Salute mentale: come e quando è necessario prendersene cura

Attacchi di panico, depressione e dipendenze: i mille volti della salute mentale, una preziosa condizione da conoscere e tutelare

Il termine salute mentale è recentemente tornato alla ribalta per via delle gravi conseguenze psicologiche causate dalle misure restrittive per contenere il Coronavirus. Televisione e giornali hanno spesso sottoposto all’attenzione pubblica casi di violenza scaturita da disturbi di natura psicologica come ansia e depressione.

Cercare di dare una definizione chiara di cosa sia effettivamente la salute mentale è quindi fondamentale per aumentare la consapevolezza collettiva e mettere in atto strategie di prevenzione efficaci.

Il Ministero della Salute definisce la salute mentale come uno “stato di benessere emotivo e psicologico” grazie al quale l’individuo può “esercitare la propria funzione all’interno della società” e “rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno” (http://www.salute.gov.it).

Advertisements

L’accento è poi posto sull’importanza che la salute mentale ha nel permettere di stabilire relazioni soddisfacenti con il prossimo, contribuendo “costruttivamente” al bene della società.

Salute mentale: oltre alle emozioni

I fattori determinanti per vivere una situazione di maggiore o minore salute mentale non dipendono però unicamente da caratteristiche psicologiche come la capacità del singolo di gestire le emozioni e le relazioni interpersonali. Essi fanno riferimento più in generale alla condizione sociale, culturale ed economica, oltre che ambientale, in cui il cittadino si trova a vivere.

L’esposizione ad avversità in questi ambiti, può essere fonte di rischio per lo sviluppo di disturbi mentali.

Nel 2020 secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità la malattia mentale sarà il secondo disturbo a incidere sulla popolazione mondiale, collocandosi solo dopo le patologie cardiovascolari.

I disturbi mentali infatti riguardano tutte le classi d’età, senza rilevanti differenze di genere.

L’origine della malattia mentale

La malattia mentale ha molto spesso un’origine multifattoriale.

Se da una parte a contare è l’insieme delle condizioni sociale, culturale ed economica (fattori ambientali), esistono altri fattori che possono contribuire a causare disturbi psicologici o psichiatrici. Tra questi troviamo:

  • Fattori biologici: ossia fattori fisici legati al danneggiamento di tessuti e o organi;
  • Fattori ereditari: che riguardano la trasmissione di patologie per via genetica
  • Fattori psicologici: dovuti a traumi vissuti dall’individuo, come violenze e/o incidenti

Salute mentale: quando è necessario preoccuparsi?

Molte volte nel corso della vita può capitare di sentirsi spaventati, arrabbiati, giù di morale. Frasi come “sono depresso”, “sono apatico”, “ho solo voglia di piangere” fanno parte della quotidianità e spesso sono il risultato di eventi stressanti o forti delusioni, per le quali tuttavia è abbastanza semplice trovare una soluzione. Il protrarsi nel tempo (di solito maggiore ai sei mesi) di queste sensazioni può però essere il segno della presenza di un disturbo mentale. In particolare, è necessario approfondire questo tipo di problematiche quando ci si accorge di non essere più in grado di stabilire relazioni sociali soddisfacenti, tendendo invece all’isolamento prolungato. Un altro sintomo può risiedere nell’incapacità di risolvere i propri conflitti interiori in modo equilibrato, arrabbiandosi e manifestando verso se stessi o gli altri atteggiamenti violenti. Altri disturbi possono riguardare la scarsa autostima e la tendenza a sviluppare dipendenza da sostanze, gioco d’azzardo o dalle pratiche sessuali.

Di seguito è riportato un elenco dei disturbi mentali più diffusi:

  • Depressione
  • Disturbo bipolare
  • Schizofrenia
  • Dipendenze
  • Disturbi dell’alimentazione
  • Disturbi della personalità

I campanelli d’allarme

È quindi consigliato rivolgersi a uno specialista della salute mentale se ci si sente affetti da uno o più dei seguenti sintomi:

  • ansia prolungata
  • attacchi di panico
  • paure irrazionali
  • calo sensibile del tono dell’umore
  • allucinazioni
  • amnesie
  • stimolo incontrollabile di eseguire azioni ripetute ossessivamente nel tempo (compulsioni) che se non effettuate generano uno stato di forte agitazione
  • comportamenti autolesionisti
  • incapacità di controllare l’assunzione di cibo, sostanze stupefacenti o alcool

È bene ricordare che solo il parere di un medico o psicoterapeuta può fornire una diagnosi corretta relativa al disturbo, e che assumere farmaci come antidepressivi o ansiolitici senza il parere di un esperto può portare a un aggravamento dei sintomi.

Scritto da Flavia Ferrero
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come combattere la cattiva digestione con rimedi naturali

Allume di rocca: un deodorante naturale

Leggi anche
  • AcrilamideAcrilammide: cos’è, dove si trova e rischi per la salute

    Acrilammide: sostanza genotossica e cancerogena che può portare alla formazione di cellule tumorali

  • zanzara tigre rimedi puntureZanzara tigre: i rischi e le cure per proteggersi

    La zanzara tigre è una specie molto diffusa in Italia: conoscere i rischi e i rimedi contro le punture può migliorare la tua estate

  • occhi stanchi sollievoOcchi stanchi: quali rimedi naturali donano sollievo?

    Gli occhi stanchi sono un problema per le numerose persone che lavorano ogni giorno davanti al pc. Vediamo come donare sollievo agli occhi.

  • mangiarsi le unghiePerché mangiarsi le unghie è tanto pericoloso?

    Mangiarsi le unghie è un’abitudine molto pericolosa per diversi motivi. Vediamo perché è bene non cedere alla tentazione di tormentarsi le unghie.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.