Cos’è e quali sono i benefici della coppettazione

La coppettazione ha molti benefici per l'organismo, scopriamo di cosa si tratta nello specifico e quali sono le sue caratteristiche.

La coppettazione, chiamata anche cupping, è una tecnica di origini molto antiche che veniva già utilizzata nella medicina tradizionale cinese. Oggi si sta diffondendo sempre di più anche in Occidente e viene apprezzata molto da chi svolge attività sportiva. Prende il suo nome dallo strumento principale di cui si serve, ossia delle piccole coppette che possono essere di vetro, bambù, ceramica o plastica.

Queste vanno applicate con cura su alcune parti del corpo con funzione venosa in modo da stimolare la circolazione sanguigna e linfatica, contribuire ad eliminare i ristagni di tossine e dona in tal modo energia vitale all’organismo. Vediamo quali sono tutti i benefici della coppettazione e scopriamo anche quali sono le eventuali controindicazioni.

I benefici della coppettazione

La coppettazione ha molti benefici che la rendono utile in varie situazioni. Gli sportivi la apprezzano molto perchè è in grado di alleviare numerosi tipi di dolore, in particolare offre sollievo ai dolori muscolari dovuti allo sforzo eccessivo e alla fatica.

Advertisements

Si tratta di una tecnica consigliata già dalla medicina tradizionale cinese allo scopo di trattare sintomi legati al dolore originato dal freddo, dall’umidità o dovuti ad eventuali traumi. I benefici derivano dalla sua capacità di richiamare sangue nella zona in cui viene posizionata la coppetta e dunque migliorare la circolazione in punti strategici.

Risulta molto utile anche in caso di problemi all’apparato respiratorio come tosse, amsa e bronchite.

Si usa anche per risolvere disturbi ginecologici e problematiche del sistema nervoso. In alcune occasioni si usa anche per migliorare l’ansia, la depressione e l’insonnia. Spesso si utilizza per il trattamento della cellulite e sempre più Spa e centri benessere la inseriscono tra le tecniche a disposizione dei propri clienti.

Chiaramente la coppettazione deve essere eseguita esclusivamente da personale specializzato in quanto dovranno essere posizionate in modo diverso a seconda del disturbo da trattare.

Questa tecnica non ha basi scientifiche, eppure le persone che l’hanno provato riscontrano dei veri benefici.

Le controindicazioni

La coppettazione ha alcune controindicazioni. Si sconsiglia sopratutto in caso di astenia e di malattie croniche che creano spossatezza. Suggeriamo di evitare questo trattamento anche se si soffre di patologie del sangue, pelle flaccida o dermatosi perchè la condizione della pelle peggiorerà notevolmente. Anche in condizioni particolari come la gravidanza e l’allattamento è essenziale evitare di causare danni al feto.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali, quello che si riscontra con maggior frequenza è senza dubbio il fatto che, subito dopo il trattamento, tendono a formarsi sulle zone della pelle dove sono state applicate le coppette delle macchie rosso-violacee. Questi problemi sulla pelle di solito però scompaiono in pochi giorni, nel caso invece restino più a lungo vi consigliamo di rivolgervi a un medico.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Fibre alimentari solubili: le responsabili del senso di sazietà

Proprietà e controindicazioni dell’aneto

Leggi anche
Contents.media