Notizie.it logo

Secchezza vaginale: tutte le cause e rimedi

secchezza vaginale

Come risolvere con rimedi naturali i problemi di secchezza vaginale?

La secchezza vaginale è un disturbo che interessa le donne di qualsiasi età e consiste in una scarsa idratazione delle pareti vaginali. Spesso questo problema è accompagnato da altri disturbi come prurito o bruciore e tutto ciò compromette seriamente la serenità sessuale.

Fortunatamente si tratta di un problema facilmente risolvibile sia con l’applicazione di appositi gel, creme e tavolette sia con rimedi naturali e altrettanto sicuri. Ma vediamo adesso, quali sono le cause, i sintomi e soprattutto i rimedi da adottare per risolvere questo problema che affligge tantissime donne.

I sintomi della secchezza vaginale

Tra i sintomi più diffusi della secchezza vaginale, ricordiamo:

  • Prurito;
  • Bruciore;
  • Dolore durante i rapporti sessuali, spesso accompagnato da piccole perdite di sangue;
  • Sensazione continua di dover urinare.

È bene precisare che il dolore durante i rapporti sessuali può essere collegato anche ad una particolare condizione emotiva o essere causato dall’ansia e dallo stress.

Dedicare la giusta attenzione e il giusto tempo ai preliminari potrebbe essere risolutivo in caso di secchezza vaginale che si verifica solo ed esclusivamente durante i rapporti sessuali.

Le cause della secchezza vaginale

La causa principale della secchezza vaginale è l’atrofia, un’alterazione degenerativa che provoca l’infiammazione e l’ispessimento della mucosa. In ginecologia la secchezza vaginale è spesso collegata alla carenza di estrogeni (ormoni femminili necessari per la fertilità e la buona salute della vagina).

Gli estrogeni svolgono l’importante funzione di mantenere il pH locale su livelli leggermente acidi (intorno a 4.5) stimolando le secrezioni cervicali e mantenendo la regolare elasticità dei tessuti. Nonostante il calo di estrogeni possa verificarsi a qualsiasi età, ci sono determinati momenti o specifiche cause che possono provocarlo.

Ad esempio gli estrogeni diminuiscono durante la menopausa e nel periodo che la precede, durante l’allattamento o la gravidanza, a causa del fumo da sigaretta oppure per l’assunzione di specifici farmaci contro le allergie, antitumorali, per combattere raffreddore o depressione.

Anche certe abitudini legate all’igiene intima possono causare secchezza vaginale come l’utilizzo di profumi, spray, deodoranti, certi detergenti intimi. Infine, l’eccessivo ricorso a lavande vaginali può compromettere il regolare equilibrio dell’ecosistema vaginale.

I rimedi contro la secchezza vaginale

Uno dei principali rimedi per curare la secchezza vaginale consiste nell’assunzione di estrogeni per via orale oppure per uso topico (vaginale). Gli estrogeni inseriti in vagina entrano in circolo molto più velocemente rispetto a quelli assunti per via orale e, in più non fanno diminuire il livello di testosterone.

Gli estrogeni per uso topico possono distinguersi in due categorie:

  • Creme: che vengono applicate direttamente in vagina, utilizzando un apposito applicatore.

    La frequenza e le modalità di utilizzo vengono generalmente indicate dal medico oppure dal farmacista;

  • Tavolette: anch’esse inserite in vagina utilizzando l’apposito applicatore.

Altri rimedi contro la secchezza vaginale sono le pillole, i cerotti o anelli a base di estrogeni. Delle valide alternative ai rimedi appena elencati sono i gel idratanti e lubrificanti; si tratta di semplici creme in vendita nelle farmacie che possono essere acquistate senza prescrizione medica.

Se il problema si presenta in maniera lieve allora è possibile ripiegare su rimedi naturali ma altrettanto efficaci come i gel di aloe vera, il burro di karitè, l’olio di semi di sesamo o le lavande vaginali a base di camomilla, cipresso o salvia.

Abitudini alimentari e igieniche: alcuni consigli

Anche delle corrette abitudini alimentari e igieniche sono importanti per alleviare il problema.

Ad esempio cibi a base di soia e dei suoi derivati forniscono una maggiore idratazione a tutto l’organismo, compresa la vagina.

Nell’igiene intima è assolutamente bandito l’utilizzo di detergenti intimi aggressivi, saponi, bagnoschiuma, profumi, spray e quanto altro. Si consiglia l’utilizzo di slip in cotone, preferibilmente bianchi, e sono da evitare pantaloni troppo attillati.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche