Tumori, dal 2000 boom casi nei giovani. Burioni: “Dato inquietante”

(Adnkronos) – "Un dato inquietante: negli ultimi 20 anni si è registrato un netto aumento dell'incidenza di alcuni gravi tumori tra i giovani. E non sappiamo ancora il perché". E' il commento a un servizio del 'Wall Street Journal' postato sui social da Roberto Burioni, professore di Microbiologia e Virologia all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, che all'oncologia ha dedicato il suo ultimo libro 'Match point – Come la scienza sta sconfiggendo il cancro'. Il cancro sta colpendo sempre più giovani negli Stati Uniti e in tutto il mondo, sconcertando i medici, si legge sul Wsj. Negli Usa, secondo dati federali, i tassi di diagnosi sono aumentati nel 2019 a 107,8 casi ogni 100mila persone under 50 anni, in crescita del 12,8% rispetto a 95,6/100mila del 2000. Anche uno studio apparso l'anno scorso su 'Bmj Oncology' – ricorda il quotidiano – ha riportato un forte aumento globale dei tumori nelle persone sotto i 50 anni, con i tassi più alti in Nord America, Australia ed Europa occidentale. I medici stanno cercando di capire cosa li fa ammalare e come identificare i giovani ad alto rischio. Sospettano che i cambiamenti negli stili di vita – meno attività fisica, più alimenti ultra-processati, nuove tossine – abbiano aumentato il rischio per le generazioni più giovani. "I pazienti stanno diventando più giovani", afferma Andrea Cercek che co-dirige un programma per pazienti con cancro gastrointestinale a esordio precoce presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York, dove è stata curata Meilin Keen, una 27enne dalla cui vicenda parte l'articolo del Wsj. Nel giugno scorso Meilin stava studiando per l'esame di avvocato quando ha iniziato a vomitare sangue, scoprendo così di avere un cancro allo stomaco per il quale è stata operata. Cercek ritiene "probabile" che alla base del boom di tumori negli under 50 ci sia "qualche cambiamento ambientale, qualcosa nel nostro cibo, nei nostri farmaci o qualcosa che non abbiamo ancora identificato". Nel 2020 – prosegue il Wsj – la morte dell'attore Chadwick Boseman a 43 anni per cancro al colon ha acceso i riflettori sulla crescente prevalenza di questo tumore nelle persone sotto i 50 anni, un trend che già nel decennio precedente aveva allarmato gli oncologi. Gli esperti si resero conto presto che il fenomeno riguardava anche altre forme di cancro, dal tumore al pancreas a quello dell'appendice, dal cancro allo stomaco al tumore dell'utero. "Il cancro del colon-retto era il canarino nella miniera di carbone", è la metafora usata da Timothy Rebbeck, epidemiologo dei tumori al Dana-Farber Cancer Institute di Boston.
Il tasso di mortalità per cancro negli Stati Uniti è sceso di un terzo dal 1991 – rimarca il Wsj – grazie alla riduzione del fumo, a cure più efficaci e agli screening per la diagnosi precoce. Tuttavia l'aumento dei tumori a esordio precoce minaccia di frenare i progressi fatti nella lotta al cancro, anche se i tumori continuano a colpire molto più spesso gli anziani. Nel 2019 un quinto dei nuovi malati di cancro del colon-retto aveva meno di 55 anni, dato quasi raddoppiato rispetto al 1995. E i pazienti più giovani spesso ricevono la diagnosi quando il tumore è in fase avanzata, tanto che i tassi di mortalità per cancro del colon-retto tra gli over 65 stanno diminuendo, mentre crescono negli under 50.
"Stiamo vedendo sempre più giovani che contraddicono l'insegnamento classico secondo cui il cancro è una malattia dell'invecchiamento", evidenzia Monique Gary, direttrice medica programma oncologico, Grand View Health Pennsylvania. Ma di fronte a un sintomo insolito, avere un tumore non è la prima paura di un ragazzo. Soffrendo fin da quando andava al liceo di bruciori allo stomaco e reflusso, e avendo assunto antiacidi per mesi mentre si preparava per l'esame di abilitazione, la stessa Meilin quando ha perso l'appetito e ha vomitato sangue inizialmente credeva di aver bevuto troppo caffè. E' andata al Pronto soccorso solo quando le si è oscurata la vista e si è sentita svenire. In ospedale i medici l'hanno stabilizzata e sottoposta a indagini, e quando uno di loro avanzò l'ipotesi di un batterio cancerogeno, Meilin quasi rise. "Non ho pensato mai al cancro finché non l'ho avuto", confessa. —[email protected] (Web Info)

Scritto da Adnkronos

Lascia un commento

Il pediatra: “Tanti bimbi in Pronto soccorso con gastroenteriti virali”

Covid, Oms: “Non sappiamo che danni lascerà tra 5, 10 o 20 anni”

Contentsads.com