Cannabis medica per il trattamento dell’autismo

Cannabis medica per curare l'autismo: secondo le famiglie con bambini affetti da DSA è efficace, ma gli esperti sono scettici. Scopriamo perché!

L’autismo è una patologia difficile da trattare, tant’è che ogni giorno si apre la strada a nuove possibili terapie. In particolare, si sta diffondendo l’idea che la cannabis medica possa avere degli effetti benefici sui soggetti con disturbi dello spettro autistico (DSA).

Tuttavia, bisogna considerare alcune questioni giuridiche ed etiche.

Cannabis e autismo: le testimonianze

Si leggono spesso storie e rapporti sul ruolo della marijuana nel trattamento di forme gravi di autismo. Molte testimonianze arrivano dagli Stati Uniti, in particolare dal Rhode Island, uno dei pochi stati in cui è legale prescrivere terapie a base di cannabis. Proprio qui vive Dylan, un bambino affetto da autismo che, dopo aver provato tutti i trattamenti possibili – dal Ritalin alle diete senza glutine e latticini – ha iniziato ad assumere cannabis.

I genitori raccontano che il comportamento di Dylan ha sempre causato problemi sia a scuola sia a casa. Da quando ha iniziato la terapia con l’olio di cannabis, però, la situazione è migliorata: il bambino è più socievole e meno arrabbiato.

Storie come questa hanno dato una speranza alle famiglie con soggetti autistici, portando alla creazione di organizzazioni di genitori a favore dell’utilizzo di cannabis medica. Eppure, la scienza ha un parere diverso.

Lo scetticismo degli esperti

Per quanto le prime ricerche sembrino promettenti, gli esperti ritengono che sia ancora presto per determinare se i trattamenti con cannabis siano sicuri – soprattutto per i bambini. Ad ogni modo, alcuni recenti studi di dimensioni ridotte hanno dimostrato che l’olio di cannabis può aiutare alcuni bambini con autismo.

Ad esempio, secondo una ricerca condotta in Israele, dove la marijuana medica è legalmente riconosciuta come farmaco per alcune patologie, l’olio di cannabis è “sicuro ed efficace” per il trattamento dei sintomi da DSA.

Lo studio osservazionale ha raccolto dati sul comportamento somministrando dei sondaggi ai genitori prima e dopo il trattamento per esaminare la qualità della vita e i cambiamenti dell’umore in 188 adolescenti affetti da autismo. Dopo 6 mesi di trattamento, il 30% dei pazienti ha riportato un miglioramento significativo dei sintomi, e più del 50% ha avuto miglioramenti moderati.

Gli altri studiosi, tuttavia, hanno alcune perplessità riguardo la valenza di questa ricerca. In primo luogo, lo studio è sostenuto da Tikun Olam, il più grande fornitore di cannabis medica in Israele, e molti degli autori lavorano per l’azienda. Inoltre, i ricercatori israeliani non hanno esaminato le questioni legate alla sicurezza. Per avere quindi una conferma bisognerà aspettare degli studi più ampi, condotti su larga scala e che prevedano l’utilizzo di placebo – come quello che dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno negli Stati Uniti.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I bambini socievoli hanno successo da grandi

Molise, stanziati 580 milioni per la sanità

Leggi anche
  • Punture di medusa: i migliori rimedi naturaliPunture di medusa: i migliori rimedi naturali

    Le punture di medusa sono dolorose e possono provocare gravi reazioni allergiche. Scopriamo come curare i sintomi e prevenire l’attacco.

  • Smettere di fumare con la sigaretta elettronicaSmettere di fumare con la sigaretta elettronica: è davvero una buona idea?

    Le e-cig sono considerate sempre più spesso uno strumento eccezionale nella lotta contro il fumo. Ecco perché.

  • Prodotti a base di cbd: scegliere quelli più sicuriProdotti a base di cbd: la scelta giusta, per ottenere quelli più sicuri

    Prima di acquistare prodotti a base di cbd occorre accertarsi che siano altamente sicuri: quali sono gli aspetti da considerare per una scelta adeguata.

  • Cura delle ferite essudanti: medicazioni in tessuto non tessutoLe medicazioni in tessuto non tessuto per la cura delle ferite essudanti

    Per favorire un ambiente ottimale alla guarigione delle ferite fortemente essudanti, Mölnlycke ha studiato la gamma Exufiber®.

Contents.media