Notizie.it logo

I migliori prodotti per sciogliere il tappo di cerume

tappo di cerume

Il tappo di cerume si forma in particolari condizioni ma, in genere, non è un disturbo di tipo patologico. Cerchiamo di saperne di più

Il tappo di cerume è un accumulo di tipo ceruminoso presente nel canale uditivo esterno dell’orecchio. L’eliminazione avviene attraverso l’uso di particolari gocce ed altri rimedi.

Tappo di cerume

Il tappo di cerume è, dunque, un accumulo di secrezione di tipo ceruminoso presente nell’orecchio, più precisamente nel canale uditivo esterno. La secrezione non riuscendo a scorrere verso l’esterno tramite il padiglione auricolare forma un tappo. Le cause possono essere diverse, dalla scarsa igiene a patologie importanti a livello auricolare.

Il cerume è una sostanza che viene secreta dalle ghiandole sebacee del condotto esterno dell’orecchio. Serve a mantenere l’orecchio umido, in modo da evitare il rischio di essiccamento e ostacolare l’ingresso di particelle dannose, come i batteri.

Come abbiamo detto, le cause possono essere molte e diverse fra loro. Questo tappo potrebbe derivare da psoriasi, dermatite seborroica, età infantile, senescenza. Il normale scorrimento interno all’orecchio potrebbe essere alterato dalla presenza di eccessiva quantità d’acqua nell’orecchio, ma anche da otite o infiammazioni.

La formazione di cerume, inoltre, può derivare dalla presenza di protesi acustiche, ma anche da scarsa igiene.

L’utilizzo di cotton fioc, inoltre, è dannoso per la salute dell’orecchio. Aumenta, infatti, la possibilità che il cerume si accumuli all’interno dell’orecchio e, spesso, è anche causa di perforamento del timpano. E’ bene evitarne l’utilizzo nel caso di otiti o perforazioni timpaniche.

Tappo di cerume: gocce

Per eliminare il cerume è necessario sciogliere il tappo. E’ possibile procedere con l’uso di alcune gocce, facilmente reperibili in farmacia ed anche nei supermercati più riforniti. Si tratta di gocce a base di glicerina e olio minerale. Il trattamento migliore consiste nel somministrare questo rimedio due volte al giorno. E’ possibile utilizzarle anche in modo preventivo.

Altre possibili soluzioni consistono nell’utilizzo di perossido di idrogeno e perossido di carbamibe. Entrambi svolgono la propria funzione in aggiunta alla glicerina. Anche l’olio di arachidi, il docusato, la trementina, il diclorobenzene sono possibili alternative.

L’utilizzo delle goccioline è molto semplice.

In genere, è necessario inclinare la testa di lato ponendo verso l’alto orecchio occluso. Si procede, poi, con la somministrazione delle gocce che devono rimanere all’interno dell’orecchio per un paio di minuti. Successivamente rimuove il cerume sciolto per poi risciacquare il tutto con acqua tiepida, avendo cura di non indirizzare i getti d’acqua direttamente nell’orecchio. L’utilizzo di acqua troppo calda o fredda può provocare dei danni e causare vertigini.

Nel caso in cui i sintomi dovessero peggiorare in seguito alla somministrazione delle gocce o nel caso di infezioni, è necessario contattare immediatamente un medico. E’ bene prestare molta attenzione durante il lavaggio auricolare in quanto la rimozione potrebbe portare a problematiche anche molto serie. Nel caso in cui il cerume sia conseguenza di un’otite batterica, sarà necessario procedere con antibiotici.

In presenza di protesi uditive, è bene evitare l’suo di gocce emollienti.

Tappo di cerume: trattamenti

Le gocce sono il rimedio più diffuso e utilizzato per eliminare il cerume dal canale uditivo.

Esistono, però, altri trattamenti ugualmente efficaci. Il cono di cera è, ad esempio, un prodotto utile a pulire il condotto. E’ possibile acquistare i coni in supermercati, farmacie ed erboristerie.

Oltre al classico olio da cucina, che può servire per ammorbidire il cerume, è possibile trovare anche l’acqua. Questo rimedio necessita dell’ausilio di una siringa. Sarà sufficiente tirare leggermente l’orecchio verso l’alto e dirigere la siringa piena d’acqua in direzione del canale auricolare. Al termine dell’operazione sarà utile inclinare il capo per permettere lo scorrimento del cerume all’esterno del condotto. Spesso, è necessario ripetere l’applicazione varie volte. In sostituzione all’acqua, è possibile utilizzare una soluzione salina oppure acqua e aceto. Anche acqua e bicarbonato di sodio sono una valida alternativa.

Rivolgendosi ad un medico è possibile essere sottoposti ad altri due diversi trattamenti che avvengono con l’ausilio della curetta o della cannula. Il primo è un prodotto che possiede un’estremità per eliminare il tappo di cerume senza entrare nel condotto uditivo.

Il secondo, invece, è collegato ad un macchinario di aspirazione. Si tratta di due metodi il cui utilizzo è affidato esclusivamente ai medici.

OtoBio

Otobio è il rimedio naturale ideale per risolvere problemi superficiali legati all’apparato uditivo e ripristinare al meglio l’organismo. Si tratta di gocce di olio naturale, da instillare nelle orecchie. L’articolo è del tutto naturale e vegetale. Questo prodotto lubrifica il canale uditivo e lo pulisce migliorando la salute dell’apparato uditivo.

E’ possibile utilizzare il prodotto in modo autonomo, senza l’aiuto di nessuno, seguendo lo stesso procedimento delle gocce visto precedentemente. Assieme al prodotto è disponibile un pratico dosatore.

E’ composto da ingredienti del tutto naturali: olio di mandorle dolci, olio di germe di grano, olio di Argan, estratto di foglie di salvia, estratto di gardenia. Non contiene parabeni o sostanze chimiche di qualsiasi tipo e, di conseguenza, non presenta controindicazioni o effetti collaterali.

Per prendere visione del prodotto è possibile cliccare qui o sull’immagine sottostante:

OtoBio provalo adesso

Otobio è un prodotto esclusivo che non si trova nei supermercati o nelle farmacie. E’ possibile acquistarlo solamente attraverso il sito internet ufficiale. Il prodotto è attualmente in vendita a 49 euro. La consegna è del tutto gratuita, non si dovranno pagare, di conseguenza, le spese di spedizione. Ricordiamo che è possibile pagare in modo sicuro con contrassegno, ovvero direttamente alla consegna.

© Riproduzione riservata
Leggi anche