Notizie.it logo

Cioccolato fondente: come combatte lo stress

cioccolato fondente

Le proprietà del cacao fanno del cioccolato fondente un ottimo alleato contro lo stress: come utilizzarlo e quali sono i benefici.

Il cioccolato è amato da tutti in ogni parte del mondo. È l’ingrediente principale di milioni di ricette, non solo dolci, ma a far innamorare davvero tutti è principalmente il consumo di tavolette e barrette di cioccolato in tutte le sue varianti. Sfizio goloso a parte, comunque, in realtà il cioccolato può anche causare alcuni effetti benefici, quando consumato con moderazione. In particolare il cioccolato fondente è la scelta più sana da preferire per arricchire una dieta rendendola completa e soddisfacente dal punto di vista nutrizionale, ma soprattutto è un ottimo alleato in caso di stress e cattivo umore.

Cioccolato fondente: come riduce lo stress?

In quantità appropriate, il cioccolato fondente può davvero incidere positivamente sull’umore ed essere uno strumento utile per combattere lo stress di tutti i giorni.

Il cacao, a seguito di numerosi studi, si è rivelato capace di migliore l’umore grazie al rilascio di serotonina ed endorfine. La serotonina è famosa proprio come ormone della felicità, mentre le endorfine sono neurotrasmettitori il cui livello nel cervello ne determina il benessere, con conseguenze positive sull’umore. Moltissimi studiosi affermano che mangiare una piccola porzione di cioccolato tutti i giorni abbia un ruolo fondamentale nel mantenimento di un basso livello di cortisolo, l’ormone maggiormente responsabile dello stress. Chi soffre di stress può trovare un valido aiuto nel cioccolato fondente, e c’è persino chi afferma che mangiarlo in gravidanza possa avere ripercussioni positive sulla salute mentale del nascituro e renderlo meno propenso a stressarsi facilmente.

Perché proprio il cioccolato fondente?

Sicuramente il cioccolato fondente risulta più amaro delle varianti al latte e il suo sapore non è per tutti.

I bambini, soprattutto, tendono a preferire il cioccolato al latte per via della sua maggiore dolcezza. È bene però sapere che il cioccolato fondente abbia, di norma, quantità minori di ingredienti poco salutari, come grassi e zuccheri aggiunti, responsabili della dolcezza del cioccolato al latte e di quello bianco.
Il cioccolato fondente formato almeno al 70% da vero cacao amaro è la variante più sana e genuina perché mantiene tutti i preziosi antiossidanti del cacao. Si può addirittura dire che il cioccolato fondente abbia proprietà che gli altri tipi di cioccolato non contengono, come certi antiossidanti e flavonoidi. Dunque, anche se il suo sapore può essere un po’ difficile da apprezzare, è meglio abituarsi a preferire il cioccolato fondente e concedersi le altre varianti solo come sfizio occasionale, mentre il fondente si può gustare quotidianamente, magari insieme al caffè o come parte di uno spuntino salutare.


Altri benefici del cioccolato sulla salute

I flavonoidi contenuti nel cioccolato fondente, oltre a essere i responsabili del suo caratteristico sapore lievemente amaro, apportano diversi benefici a livello cardiovascolare.

Gli antiossidanti del cioccolato possono abbassare la pressione sanguigna, favorire il colesterolo buono, rallentare l’ossidazione del colesterolo cattivo e favorire la giusta auto-regolazione fisiologica dei livelli di zucchero nel sangue.

Purtroppo, tutti i benefici del cioccolato non bastano a giustificarne un consumo eccessivo, poiché gli effetti positivi si manifestano solo con l’assunzione regolare in piccole dosi, non di certo con una grande abbuffata. L’ideale è limitarsi a pochi quadratini di una barretta: per togliersi lo sfizio e rifarsi la bocca a fine pasto o per accompagnare il caffè ne basta un quadratino! È inoltre fondamentale capire che il cioccolato non possa assolutamente sostituire in alcun modo alcun tipo di cura medica, neppure il diabete o l’ipertensione che godono particolarmente dei suoi benefici.

Nonostante le sue grandi qualità, il cioccolato non va mai assunto in quantità esagerate, nemmeno quello fondente: pur essendo più sano degli altri, può comunque contenere grassi saturi e zuccheri, e in ogni caso il cioccolato è un alimento iper-calorico in tutte le sue versioni. Meglio goderselo in piccole dosi, con calma, gustandone il sapore inconfondibile con la consapevolezza di star agendo anche sul proprio benessere fisico e mentale.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche
  • dieta chetogenicaDieta chetogenica: esempio e schema

    La dieta chetogenica rappresenta un particolare regime alimentare che prevede l’apporto di grassi e proteine: quali sono i cibi consigliati?