Proprietà e benefici del fieno greco

fieno greco

Il fieno greco, conosciuto anche con il nome scientifico di Trigonella foenum graecum, è un seme o legume di origine mediterranea utilizzato frequentemente nella gastronomia indiana. Ma è molto popolare anche nella cucina di altre regioni del Medio Oriente. Questi semi si estraggono dalla pianta conosciuta come Alholya, della quale si usano anche altre parti come le foglie per preparare farine. Possono essere utilizzate anche come condimento o spezia. Questo alimento, oltre ad essere un eccellente ingrediente culinario, è noto anche per essere un perfetto rimedio naturale per la cura personale e per combattere alcuni problemi di salute. Per questo motivo nel nostro articolo vi spieghiamo tutto quello che c’è da sapere sulle proprietà e i benefici del fieno greco.

Composizione nutrizionale del fieno greco

Il fieno greco è un seme molto utilizzato, sia in gastronomia che in fitoterapia, grazie alla sua ricchezza dei seguenti nutrienti: un alto contenuto di fibre solubili, come la mucillagine; e di proteine, specialmente di aminoacidi chiamati 4-hidroxiisoleucina che hanno proprietà regolatrici del colesterolo.

Inoltre è ricco di colina e vitamine del gruppo B; e quindi apporta grandi proprietà energetiche. Ha anche un grande quantità di vitamine A e C; un buon contenuto di saponine steroidee, nutriente con proprietà benefiche per la menopausa; e di flavonoidi, famosi per le sue eccellenti proprietà antiossidanti. Come ultima cosa, il fieno greco possiede diversi minerali come il calcio, il fosforo, il manganese, lo zinco, il selenio, il ferro e il magnesio.

Proprietà e benefici del fieno greco per la salute

Grazie ai nutrienti elencati in precedenza, questo seme ha molti benefici per la salute grazie alle sue proprietà. Concretamente, quelle che seguono sono le proprietà e i benefici del fieno greco: proprietà ipoglicemiche che aiutano a ridurre il livello di zucchero nel sangue; e quindi è ideale per quelle persone che soffrono di diabete di tipo I o II, sempre nella posologia prescritta dal medico.

La sua ricchezza di aminoacidi 4-hidroxiisoleucina dona proprietà epatiche che riducono i livelli di colesterolo LDL e aumentano il colesterolo HDL nel sangue.

Di conseguenza, previene malattie cardiovascolari e la formazioni di calcoli nei reni. È anche ideale per curare problemi digestivi come l’acidità di stomaco e le ulcere digestive; dato che ha grandi proprietà emollienti e antisecretorie; le quali fanno sì che questo seme agisca come protettore gastrico.

La sua ricchezza di fibre solubili ha proprietà lassative, ideali in casi di stitichezza. Ha anche proprietà ricostituenti e per questo motivo si utilizza come integratore alimentare in casi di anoressia o anemia. Questo seme è utilizzato dagli sportivi dato che è ricco di proteine, colina, fosforo e flavonoidi. Donano proprietà che favoriscono lo sviluppo della massa muscolare. Inoltre ha anche proprietà energetiche e stimolanti, ideali per chi pratica sport.

Il fieno greco è ideale per le donne in menopausa e con mestruazioni dolorose, perché è ricco di saponine steroidee, una sostanza simile agli ormoni femminili. Questa sostanza ha anche proprietà stimolanti che sono utilizzate per aumentare la taglia del seno.

Come ultima cosa, le sue proprietà antinfiammatorie ne fanno un buon rimedio per l’uso nel trattamento di diversi problemi come le emorroidi, infezioni cutanee, cellulite e dolori articolari.

Come assumere il finto greco – posologia

Il fieno greco è un seme che può essere preparato e assunto in diverse forme. Di seguito vi spieghiamo quelle più utilizzate.

Farina di alholya: si ottiene attraverso la miscela di grani tritati con acqua e si consuma principalmente come condimento alimentare. La posologia diaria non può superare i 25 grammi.

Infusi o tè di fieno greco: lo troverai in qualsiasi erboristeria sotto forma di bustine da 80 grammi. Le dosi giornaliere sono da 1 a 3 tazze. È sempre bene consultare il medico prima di cominciare l’assunzione.

Capsule con estratto di semi secchi: in generale, le capsule contengono circa 2 mg di questa pianta. Se assumi il fieno greco in questa forma, è bene perdere una capsula prima di ogni pasto e la posologia più adeguata saranno 3 capsule al giorno come massimo.

Il fieno greco si può preparare anche per applicazioni esterne e si trova già sotto forma di pasta, crema o per essere utilizzata per sciacqui.

Controindicazioni del fieno greco

Questo alimento non può essere consumato nei casi in cui sussitano controindicazioni del fieno greco.

A tal proposito vi illustriamo alcuni casi come esempio.

Persone con allergie ai legumi: il consumo potrebbe generare sintomi come rinite, asma, tosse, sibili e lacrimazione.

Donne incinte: non si può assumere dato che questo legume è ricco di sostanze estrogene che potrebbero provocare un aborto spontaneo.

Anticoncezionali: se state seguendo un trattamento anticoncezionale, non potete assumere il fieno greco. Potrebbe infatti interferire sugli effetti data la sua ricchezza di sostanze estrogene.

Alcuni medicinali: non è bene consumare questo seme neanche se state assumendo medicinali come l’insulina, antiplacche o anticoagulanti e antidiabetici orali.

Questo articolo è meramente informativo, non abbiamo facoltà di prescrivere alcun trattamento medico né realizzare alcun tipo di diagnosi. In ogni caso vi invitiamo a recarvi da un medico nel caso in cui si presenti qualsiasi condizione di malessere.

© Riproduzione riservata
Leggi anche