Allenamento funzionale da fare a casa: il circuito

Un circuito di allenamento funzionale a corpo libero è perfetto per chi vuole rimanere in forma pur restando comodamente tra le mura di casa.

Come prima cosa è importante chiarire fin da subito che allenamento funzionale significa riattivare i nostri muscoli senza sforzarli eccessivamente con pesi o attrezzature da palestra. Questa tipologia di workout è molto indicata per chi non si allena da molto tempo o per chi sta recuperando dopo un infortunio.

Anche le persone di una certa età beneficeranno di questo tipo di esercizi. Il fatto di non utilizzare pesi o attrezzi, riduce di moltissimo la possibilità di incorrere in brutti infortuni che potrebbero compromettere seriamente la nostra salute. Ecco quindi un allenamento funzionale da fare a casa.

Allenamento funzionale a casa

Proprio parlando di salute, l’allenamento funzionale è idoneo a risvegliare il funzionamento del nostro organismo mantenendoci in buona forma fisica e attivi durante le nostre giornate.

Advertisements

Si tratta di un’attività fisica a basso sforzo che chiunque può svolgere comodamente da casa, proprio perché si svolge tutta a corpo libero. Un allenamento funzionale può comprendere decine di esercizi diversi in base anche al livello e alla preparazione di chi vi si sottopone. Anche la durata dell’esercizio è piuttosto ridotta, infatti rispetto a una sessione di palestra, che può durare più di un’ora, gli allenamenti funzionali richiedono solamente una mezz’ora per svolgere tutti gli esercizi.

Questa tipologia di workout fa parte della categoria total body in quanto è previsto il coinvolgimento di tutti i muscoli del nostro corpo. Data la natura di questi esercizi, a sforzo ridotto, non si corre il rischio di sovraccaricare il muscolo nonostante lo si alleni ogni giorno. In base alle caratteristiche e alle necessità dell’atleta si può ipotizzare un piano settimanale: per i principianti è consigliabile fare un circuito di allenamento funzionale due o tre volte a settimana.

Mentre per le persone più abituata a fare sport è possibile anche fare 5 su 7 oppure 6 su 7.

Com’è fatto un circuito?

È possibile strutturare diversi piani di allenamento funzionale sotto forma di circuiti, ciò vuol dire passare da un esercizio all’altro velocemente e con brevi intervalli tra un esercizio e l’altro. L’obiettivo è ripetere il circuito tre o più volte nella stessa sessione di allenamento.

Alcuni degli esercizi più indicati sono quelli che riescono ad attivare un gran numero di muscoli contemporaneamente. Tra i principali rientrano gli squat per tonificare gambe e glutei. Le flessioni per braccia, spalle e petto. Per rafforzare gli addominali invece è possibile ricorrere al plank, un esercizio davvero facile da eseguire. Un’ottima idea è inserire anche un esercizio cardio, come ad esempio i salti sul posto. Infine, anche gli affondi sono un ottimo workout da inserire in questi circuiti.

È importante utilizzare un cronometro per tenere il tempo e per passare velocemente da un esercizio all’altro, concedendosi solamente 30 secondi, massimo un minuto, di riposo. Una volta completato il primo circuito ripetere in base alle proprie capacità.

Scritto da Amos Granata
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cos’è l’allenamento anaerobico?

Febbre e sintomi influenzali: cosa fare?

Leggi anche
Contents.media