Notizie.it logo

Come eliminare un acaro della scabbia

acaro

Prurito diffuso, rossori sparsi e apparizione di piccole protuberanze: è l'acaro della scabbia. Scopri come eliminare questo parassita

L‘acaro della scabbia provoca un’infezione della pelle alquanto comune: compare quando un acaro femmina si introduce sottopelle e depone le uova. La persona si accorge del contagio perché appaiono piccole protuberanza in diverse parti del corpo ed ha una forte sensazione di prurito e rossori ovunque. Se credi di avere un contagio da scabbia, consulta uno specialista affinché ti indichi il trattamento più adeguato.

Acaro della scabbia

La comparsa di rossori e pruriti possono essere causate da molti batteri e infezioni varie. Vediamo come possiamo fare per capire se si tratta dell’acaro della scabbia.

Rossore e prurito

Puoi riconoscere la scabbia se vedi sul tuo corpo diverse zona arrossate che causano molto prurito. Spesso la scabbia umana si confonde con una reazione allergica: per questo, prima di cominciare con la cura contro la scabbia, devi accertarti che sia questa l’infezione del tuo caso. Le zone del corpo più colpite sono:

  • Mani, dita e polsi
  • La regione pubica
  • La parte interiore delle cosce
  • I piedi o le piante dei piedi

E’ difficile riconoscere la scabbia subito perché da quando ti contagi finché appaiono i primi sintomi può passare anche un mese.

Questo è il tempo in cui le uova maturano. Quando ti accorgi dei sintomi della scabbia è quando vedi che nelle zone prima citate, e in altre parti, appaiono eruzioni ed intensi pruriti, rivolgiti immediatamente al tuo medico.

Infezione contagiosa

La scabbia è un tipo di infezione cutanea contagiosa, per cui è fondamentale eliminare l’acaro della scabbia il prima possibile. Quando andrai dal medico, ti informerà sui diversi farmaci che eliminano questo parassita, un trattamento che dovrà seguire non solo la persona infetta ma tutti i familiari o persone con cui convive nonostante non abbiano sintomi.

Una volta cominciato il trattamento, il rischio di contagio diminuisce notevolmente arrivando all’1% di rischio 24 ore dopo aver preso la prima pillola. La scabbia ha cura e il 95% dei pazienti che si curano riescono ad eliminarla definitivamente.

Antistaminici orali

Una delle forme più comuni di eliminare il prurito della scabbia umana è mediante antistaminici orali, prescritti dal medico. Per quanto sia un trattamento efficace, il prurito può metterci settimane a scomparire.

Devi tenere presente che molti di questi farmaci possono produrre sonnolenza per cui è raccomandabile prenderli a fine giornata. I medicinali non elimineranno l’infezione, miglioreranno solo la sintomatologia.

Per riuscire ad alleviare il prurito della scabbia, mentre gli antistaminici lavorano eliminando l’infezione, puoi parlare con il medico perché ti prescriva dei corticoidi in crema per alleviare il bruciore e diminuire l’allergia.

Permitrina

In alternativa puoi optare per la Permitrina, un farmaco che si usa frequentemente per curare la scabbia. Si tratta di un’opzione in crema o lozione che, applicata sul corpo, elimina il parassita in modo permanente nonostante possa provocare effetti collaterali sulla pelle come irritazione o aumento della sensazione di prurito.

Esiste anche un rimedio naturale per la scabbia che può aiutare ad alleviare il prurito. Si tratta dell’olio di neem: dovrai applicare quest’olio sulla pelle ogni giorno e lasciare che agisca tutta la notte.

Igiene in casa

Trattandosi di un parassita contagioso, è importante che si mantengano certi accorgimenti riguardo la pulizia casalinga: aspira e pulisci i mobili, la biancheria, gli asciugamani e gli indumenti.

Gli acari possono nascondersi in qualunque angolo della tua casa e contagiarti di nuovo, per questo bisogna pulire in profondità le tue cose e portare eventuali animali domestici a tagliare il pelo.

© Riproduzione riservata
Leggi anche