Nervo vago cervicale: il nervo “vagabondo”

Il nervo vago cervicale: tutti i disturbi legati all'infiammazione del nervo.

Il nervo vago cervicale è il decimo nervo e fa parte dei 12 nervi cranici. Questi sono nervi che nascono dalla scatola cranica e si dirigono verso la testa e il collo, ad eccezione del nervo vago che invece scende verso il basso, passa per il collo e arriva fino all’addome.

Il nome deriva da “Vagabondo”, proprio perché è molto lungo.

Nervo vago cervicale: funzioni

Il nervo vago ha una funzione molto importante all’interno del nostro organismo perché regola il funzionamento degli organi che vanno da collo all’addome ed è inoltre l’asse portante del sistema nervoso parasimpatico. Il nervo vago è importante non solo per il sistema nervoso ma anche per tutto il benessere dell’organismo, ad esempio: stimola la produzione dell’acido gastrico. Regola l’attività della colecisti e della digestione.

Inoltre, rallenta la frequenza cardiaca e restringe i bronchi.

È responsabile quindi di tutti gli organi endotoracici e sottodiaframmatici che come abbiamo detto sono quelli che stanno tra il collo e l’addome. Quindi controlla i muscoli dell’esofago della laringe, partecipa come abbiamo visto al processo di digestione e controlla la sensibilità della cute del condotto uditivo. Ma ha anche altre caratteristiche peculiari, ad esempio regola la sudorazione, il senso di fame e modera l’umore.

Disturbi

I problemi al nervo vago causano la sindrome vagale, ovvero il nervo, responsabile di tutte le cose che abbiamo visto, non opererà più così efficacemente, e ciò aumenterà tra tutto il rischio di entrare in depressione o soffrire di ansia. Un’ altro effetto comune che deriva dai problemi al nervo vago e in particolare se su questo viene effettuata una certa pressione, è la perdita di coscienza con sudorazione, pelle bianca e nausea.

Sintomi e cause

Di solito quindi i problemi al nervo vago derivano da un’infiammazione o da una compressione dello stesso che a loro volta sono causati da:

  • Artrosi cervicale, causata dall’usura delle articolazione che ci sono tra le vertebre cervicali
  • Stress e ansia, un elevato e prolungato stato di stress con conseguente tensione costante e contrazione dei muscoli, può portare all’infiammazione del nervo.
  • Stress improvviso, un dolore intenso sia fisico che psichico, quindi anche una brutta notizia, può portare ad una contrazione istantanea dei muscoli
  • Postura errata, un errata postura del tratto cervicale può portare all’infiammazione del nervo vago.

Ma vediamo quali sono i segnali che ci posso far pensare a un’infiammazione o compressione del nervo vago. I campanelli d’allarme possono essere, problemi gastrointestinali o nausea accompagna spesso dal vomito. Sensazione di svenimento con sudorazione fredda, tremori e vertigini causati da un abbassamento della pressione arteriosa. Difficoltà nel deglutire, irrigidimento del collo con mal di testa o dolore alla cervicale. Annebbiamento della vista e mani e piedi freddi.

Trattamenti

Se qualcuno quindi è in preda a un crisi vagale e una persona rischia lo svenimento dobbiamo prontamente sdraiare la persona a terra, alzarle le gambe e chiamare i soccorsi, proprio come succede per chi perde coscienza. Una volta che il medico avrà poi diagnosticato la sindrome vagale potrà decidere lui se curare il problema con farmaci o altri rimedi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Scrub al cacao per prepararsi all’abbronzatura

Dieta fast: il menu e il funzionamento del regime alimentare

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.