrali è particolarmente grave nella NFL (National Football League). Secondo uno studio dell’Università del North Carolina, la prevalenza della depressione nei giocatori della NFL, è legata al numero di traumi subiti. Tra i giocatori intervistati che hanno avuto tre o più commozioni cerebrali, il 20,2% era clinicamente depresso.

Caso Justin Strzelczyk

Il 30 settembre 2004, l’ex giocatore della NFL Justin Strzelczyk è morto in un incidente automobilistico all’età di 36 anni, quando è fuggito dagli agenti di polizia in un inseguimento ad alta velocità. Un test post mortem eseguito tre anni dopo, ha dimostrato che Strzelczyk aveva un danno cerebrale simile alla demenza. La diagnosi era l’encefalopatia traumatica cronica (CTE), è chiamata anche sindrome da punch ubriaco, sindrome del pugile o demenza pugilistica. Comune nei pugili, il CTE è causato da un trauma cranico, che si sviluppa in media 16 anni dopo il primo infortunio alla testa. Il cervello di un paziente con CTE mostra grovigli e filamenti, come quelli trovati nel cervello dei malati di Alzheimer. Negli stadi successivi, i pazienti con CTE sviluppano i sintomi della malattia di Alzheimer e della demenza.

Almeno altri tre giocatori della NFL deceduti, sono stati diagnosticati o hanno mostrato forti prove di avere CTE. Mike Webster, Terry Long e Andre Waters morirono, rispettivamente, a 50, 42 e 44 anni. Long e Waters si suicidarono. Il cervello di Waters assomigliava a quello di un ottantenne con il morbo di Alzheimer.

Ulteriori casi in ambito NFL

Nel febbraio 2007, l’ex linebacker dei Patriots, Ted Johnson, ha annunciato che i suoi problemi di salute, che includono sintomi simili a quelli della malattia di Alzheimer ad esordio precoce, potrebbero essere ricondotti a commozioni cerebrali prolungate in rapida successione quando era giocatore. Ha anche detto che l’allenatore dei Patriots, Bill Belichick, lo aveva spinto a giocare nonostante il consiglio di un addestratore. Un medico ha dichiarato al New York Times che Johnson, che aveva 36 anni al momento dell’annuncio, potrebbe mostrare a 50 anni stadi avanzati della malattia di Alzheimer.

Quel maggio, il commissario della NFL Roger Goodell ha stabilito nuove regole per trattare le commozioni cerebrali, tra cui una migliore educazione dei giocatori riguardo questo tipo di lesione. La lega ha messo in atto piani per sviluppare un sistema attraverso il quale giocatori e funzionari possono segnalare se un medico o un allenatore non agisce nel migliore interesse della salute di un giocatore. Il sindacato dei giocatori della NFL ha creato un fondo di beneficenza per aiutare gli ex giocatori che soffrono di demenza. I giocatori ora subiscono test neuropsicologici prima di affrontare ogni stagione, anche se ogni squadra determina le proprie regole riguardo a quando i giocatori con lesioni alla testa possono riprendere l’attività.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche