Gli zuccheri nel latte materno umano agiscono come agenti antibatterici

Latte materno

I ricercatori dell’Università di Vanderbilt hanno scoperto proprietà antibatteriche nel latte materno, grazie agli zuccheri contenuti in esso.

Il latte materno umano è una sostanza impressionante. È un cocktail complesso di zuccheri, proteine e grassi, i cui rapporti cambiano sempre con i bisogni nutrizionali di un bambino in crescita. I medici e i sostenitori dell’allattamento sono pronti a ricordarci che il latte materno dà al sistema immunitario un bambino un impulso alla lotta contro le infezioni, ma la verità è che la scienza deve ancora determinare esattamente perché sia così o come si possano usare le proprietà del latte materno per combattere batteri infettivi.

Fino a poco tempo fa, i chimici che studiano le proprietà immunologiche del latte materno hanno puntato innanzitutto i loro microscopi alle proteine in esso. Un team dell’Università Vanderbilt ha pubblicato una nuova ricerca nella rivista ACS Infectious Diseases – e presentato il 20 agosto 2017, alla riunione annuale della American Chemical Society di Washington, DC – suggerendo che i carboidrati nel latte materno possano non solo possedere una propria suite di proprietà antibatteriche, ma anche che potrebbero aumentare le abilità di uccidere batteri da parte delle proteine del latte di cui sappiamo di più.

“Questo è il primo esempio di attività generalizzata e antimicrobica da parte dei carboidrati nel latte umano”, ha detto il direttore dello studio Steven Townsend del Dipartimento di Chimica di Vanderbilt, in un comunicato stampa.

“Una delle notevoli proprietà di questi composti è che sono chiaramente non tossiche, a differenza della maggior parte degli antibiotici.”

I ricercatori hanno focalizzato il loro studio sui batteri chiamati Streptococco Gruppo B (GBS), che si trovano comunemente nelle donne in gravidanza e possono essere problematiche nei neonati se passati dalle loro madri. (La maggior parte dei bambini non viene infettato da GBS.) Un decennio fa, uno studio ha scoperto che il GBS potrebbe essere passato da madre a bambino attraverso il latte materno, quindi il gruppo di ricerca ha deciso di scoprire se il latte umano supporta o previene la colonizzazione GBS. Invece di guardare le proteine, si sono concentrati sugli zuccheri del latte, che sono più difficili da isolare e studiare.

I ricercatori hanno raccolto zuccheri di latte chiamati oligosaccharidi da campioni di latte donatore, li hanno aggiunti alle colture GBS e li hanno esaminati sotto un microscopio. Hanno trovato che in alcuni campioni di latte gli oligosaccharidi hanno rotto il biofilm che i batteri hanno fatto per proteggere se stessi, ma non hanno ucciso i batteri, mentre in altri, i batteri sono stati uccisi ma il biofilm è rimasto intatto.

Tuttavia, alcuni campioni di latte hanno abbattuto il biofilm e hanno ucciso i batteri di streptococco nella cultura.

I ricercatori hanno anche scoperto che la miscela di zuccheri di latte e peptidi antimicrobici provenienti dalla saliva umana possono lavorare insieme per aumentare gli altri agenti antimicrobici contenuti nel latte materno.

“I nostri risultati mostrano che questi zuccheri sono una bella combinazione”, ha detto Townsend. “In primo luogo, essi sensibilizzano i batteri bersaglio e poi li uccidono”. Il biologo a volte definisce questa letalità sintetica. Attualmente c’è una grande spinta per sviluppare nuovi farmaci antimicrobici con questa capacità.

Composto con editor istantaneo HTML. Si prega di acquistare una licenza di sottoscrizione HTMLg per interrompere l’aggiunta di messaggi promozionali ai documenti modificati.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
Prozis Corehr - Smartband Con Cardiofrequenzimetro
29.99 €
41.67 € -28 %
Compra ora
Myprotein Reggiseno Sportivo Shape Seamless - XL - Nero
31.49 €
Compra ora
Collistar Olio Secco Superabbronzante Idratante-Water Resistant ...
17 €
Compra ora
Kilocal Brucia Grassi Integratore Alimentare 15 Compresse
15.5 €
19.9 € -22 %
Compra ora