Meditazione: come trovare la postura corretta

Una corretta postura mentre si pratica la meditazione aiuta ad evitare fastidi e dolori nel corpo, regalandoci un'esperienza piacevole e tranquilla

Per praticare la meditazione, è fondamentale trovare la corretta postura che mantenga la schiena dritta e la colonna allungata. In questo modo, non si schiaccerà il diaframma e si potrà respirare liberamente.

Meditazione: come trovare la postura corretta

Per trovare la corretta postura per la meditazione, è fondamentale essere comoda e assumere una posizione stabile e rilassata.

In questo modo il corpo potrà rimanere immobile durante tutta la pratica di meditazione e la mente sarà calma e concentrata. Vediamo quindi quali sono le posizioni migliori per meditare in maniera piacevole e tranquilla.

Sukhasana

La Sukhasana, può essere considerata una delle posizioni più facili e comode da seduti, perché favorisce il rilassamento, la concentrazione e la meditazione. È particolarmente indicata per chi è poco flessibile o ha rigidità alle ginocchia.

Praticarla è semplice: siediti a terra o sul tappetino con la colonna vertebrale ben dritta e le gambe allungate in avanti. Poi, piega le ginocchia e incrocia le gambe in modo da avere il piede sinistro sotto la coscia destra e il piede destro sotto la coscia sinistra.

Ricordati di mantenere sempre il collo allineato con la colonna vertebrale e di appoggiare le mani sulle ginocchia o all’attaccatura tra cosce e addome con i palmi rivolti verso l’alto.

Padamsana

Anche la Padmasana è una postura corretta per praticare la meditazione. Basterà sederti per terra, piegare il ginocchio destro e portare il piede vicino alla coscia sinistra, mantenendo il ginocchio a terra.

Poi, afferra il ginocchio e la caviglia della gamba destra, sollevali e porta il tallone destro verso l’ombelico e appoggia gentilmente il piede destro nell’incavo dell’anca sinistra e rilassa il ginocchio destro a terra. Fai lo stesso anche con la gamba e il ginocchio sinistri e mantieni le piante dei piedi rivolte verso l’alto.

Ricordati sempre di mantenere il collo allineato con la colonna vertebrale e di allungare bene la testa.

Affinché questa posizione risulti comoda per meditare, assicurati di non forzare alcun muscolo o articolazione. Se senti dolore o fastidio a livello dell’anca, del ginocchio o della caviglia, cambia subito posizione.

Vajrasana

La Vajrasana è una posizione che ti dà grande stabilità nella meditazione. Siediti sui talloni, con le ginocchia parallele unite o in linea con le anche.

Distendi il collo del piede e rivolgi le dita dei piedi all’indietro. Quindi, appoggia le mani sulle ginocchia o all’attaccatura tra cosce e addome oppure in grembo, con la destra sopra la sinistra. I palmi devono essere sempre rivolti verso l’alto.

Come sempre, ricordati di distendere il collo e di mantenerlo allineato alla colonna vertebrale.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali sono i test per individuare l’intolleranza al glutine?

Cos’è la disodontiasi e quali sono i sintomi per riconoscerla

Leggi anche
Contents.media