Pressione arteriosa: come misurare e leggere i valori

pressione arteriosa

Misurare la pressione arteriosa e tenerla sotto controllo dovrebbe essere un’operazione quotidiana. Questa sempre precauzione vi metterà al riparo da preoccupazioni circa i possibili scompensi della pressione arteriosa.

I problemi nei quali si può incorrere a causa della variazione della pressione sono di due tipi: ipertensione (quando supera i valori consentiti) e ipotensione (quando si trova al di sotto dei valori consentiti). Vediamo insieme come misurare e valutare i dati della pressione arteriosa.

Parametri della pressione arteriosa

In primo luogo è importante capire che sono molti i fattori che influenzano i valori della pressione arteriosa e che questi cambiano da persona a persona, variando per esempio in base al sesso, età, abitudini, alimentazione, etc. Altre variabili importanti che possono influire sulla pressione sono la digestione, lo sforzo, le emozioni, il sonno.

A causa di questo ampio ventaglio di variabili i valori forniti da una singola misurazione della pressione sono poco affidabili e, per questa ragione, devono essere accompagnati da altri elementi di studio.

Cosa indicano i valori?

Il primo valore indicato nella colonnina di mercurio, segnala la pressione massima del sangue nella rete arteriosa, che corrisponde alla contrazione del ventricolo o alla sistola del cuore.

Mentre il secondo valore indicherà la pressione sanguigna minima nelle arterie- chiamata anche pressione diastolica – corrispondente al valore massimo del ventricolo.

Nella maggior parte dei paesi, questi parametri si esprimono in millimetri di mercurio; tuttavia in Spagna normalmente si esprime in centimetri: in questo modo parleremo di tensione arteriosa da 12 a 8, mentre nelle altre parti il valore sarà 120 e 80.

Tabella dei valori compresi nella norma

I valori considerati in norma sono i seguenti:

  • La pressione sistolica compresa tra 10 e 14 cm di Hg (100 e 140 mm);
  • La pressione diastolica compresa tra 6 e 9 cm Hg (60 e 90 mm).

La principale raccomandazione è quella di controllare che la pressione sistolica non superi i 12 cm (massimo 13) e la diastolica inferiore a 9 cm di Hg. Bisogna considerare che con l’età, la pressione arteriosa tende a salire, poiché i vasi sanguigni perdono elasticità: per questa ragione i valori normali di pressione arteriosa sono più elevati durante l’età adulta.

L’ipertensione o pressione alta si presenta con un valore superiore a 140/90, mentre i valori pari a 100/60 indicano un ipotensione o pressione bassa.

Se hai la tendenza ad avere la pressione alta o hai casi in famiglia, ti raccomandiamo di effettuare dei controlli più frequenti.

Valori compresi nella norma

I livelli normali di pressione arteriosa possono variare a seconda dell’età e del sesso, per questa ragione è importante conoscere quelli che sono le cifre in concreto, prendi nota:

16-18 anni

  • Pressione sistolica: 105/135 (uomo) – 100/130 (donna)
  • Pressione diastolica: 60/85 (uomo) 60/85 (donna)

19-24 anni

  • Pressione sistolica: 105/139(uomo) – 100/130 (donna)
  • Pressione diastolica: 65/89 (uomo) 60/86 (donna)

30-39 anni

  • Pressione sistolica: 110/145 (uomo) – 105/139 (donna)
  • Pressione diastolica: 68/92 (uomo) 65/86 (donna)

40-49 anni

  • Pressione sistolica: 110/150 (uomo) – 105/150 (donna)
  • Pressione diastolica: 70/96 (uomo) 65/95 (donna)

50-59 anni

  • Pressione sistolica: 115/155 (uomo) – 110/155 (donna)
  • Pressione diastolica: 70/98(uomo) 70/98(donna)

over 60 anni

  • Pressione sistolica: 105/160 (uomo) – 1115/160(donna)
  • Pressione diastolica: 70/100(uomo) 70/100(donna)

Come misurare la pressione arteriosa:

Attualmente, l’apparecchio più utilizzato per misurare la pressione è l’esfigmomanometro, composto da una bracciolo e un tubo di gomma connesso alla colonnina di mercurio che registrerà in cm il nostro valore.

Si tratta di un operazione molto semplice che non causa nessun tipo di dolore e si effettua molto velocemente.

L’importanza di mantenere una buona pressione arteriosa

La pressione arteriosa rappresenta la forza con cui il sangue attraversa il nostro corpo e per questo risulta importante mantenere un valore adeguato per poter garantire il massimo della salute cardiaca. La pressione alta è una patologia molto comune che mette a rischio la salute del nostro cuore, rendendolo più soggetto alle malattie cardiache. Eseguire una corretta alimentazione e assumere i farmaci adeguati è fondamentale per migliorare il nostro quadro clinico. La tensione arteriosa bassa invece, disturbo meno comune, provoca problemi di circolazione, vertigini e perdita ella coscienza frequenti.

© Riproduzione riservata
Leggi anche