Notizie.it logo

Allergia al polline: 5 buone abitudini per trovare sollievo

allergia al polline

L'allergia al polline è molto frequente in primavera. Come fare per correre ai ripari ed eliminarla? Esistono prodotti davvero eccellenti.

La primavera è il momento in cui, tendenzialmente, scoppia l‘allergia al polline, dal momento che i molti fiori che sbocciano in questo periodo ne sono ricchi. Ma quali sono i sintomi dell’allergia e quali possono essere le buone abitudini per combatterla? In questo articolo vediamo quali sono e quale può essere un rimedio naturale molto utile alle persone che soffrono di questo fastidioso problema.

Allergia al polline: sintomi

I sintomi dell’allergia al polline sono ben noti: possono sfociare, ad esempio, nella classica rinite allergica, ossia il naso chiuso, oppure in asma allergica. L’allergia, infatti, può manifestarsi sotto forma di congestione nasale, naso che gocciola, starnuti persistenti, prurito alla gola, al naso, agli occhi o alla bocca. Oppure ancora, altri sintomi possono essere tosse continua, forme di congiuntivite, gonfiore agli occhi, riduzione del senso dell’olfatto e del gusto. Raramente, si può avvertire difficoltà respiratoria grave, causata dallo shock anafilattico; questa grave forma sintomatica si genera, di solito, a partire da un’esposizione intensa e prolungata o da una forte intolleranza, ma rimane comunque un caso poco frequente.

Generalmente, i pollini che creano allergie sono i seguenti: quelli degli alberi, che fioriscono in primavera, quelli dell’erba, che vanno dalla tarda primavera all’estate, i pollini delle erbacce (meno comuni), presenti in autunno, fino ad arrivare alle spore di funghi e muffe, che si manifestano prevalentemente nei mesi caldi.

Ci sono dei fattori di rischio, che possono indurre le persone ad avere più probabilità di sviluppare un’allergia.

Tra queste ricordiamo la possibilità di soffrire di asma, avere genitori o fratelli che soffrono di allergie, essere di sesso maschile, essere stati esposti al fumo di sigaretta durante il primo anno di vita, vivere o lavorare dove vi sono allergeni. Attualmente, si stima che almeno il 20% degli italiani soffra di allergie varie, sempre in continuo aumento.

Allergia al polline: 5 buone abitudini

Cerchiamo di capire, adesso, quali possono essere cinque buone abitudini per eliminare, o comunque combattere, i sintomi generati dall’allergia al polline.

  1. Stare lontani dagli allergeni

Vi sono, anche sul web, bollettini che indicano i giorni che sono più considerati “a rischio” per la presenza dei pollini nell’aria. Cerchiamo, se possibile, di ridurre al minimo indispensabile le uscite in questi giorni.

2. Teniamo sotto controllo i periodi a rischio

Cerchiamo di capire qual è il polline che dà fastidio, per sapere esattamente quando c’è effettiva concentrazione nell’aria oppure no. Evitate le passeggiate in piena campagna e cercate di usare sempre gli occhiali da sole.

3.

Potenziare il sistema immunitario

Purtroppo, le allergie indeboliscono il sistema immunitario. Possiamo pensare di utilizzare così alcuni integratori alimentari composti da estratti vegetali anti allergia e da fitonutrienti che potenziano la salute immunitaria e respiratoria.

4. Cercare di alleviare i sintomi

Pensiamo alle piante che ci possono aiutare in questo senso, primo tra tutti il ribes nigrum. Lo possiamo assumere in compresse, in gocce, nelle tisane.

5. Attenzione alle allergie incrociate

Spesso, chi è allergico ad una componente, lo è anche ad altri. Si chiama il fenomeno delle allergie incrociate. Facciamo un esempio: chi è allergico alla betulla, spesso lo è anche alla mela, mentre chi è allergico alle graminacee ha spesso problematiche con il pomodoro. È meglio, quindi, nel caso di allergie incrociate, non cibarsi di alimenti che potrebbero creare problemi, se prima non ci si è rivolti a specialisti, onde evitare problematiche anche a livello digestivo, oltre che respiratorio.

Il miglior rimedio naturale contro le allergie

Per fortuna esistono molteplici rimedi naturali contro le allergie.

Secondo gli esperti e le persone che l’hanno provato, il migliore tra questi si chiama OkRespira. Si tratta di un rimedio naturale sotto forma di gocce, che devono essere miscelate con un po’ d’acqua e assunte per tre volte al giorno, meglio se lontane dal pasto principale.

Le gocce contengono il sopracitato ribes nigrum, ma anche l’estratto di rosmarino, molto utile nel ridurre le infiammazioni. Inoltre, è presente la rosa canina, che è ricchissima di vitamina C e che ci aiuta a potenziare il nostro sistema immunitario. Nella ricetta è presente anche la magnolia, che ci aiuta a respirare meglio, dandoci un’immediata sensazione di benessere.

Grazie ala sua efficacia testata, è considerato, dai maggiori esperti del settore e dalle persone che l’hanno provato, come il migliore rimedio naturale al naso chiuso, derivante sia dall’allergia sia da sintomi da raffreddamento.

Per chi fosse interessato, sono disponibili maggiori informazioni cliccando qui o sulla seguente immagine.

-

Il prodotto non presenta particolari controindicazioni, dal momento che, a differenza del cortisone, non è un medicinale. Tuttavia, se ne sconsiglia l’utilizzo a chi fosse intollerante agli ingredienti usati.

Trattandosi di un prodotto esclusivo, non è possibile ottenerlo presso negozi fisici o siti di e-commerce online. Il prodotto originale, infatti, è disponibile soltanto sul sito ufficiale di OkRespira. Una volta cliccato su “Ordina subito”, è necessario compilare un breve modulo con i propri dati personali, che verranno trattati nel rispetto della privacy. Dopodiché, sarà sufficiente attendere la chiamata dell’operatore per la conferma e l’evasione dell’ordine. Tra l’altro, sul sito ufficiale, accessibile tramite questo link, si può accedere alle informazioni sul prodotto e a numerose recensioni di chi lo ha già provato e ha beneficiato dei risultati promessi. Il prodotto presenta, al momento, una promozione stagionale, che consente l’acquisto a 49 € anziché 98 €. Le spese di spedizione sono del tutto gratuite. Tra le modalità di pagamento è disponibile anche il contrassegno, cioè il pagamento all’avvenuta ricezione della merce, oltre che il Paypal e la carta di credito.

© Riproduzione riservata
Leggi anche