Notizie.it logo

Come stappare le orecchie dal cerume in modo naturale

perché fischiano le orecchie

Come stappare le orecchie con metodi naturali? Cerchiamo di capire come si può fare e quali tipi di prodotti usare.

Come stappare le orecchie in modo naturale? Avere le orecchie tappate può essere un qualcosa di fisiologico. In alcuni casi, però, tutto dipende da una patologia che, anche se non è grave, deve essere curata. Cerchiamo di capire quindi come si può risolvere questa situazione.

Come stappare le orecchie

Come eliminare il tappo di cerume dalle orecchie, stappandole? Il tappo di cerume si crea spesso nel condotto uditivo. Normalmente, il cerume è una sostanza naturale che si trova nelle nostre orecchie. Quando, però, questa si forma in modo eccessivo, si crea il cosiddetto tappo di cerume, il quale è davvero molto fastidioso. Può provocare dolore, prurito, sensazione di udito ovattato e, appunto, orecchie tappate. Si consiglia sempre di andare dal medico prima, e nel caso di patologie non gravi è possibile utilizzare diversi rimedi naturali.

Le orecchie tappate non sono una malattia, ma da essa possono derivare acufeni, ipoacusia e altri tipi di problematiche che non dobbiamo sottovalutare. Nel caso di formazione del tappo di cerume, dobbiamo ricordare la massima igiene quando puliamo le orecchie, ricordandosi di bandire i cotton fioc. Molti, infatti, li utilizzano per pulire le orecchie, ma non sanno che essi possono essere una delle cause per cui si verifica il tappo di cerume, poiché spingono lo stesso verso il timpano, peggiorando i sintomi.

Orecchie tappate: cause

Le cause riguardanti le orecchie tappate possono essere molte e non sono solo riconducibili al cerume.

Anche la presenza di catarro nella zona, ad esempio, può creare orecchio tappato e sensazione di udito ovattato. In genere, però, basta un po’ di aerosol o qualche mucolitico e, nel giro di qualche giorno, la situazione si risolve. Esse possono essere causate anche da un’infezione all’orecchio, ad esempio un’otite. Anche questa patologia, che provoca anche febbre e dolore alle orecchie, può apportare questo sgradevole sintomo.

Altre cause sono gli acufeni, ovvero i ronzii o i sibili che si avvertono all’interno dell’orecchio senza che questi ci siano per davvero. Ci sono anche cause temporanee: il tappo nelle orecchie si può infatti verificare a seguito di variazioni repentine della pressione. Un esempio è l’aereo, oppure le immersioni subacquee, un treno quando si entra in galleria, una serata in discoteca o ad un concerto e via dicendo. L’udito qui diventa ovattato e la percezione si riduce per la differenza di pressione che c’è tra l’orecchio e l’esterno.

Basta sbadigliare o deglutire per far tornare la situazione normale. Infine, ricordiamo casi limite, ma ben più gravi, come ad esempio alcuni tipi di tumori che provocano un tappo alle orecchie o la sindrome di Meniere.

Alcuni di questi problemi possono essere ovviati con rimedi naturali, ad esempio con olio essenziale di camomilla, di ylang ylang, glicerina per ammorbidire il condotto uditivo. In presenza di febbre, in ogni caso, è meglio consultare il medico: può essere in atto un’infezione che necessità di antibiotici per poter essere debellata con successo.

Come stappare le orecchie naturalmente

Vediamo come stappare le orecchie in modo del tutto naturale. Oltre al classicissimi rimedi della nonna troviamo la possibilità di utilizzare rimedi naturali, sempre per problemi non gravi relativi all’udito come possono essere le orecchie tappate, i quali risultano essere maggiormente efficaci rispetto ad altri prodotti. Quello attualmente più consigliato da esperti e che vanta numerose testimonianze è senza dubbio OtoBio.

OtoBio è un olio completamente naturale sotto forma di gocce auricolari che vengono direttamente instillate nel condotto uditivo, per pulirlo, idratarlo, sfiammarlo e nutrirlo.

Infatti OtoBio apporta i seguenti benefici al condotto uditivo:

  • Idrata il canale uditivo
  • Elimina il cerume sino in profondità
  • Migliora la ricezione delle onde sonore
  • Protegge dai danni causati dal volume troppo alto

Questo è possibile grazie all’azione sinergica dei principi attivi naturali che compongono OtoBio, più nello specifico:

  • Olio di mandorle dolci, svolge un’azione anti-ossidante e favorisce la rigenerazione cellulare
  • Olio di germe di grano, aiuta a disinfiammare, idratare e nutrire le cellule
  • Olio di Argan, aiuta le cellule del canale uditivo a rigenerarsi e a tornare giovani
  • Estratto di salvia e gardenia, con proprietà riparanti e antisettiche

Utilizzare OtoBio è davvero semplice grazie al pratico dosatore contagocce, infatti basta prendere una piccola quantità di prodotto con il comodo applicatore, versarla nell’orecchio e lasciare agire per qualche minuto. Inoltre, non ha controindicazioni o effetti collaterali, essendo completamente naturale, ed è consigliato dai migliori esperti proprio per la sua efficacia d’azione.

Per maggiori informazioni su OtoBio consigliamo di cliccare qui o sulla seguente immagine

OtoBio provalo adesso

L’articolo funziona davvero: esistono, infatti, sul sito apposite sezioni dedicate alle testimonianze delle persone che hanno già deciso di usare il prodotto e che sono rimaste soddisfatte. OtoBio è ideale per eliminare le cause di orecchie tappate. Aiuta a sciogliere il tappo di cerume, a disinfettare l’orecchio eliminando così le problematiche legate al tinnito o all’ipoacusia.

Dato che si tratta di un prodotto esclusivo, non è acquistabile nè in farmacia nè in erboristeria tanto meno su siti online quali gli e-commerce. L’unico modo è tramite il sito ufficiale del prodotto compilando un modulo con i propri dati. In questo modo è possibile approfittare della promozione che vede una confezione del prodotto a 49€.

In pochissimo tempo avrete così la possibilità di ordinare OtoBio, che vi verrà recapitato all’indirizzo pattuito entro pochissimi giorni. In genere, sono sufficienti un paio di giorni per la consegna. Si può pagare in contrassegno, cioè al corriere nel momento in cui riceverete la merce e le spese di spedizione sono del tutto gratuite.

© Riproduzione riservata
Leggi anche