Notizie.it logo

Quali sono i benefici di una maschera al carbone vegetale

carbone vegetale

Il carbone vegetale è un ingrediente naturale ideale contro il meteorismo e sopratutto come rimedio di bellezza. Come maschera viso, elimina le imperfezioni e dona una pelle liscia e bella

Il carbone vegetale è una risorsa naturale dai molti benefici. Sia che si assuma con l’alimentazione, in compresse o altre forme, oppure che si usi come cosmetico, questa sostanza apporta molti miglioramenti soprattutto per quanto riguarda il benessere della pelle, anche se viene usata per risolvere problemi come il meteorismo.

Carbone vegetale

Detto anche carbone attivo o carbone attivato, è una sostanza completamente naturale, che si ottiene dalla combustione del legname. Gli scarti della lavorazione del legno, se portati ad alte temperature e in assenza di fuoco, raggiungono una fase chiamata calcinazione. Inoltre, in un ambiente povero di ossigeno, si ha la carbonificazione. In seguito il carbone è bruciato una seconda volta, entrando nella fase della comustione. Questo processo si deve svolgere in presenza di vapore acqueo, aria o gas, per aumentarne il potere di assorbimento e ottenendone quindi l’attivazione.

Questo carbone si ottiene dalla carbonificazione del legno di vario tipo: pioppo, salice, betulla e pino.

Se lasciamo che il processo di carbonificazione avvenga naturalmente, occorreranno millenni: i tessuti vegetali vengono sottoposti a elevate pressioni che provocano un aumento di temperatura, e all’azione fermentativa di funghi e batteri anaerobi, che provoca una progressiva eliminazione dell’idrogeno e dell’ossigeno, arricchendosi di carbonio.

Carboni attivi

I carboni attivi sono sostanze, che avendo un alto contenuto di carbonio, diventano particolarmente porosi. In questo modo riescono ad assorbire e isolare sostanze di vario tipo. Sono quindi impiegati per eliminare gli agenti inquinanti dall’acqua e dall’aria o, come rimedio medico, per assorbire i gas intestinali e per neutralizzare i veleni ingeriti.

Lo si può ricavare anche dalla segatura, dal legno o dai carboni di legno, dalla torba o lignite. Si trova nei gusci di frutta, si ricava da prodotti secondari della lavorazione della carta e dal carbon fossile. Per poterlo utilizzare è però necessario un processo di attivazione chiamato micronizzazione. Si deve procedere, in pratica, ad un’estrema riduzione delle dimensioni delle particelle di carbone, per favorirne la reattività.

Il carbone attivo per uso umano viene venduto sotto forma di polvere o di compresse.

Carbone vegetale: benefici

Questa sostanza è molto gettonata per uso cosmetico: le sue caratteristiche la rendono l’ingrediente ideale nelle maschere per pelli miste, grasse e impure. A differenza dell’argilla che può seccare troppo la pelle, la polvere del carbone non lascia la sensazione di pelle che ‘tira’. Le maschere al carbone vegetale sono un’ottima soluzione per avere una pelle bella e in salute.

Il carbone attivo combatte infatti le impurità come punti neri ed eccesso di sebo. Grazie alle proprietà astringenti è un rimedio contro la pelle lucida e i pori dilatati. E’ in grado di indurre un’esfoliazione regolare e costante per ottimizzare la qualità della pelle. Rimuove dal viso il sebo in eccesso contrastando la lucidità della pelle. Inoltre, il ha anche un effetto disinfettante, inglobando al suo passaggio anche batteri. E’ anche utile per rimuovere il make up.

Carbone vegetale: maschera

L’ideale per migliorare la pelle del viso ed eliminare le impurità è quindi fare delle maschere a base di carbone vegetale.

Dette anche Black Mask a causa del colore scuro, si trovano facilmente anche su Amazon. Riportiamo di seguito le migliori e le più vendute.

  • Black Mask peel off di Isuda, arricchita con Vitamina C e nutrienti idratanti per un’azione ancora migliore e più efficace.
  • Maschera nera di Mroobest, realizzata con ingredienti 100% naturali
  • Maschera viso purificante al carbone vegetale di Scobuty

Se non avete mai usato questo tipo di maschera, ricordate di non usarla su pelli irritate o ferite.

© Riproduzione riservata
Leggi anche